I MASCHI DISTRATTI ED I MASCHI PIGNOLI… BY LITTIZZETTO   Leave a comment

 

 

Un articolo come sempre super graffiante

della Luciana nazionale

 

 
 
 
I MASCHI DISTRATTI ED I MASCHI PIGNOLI
by Luciana Littizzetto…
 
 

 

 

 
Da una recente indagine sociologica condotta da me stessa su di un campione strettamente personale risulta che la specie umana maschile si può verosimilmente suddividere in due grandi sottogruppi:
 
i maschi distratti e i maschi pignoli.
 
 
Quali i migliori? Difficile dirlo.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Partiamo dai primi: gli sbadati, gli svaniti, i cloni di Mister Bean.  
 
Non avrebbero tanto bisogno di una fidanzata quanto di un’insegnante di sostegno.
Perdere e dimenticare è l’attività  principe delle loro giornate.
Vanno a comperare il giornale e lo lasciano all’edicola, tolgono l’autoradio ma la sistemano sul tettuccio, hanno il telefonino ma si scordano di accenderlo, perdono le chiavi e anche la copia, il portafoglio e anche la patente, cambiano la batteria dell’auto una volta al mese perché dimenticano sistematicamente i fari accesi e tamponano spessissimo perché quando guidano fanno qualsiasi altra cosa fuorché guidare.
E poi si fanno male continuamente.
Si inciampano, si slogano, si sbucciano, si tagliano… roba da quarta elementare.
 
 
 

 

 

I maschi pignoli non sono certo meno faticosi. Tutt’altro.
 
Cronometrano quanto ci mettono da casello a casello, stabiliscono con precisione millimetrica il consumo della loro auto che di solito è un cartone, impilano gli asciugamani per sfumatura di colore, lucidano gli angoli delle scarpe con lo spazzolino da denti, compilano gli specchietti delle agende dei soldi in entrata e soldi in uscita segnando anche lo stick e il biglietto del tram, tengono a memoria la cadenza del ciclo mestruale della fidanzata e scrivono una S sul calendario per ricordarsi i giorni in cui hanno fatto sesso. Sempre molto pochi.
 
 
 
 

 

 

 

Il massimo è il marito della mia amica Elvira. Pignolo e maniaco della pulizia. Mentre mangiamo, lui lava già i piatti. Quelli che stiamo usando. Quando alla moglie incinta si ruppero le acque, invece di tranquillizzarla la inseguì con lo spazzolone del Mocio Vileda.
 
«Però mi piaci, che ci posso fare? Mi piaci» cantava Alex Britti.
Giusto.
Ma è giusto anche quello che mi ha detto l’altro giorno una mia amica napoletana:
«Se metti ‘o rhum in coppa a ‘nu strunz non diventa ‘nu babà!».
(Se metti del rum su di un escremento questo non diventa un babà – n.t.k.)
 
 
 
 
 
Mi piaci – Alex Britti
 
 
 
 
Poveri noi maschi… Nota di T.K.
 
 

 

 
 
 
Dal Web – impaginazione dell’Orso…
 
 
 
 
 
 
 
 
 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar
 LA TUA PAGINA DI SOGNO ?
ARTE POESIA MUSICA BUONUMORE 
SPETTACOLO RIFLESSIONI STORIA ETC.
psiche6.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
 
 
 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: