Archivio per 21 febbraio 2012

LE TRE PAROLE PIU’ STRANE – W. SZYMBORSKA – BUONANOTTE IN MINIPOESIA   3 comments

 
 
 
 
 
 
 
LE TRE PAROLE PIU' STRANE
Wislawa Szymborska
 
Quando pronuncio la parola Futuro
la prima sillaba va già nel passato.
 
Quando pronuncio la parola Silenzio,
lo distruggo.
 
Quando pronuncio la parola Niente,
creo qualcosa che non entra in alcun nulla.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
a tutti
da Tony Kospan

 

 
 

ARTE MUSICA POESIA ETC…
NEL GRUPPO DI FB
AMICI DI PSICHE E SOGNO
 
 
 

Pubblicato 21 febbraio 2012 da tonykospan21 in BUONANOTTE IN MINIPOESIA, Senza categoria

Taggato con

SCHERZIAMO CON… SAN VALENTINO?   Leave a comment

 
 
 
 
 
Sapete che amo…
(e penso di poter dire che amiamo)
l'Amore…
 
 
J'aime l'amour… dicono i francesi… ma non per questo…
non possiamo sorridere… con il nostro caro… San Valentino…
ora che l'abbiamo festeggiato…ed ora che siamo a Carnevale!!!
 
 

 
 
 
Ho pensato dunque di dedicar questo post…
a tutto quanto ho trovato di divertente in giro
su San Valentino e sull'amore in genere…
 
 
 
 
 
 
 
 
SAN VALENTINO MALTRATTATO
 
 
 
Ecco come festeggiava nel 2006 un cacciatore…
era stato tradito?
 
 
 
 
 
Anche qui… qualcuno deluso che ha deciso
di lanciarlo, poverino, contro un palazzo
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
GLI ANTI-BACI PERUGINA
 
 
 
 
 
 
 
 
San Valentino
San Valentino è la festa dell'amore. Per festeggiarlo veramente, mirate al cuore.
(Al Capone).

Il bacio
Il bacio di una donna può non lasciare traccia nell'anima,

ma ne lascia sempre sul bavero della giacca.
(Enrique Jardiel de Porcela)

Tutto il resto
Amatevi gli uni sugli altri

(Maggio francese, 1968)

Amore significa non dover mai dire: “Sono incinta”.

(da una sit comedy americana)

Amore? Forse col tempo, conoscendoci peggio.
(Ennio Flaiano)

Basta un attimo per innamorarsi, quindi…non distraetevi.

(Fabio Fazio)

Facendone un peccato, il Cristianesimo ha fatto molto per l'amore.

(Anatole France)

I grandi amori si annunciano in un modo preciso, appena la vedi dici:

chi è questa stronza?
(Ennio Flaiano)

L'amore consiste nell'essere cretini insieme.

(Paul Valéry)

L'amore è donare qualcosa che non si ha a qualcuno che non la vuole.

(Jacques Lacan)

L'amore ha diritto di essere disonesto e bugiardo. Se è sincero.

(Marcello Marchesi)
 
 
 
 
 
 
BELLE IMMAGINI… RICORDO…
 
 
Un palazzo…
 
 
 
 
 
Un giardino…
 
 
 
 
 
Una piscina…
 
 
the love pool
 
 
 
Una spiaggia
 
 
 
 
 
Un'auto…
 
 
luv-bug
 
 
 

 
 
 
 
OGGETTI PER SAN VALENTINO
 
 
Fiammiferi a cuore…
 
 
 
mutande a cuoricini
 
 
 
 
 
un ombrello…
 
 
 
 
un orologio
 
 
 
 
 
una sedia
 
 
 
 
 
un giaccone con tasca posteriore…
per accarezzarsi la “schiena” tra innamorati…
 
 
 
 
 
 caramelle per il giorno di San Valentino
 
 
 
 
 
 lecca lecca…
 
 
 
 
 
fantastici cupcake alla crema rosa
 
 
 
 
 
cuore di cioccolato
 
 
 
 
 
 
palloncini…
 
 
 
 
una borsa…
 
 
 
 
 
ed ecco la più bella per noi amanti del pc
il pc vestito per San Valentino…!!!
 
 
 
 
 
LE VIGNETTE PER SAN VALENTINO
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
una reduce dalla festa di S. Valentino
 
first date
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

SE DIO VORRA'… PERO'…
CI AUGUREREMO…
SEMPRE ED IN OGNI CASO…
BUON SAN VALENTINO
ANCHE NEL 2013… A bocca aperta
 
 
 
 
 
 
CIAO DA TONY KOSPAN
 
 

VENITE TUTTI AL PRIMO VEGLIONE DI CARNEVALE… VIRTUALE…   2 comments

 

 
 

 
 
Venghino signori… venghino…
 
 
 

 
 
 
Stasera è proprio qui
la festa di Carnevale…
 
 
Una volta all'anno è lecito far pazzie…
(Semel in anno licet insanire dicevano i latini)
 
 
 

 
 
Chi non esce per veglioni
può venire qui…
 
 
 

 
 
 
Sìììììììììììììììììììììììììììììììì
è qui… proprio quiiiiiiiiiiii…. la festa…
e… con questi chiari di luna…
senza pagar nemmeno un euro…!!!!
 

 

 
 
Ciascuno può indossare una maschera… o un costume…
ovviamente virtuale…
e portar dolcetti… o coriandoli*… o quel che vuole
per divertirci insieme…
 
 
 
 
Tu che maschera indosserai?
 
 
 
 
 
 
Anche se stai per andar al veglione…
prima di uscire… puoi dirci come ti mascheri…
 
 
 
 
 
 
Qui e solo per noi… e tra noi…
frizzi… lazzi e cotillons…
 
 

 

 

cioè musiche gif immagini poesie etc… divertenti

 

 

 

 

C'è posto per tutti, non spingete
qui abbiamo un bel servizio d'ordine come vedete…
 
 
 
 
 
 
Si dia dunque subito inizio alle danze…
e scateniamoci senza problemi
dato che ballando virtualmente non si suda…
e non ci si stanca…
 
 
 
 
 
Non può mancare qualche poesia divertente…
 
 
 
 
 
 
 
DELIRIO N°666
Eleonora Albanese
(da leggere tutte d'un fiato!)
“Le sigarette fan bene alle tette!”.
Ma dove le ho lette io queste parole
le solite sole
per farti fumare e pagare
un pacchetto
per avere più petto
ma io non lo accetto
ah, chi me lo ha detto!
Anche se a letto
vorrei a te piacere
e non farti vedere
un piccolo seno
che poi mi avveleno
se guardi le poppe
lì dentro le coppe
delle altre ragazze
di tutte le razze
che incontri per strada
c'è sempre una “ladra”
che ce le ha più tonde
e che ti confonde
ti prende e ti stende
sul divano di pelle
e le dici “che belle
che sono le tue
non come le sue o quelle del bue”
e affondi la faccia
e muovi le braccia
per toccargliele ancora
ed io Eleonora
ti aspetto da un'ora
lì sotto casa
e come un invasa
continuo a fumare
e voglio pensare
che tu le mie tette
non dovrai più toccare
e vatti a lavare
e non mi scocciare
ma sai che ti dico?
adesso vò al mare
mi tolgo il costume
e lascio vedere
a chi se ne intende
da cosa dipende
che il mio fidanzato
mi ha trascurato
e sono sicura
così mi consolo
tra mille lo trovo
quello che solo
guarda il mio petto
e per lui da domani
ci puoi giurare
smetto felice
sì, di fumare!
 
 
 
 
 
 
 
AH SMETTI SEDIA…
Patrizia Cavalli
 
Ah smetti sedia di esser cosi sedia!
E voi, libri, non siate così libri!
Come le metti stanno, le giacche abbandonate.
Troppa materia, troppa identità.
Tutti padroni della propria forma.
Sono. Sono quel che sono, Solitari.
E io li vedo a uno a uno separati
e ferma anch'io faccio da piazzetta
a questi oggetti fermi, soli, raggelati.
Ci vuole molta ariosa tenerezza,
una fretta pietosa che muova e che confonda
queste forme padrone sempre uguali, perché
non è vero che si torna, non si ritorna
al ventre, si parte solamente,
si diventa singolari.
 
 
 
 
ed una mitica canzone di Rino Gaetano
 

 
 
 
 
 
ANCORA UN ULTIMO…MUSICALE

 
 
 
 
DA TONY KOSPAN
 

BARCHE DI CARTA – TAGORE – GRANDE POESIA DI …E SUL… SOGNO   2 comments

 
 
 
 
 
 
GRANDE POESIA… DI E… SUL… SOGNO
 
 
 
 
 
 
 
Questa poesia l'ho conosciuta
grazie ad un’amica di Psiche…
 
 
BARCHE DI CARTA
Tagore…
 
 
 
 
 
 
E’ a mio parere una poesia che…
letteralmente “naviga”… proprio nel sogno…
con una dolcezza ed un’intensità davvero uniche…
 
 
E’ una poesia affascinante
ed un vero e proprio inno… al Sogno…
che come saprete… anche dal titolo del mio blog…
è per me non solo un amico fedele…
ma anche capace, col suo aiuto,
di farci superare i momenti difficili…
che comunque ahimé non mancano…
nella vita di noi tutti.
 
 
 
(Calcutta, 6 maggio 1861 – Santiniketan, 7 agosto 1941)
 
 
 
E davvero non sono mancate, eccome…,
e… tremende le sventure…
nella vita di questo grandissimo poeta indiano…
 
 
 
E' stata comunque davvero ammirabile
la sua capacità di metabolizzare,
senza perdere mai il suo amore per la vita,
le grandi tragedie che l'hanno colpito
grazie ad una grandissima forza d'animo
e forse aiutato dalla luce sublime
del suo stupendo mondo poetico.
 
 
 

Nota (musica new age)
 
 
 
BARCHE DI CARTA
Tagore
 
Ogni giorno faccio galleggiare
le mie barche di carta a una a una
giù per la corrente del fiume.

Su di esse scrivo il mio nome
e il nome del villaggio dove vivo
in grandi lettere nere.
Io spero che un giorno qualcuno
in qualche paese straniero
le trovi, e sappia chi sono.
Carico le mie barchette con fiori
di shiuli, colti dal nostro giardino,
e spero che quei fiori del mattino
sian portati nel paese della notte.
 
Io varo le mie barchette di carta
e osservo nel cielo le nuvolette
che spiegano le loro bianche vele.

Non so quale mio compagno di giochi
su in cielo le mandi giù per l’aria
a gareggiare con le mie barchette!
 
Quando scende la notte affondo la faccia
nelle braccia, e comincio a sognare
che le mie barchette di carta
galleggiano sotto le stelle.

In esse viaggian le fate del sonno,
e il carico è cesti pieni di sogni.
 
 
 

 
 
 
 
 
E voi… sì voi…
 cosa ne pensate?
 
 
 Tony Kospan
 
 
 
 
 
 
 
 
POESIE?
 
 
UN MODO DIVERSO DI VIVERLE
 
 
 

Pubblicato 21 febbraio 2012 da tonykospan21 in POESIE SUBLIMI, Senza categoria

Taggato con ,

LA BATTAGLIA PIU’ ANTICA DELLA STORIA   Leave a comment

 
 
 
 
La città della Mesopotamia assediata e distrutta
da una pioggia di palle d'argilla e di materiale incendiario
 
 
 

Hamoukar Ballistae

 

Hamoukar, Siria, 5.500 anni fa
la battaglia più antica della Storia

 

Ma ancora non si sa ancora da chi venne attaccata
di LUIGI BIGNAMI

 

 

 
 
Le armi di pietra

 

 

 

LA BATTAGLIA PIU' ANTICA DELLA STORIA

 

FORSE fu la prima guerra – o comunque tra le prime – che l'umanità combattè in modo organizzato e che causò la distruzione di una città sotto il “fuoco” di palle di argilla e materiale incendiario.
Le testimonianze di quell'evento sono venute alla luce in Siria, là dove un tempo si estendeva la Mesopotamia.
La città si chiama Hamoukar.
La battaglia che la mise sotto assedio e la distrusse si svolse circa 3.500 anni prima di Cristo.

 

 

Scavi di Hamoukar

 

La scoperta è stata realizzata dall’Oriental Institute dell’Università di Chicago e dal Dipartimento delle Antichità della Siria. Hamoukar era un centro dove si costruivano manufatti in ossidiana (una roccia derivata da lave vulcaniche) forse già 4.500 anni prima di Cristo (una delle città più antiche mai costruite dall’umanità) e questo le diede una certa prosperità.
Si trova nel nord est della Siria a meno di 10 chilometri dal confine con l’Iraq, ma ovviamente a quel tempo questi confini non avevano alcun valore.

 
 

 

 

 

Il lavoro dei ricercatori era quello di capire quale fosse il ruolo delle città di quest’area che fino ad oggi si pensava ricoprissero un posizione periferica rispetto a quelle presenti nel sud dell’Iraq, che erano ancor più antiche e potenti e che alcune si erano riunite in imperi. Le ricerche, ancora in corso, hanno dimostrato che anche quelle siriane, invece, avevano un ruolo culturale e spesso anche economico molto importante, tant’è che con esse si era aperto un vero e proprio commercio che a volte aveva portato anche a conflitti di una certa intensità.

 

 
 
 
 
 
Spiega Clemens Reichel dell’Università di Chicago: “Ciò che accadeva nelle città del nord non può essere spiegato come semplice espansione delle culture del sud dell’Iraq, ma che al loro interno si è avuto una propria evoluzione culturale”. Le città portate alla luce fino ad oggi, come Tell Brak, Habuba Kabira e la stessa Hamoukar erano molto più grandi e più antiche di quanto ci si aspettava e lo dimostrerebbe anche l’industria dell’ossidiana sorta a Hamoukar. Le ricerche in quest’ultima città sono attive dal 1999 e hanno messo in luce che i 160mila metri quadrati che formavano la città erano circondati da mura spesse 3,5 m. Tuttavia la presenza di materiale derivato dalla produzione di ossidiana si estende per oltre 3 milioni di metri quadrati.
 
 

 

 

 

Ora Reichel ha portato alla luce le testimonianze che un giorno la città venne posta sotto assedio e che una vera e propria battaglia fece collassare gli edifici e causò incendi che andarono presto fuori controllo che bruciarono quasi l’intera città.

Secondo lo studioso, la città venne bersagliata da una vera pioggia di pallottole di argilla compressa di alcuni decimetri di diametro. In un solo edificio, considerato di importanza amministrativa, ne sono stati trovati più di 1.000 e almeno uno era riuscito a perforare le mura composte da fango compresso.

 

 
 

 

 

Sicuramente vi furono numerosi morti, tant’è che sono state trovate una dozzina di tombe successive alla battaglia al cui interno vennero deposte alcune delle vittime. Fino ad oggi si pensava che la città fosse stata distrutta da un terremoto, ma la scoperta delle “pallottole” sconfessa questa ipotesi.

Ma chi invase la città? Ad oggi il nemico rimane un mistero, anche se Secondo Reichel dato il tipo di armi esso doveva provenire dal Sud.

 

( da repubblica.it – impaginaz. t.k.)

 

 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar

SU FACEBOOK…
IL TUO SALOTTO CULTURALE
psiche6.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
  
 
 

Pubblicato 21 febbraio 2012 da tonykospan21 in ARCHEOLOGIA, Senza categoria

Taggato con ,

BREVE STORIA DEL CARNEVALE… DAGLI EGIZI AD OGGI…   Leave a comment

 
 
 
L'allegra storia, in breve,
del Carnevale dalle origini ai nostri giorni…
.

Una festa che ha superato i millenni…

ma che pur con diverse modifiche

ha mantenuto intatto lo spirito trasgressivo

 


 
 

.

.

STORIA DEL CARNEVALE

 


Le prime notizie sul Carnevale, all’inizio un vero e proprio rito religioso, risalgono ai tempi degli Egiziani.


All'epoca dei faraoni, il popolo, mascherato, intonando inni e lodi, accompagnava una sfilata di buoi che venivano sacrificati in onore del dio Nilo.
 
Se i Greci dedicavano il rito al dio del vino Dionisio, è soprattutto nel mondo romano e delle sue feste popolari, che possiamo ritrovare le origini del nostro carnevale.
 
 
 

 
 
 
I Romani si lasciavano prendere dall’euforia durante i Baccanali: festeggiamenti in onore del dio Bacco che si svolgevano lungo le strade della città e prevedevano l'uso di maschere, tra fiumi di vino e danze.
 
 
 

 
 
 
Famosa era anche la festa di Cerere e Proserpina, che si svolgeva di notte, in cui giovani e vecchi, nobili e plebei si univano nell’entusiasmo dei festeggiamenti.
In marzo e dicembre era poi la volta dei Saturnali, le feste sacre a Saturno, padre degli dei, che si svolgevano nell'arco di circa sette giorni durante i quali gli schiavi diventavano padroni e viceversa, dove il “Re della Festa”, eletto dal popolo, organizzava i giochi nelle piazze, e dove negli spettacoli i gladiatori intrattenevano il pubblico.
 
 
 

 
  
Negli anni i Saturnali divennero sempre più importanti, all'origine infatti duravano solo tre giorni, poi sette finché, in epoca imperiale, furono portati a quindici.
 
 
 

 

 

Ai Saturnali si unirono le Opalia, in onore della dea Ope moglie di Saturno, e le Sigillaria, in onore di Giano e Strenia.

Con il cristianesimo questi riti persero il carattere magico e rituale e rimasero semplicemente come forme divertimento popolare.
Durante il Tardo Medioevo il travestimento si diffuse nei carnevali delle città.

In quelle sedi il mascherarsi permetteva lo scambio di ruoli, il burlarsi di figure gerarchiche, le caricature di vizi o malcostumi con quelle stesse maschere che sono poi diventate simbolo di città e di debolezze umane.
 
 
 

 
 
Nel Rinascimento i festeggiamenti in occasione del Carnevale furono introdotti anche nelle corti europee ed assunsero forme più raffinate, legate anche al teatro, alla danza e alla musica
 
 
 

 
 
 
La festa carnevalesca raggiungerà il massimo splendore nel XVI secolo, nelle strade della Firenze di Lorenzo dei Medici. Danze, lunghe sfilate di carri allegorici e costumi sfarzosi segnano una svolta di questa festa, amatissima nella culla rinascimentale.
 
 
 

 
 
 
Con gli attori della Commedia dell'Arte, alla fine del '500, alcuni dei tipici personaggi carnevaleschi prendono forma e vengono caratterizzati nel linguaggio e nella gestualità. Nascono “le maschere” che penetrano nella tradizione collettiva e ci accompagnano ancora oggi.

La galleria delle maschere italiane è vasta.
 
 
 



 
 
 
Il Carnevale nel corso dei secoli ha assunto fisionomie e caratteristiche diverse in relazione alle località in cui veniva festeggiato…








Non ha però mai smesso di rappresentare un importante momento di sospensione della routine e dei problemi quotidiani.




Carnevale di Manfredonia del  1963



Che cosa è il Carnevale oggi?

E' una festività celebrata in quasi tutto il mondo, in forme a dire il vero anche molto diversificate, la cui diffusione è paragonabile ad un'altra ben nota festa profana, quella dell'ultimo giorno dell'anno.

 
 
 

 
 .
.
Molto noti sono il Carnevale di Rio de Janeiro, in Brasile, quello di New Orleans, o di Venezia e di Viareggio in Italia e i giorni di più intensa baldoria e licenziosità sono il Giovedì, il Sabato e in particolare il Martedì Grasso.
 
 

 .
.
 

 
 
 

 .
.
E' da notare che sono proprio questi ultimi giorni ad esser vissuti con consapevole massima trasgressione e con eccessi di ogni genere prima della… non amata Quaresima (digiuno e preghiera) ed in attesa della “liberazione” della Pasqua.

 .
.

 .
.

 .

In effetti anche se ai giorni nostri la Quaresima fa molto meno paura…  il Carnevale mantiene intatto il suo fascino… benché ormai sempre più… di genere consumistico (tra l'altro opportuno vista la crisi).
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 


FONTI: VARI SITI WEB – COORDINAM. E IMPAGINAZIONE T.K.
 
 
 
 
 


a tutti da Orso Tony
vestitosi per l'occasione…
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

BUON MARTEDI’ E BUON CARNEVALE IN POESIA ARTE E…   1 comment

 
 
 
Chagall – Il carnevale notturno
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
e
 
 
 
 

 
 
 
 
 
E' molto, molto difficile mettere d’accordo cuore e cervello…
Pensa che, nel mio caso, non si rivolgono nemmeno la parola!
Woody Alllen
 
 
 
 
 
 
 
 
Mirò – Il carnevale di Arlecchino
 
 
 
 
 
LA FILOSOFIA DELL'AMORE
– Percy Bysshe  Shelley –
 
 
Le fonti si confondono col fiume
i fiumi con l’Oceano
i venti del Cielo sempre
in dolci moti si uniscono
niente al mondo è celibe
e tutto per divina
legge in una forza
si incontra e si confonde.
Perché non io con te?
 
 
 
 
Pierre Bergaigne – Ballo di carnevale
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e
 
 
 
 
à tout le monde…
par Tony Kospan
 
 
 
 
 
 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: