ROMANZA DELLA LUNA – LUNA – POESIA POCO NOTA DI LORCA   6 comments

 
 



Questa poesia del mitico Garcia Lorca
quando, alcuni anni fa, la lessi per la pima volta,
era quasi del tutto sconosciuta
e faticai molto a trovarne traccia in internet.


 
 
 
 
 
 

ROMANZA DELLA LUNA – LUNA
FEDERICO GARCIA LORCA
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

M’era stata segnalata e richiesta
da un’amica del mio gruppo di poesia di fb
IL FANTASTICO MONDO DELLA POESIA
ma poi l’ho vista sempre più spesso in giro.
 
 
Non fu facile allora trovarla in italiano
e ci stavo rinunciando ma alla fine, per puro caso, 
la trovai e, per colmo di fortuna,
 pure in una traduzione… d’autore!

 
 
 
 
 
 
 
 
 

La poesia mi appare come un lunare dipinto fantasy
o, se si preferisce,
un fantastico omaggio in movimento al bianco lume.
 
 
Il poeta si lascia andare infatti a disegnare
momenti e movimenti quasi musicali e danzanti
di bambini e  gitani…
insieme all’astro che illumina le nostre notti.

 
 
Ma ora leggiamola…
 
 
 
 
 
 
 
 

ROMANZA DELLA LUNA – LUNA
Garcia Lorca


La luna venne alla fucina
col suo sellino di nardi.
Il bambino la guarda, guarda.
Il bambino la sta guardando.

Nell’aria commossa
la luna muove le sue braccia
e mostra, lubrica e pura,
i suoi seni di stagno duro.

Fuggi luna, luna, luna.
Se venissero i gitani
farebbero col tuo cuore
collane e bianchi anelli.

Bambino, lasciami ballare.
Quando verranno i gitani,
ti troveranno nell’incudine
con gli occhietti chiusi.

Fuggi, luna, luna, luna
che già sento i loro cavalli.
Bambino lasciami, non calpestare
il mio biancore inamidato.

Il cavaliere s’avvicina
suonando il tamburo del piano.
nella fucina il bambino
ha gli occhi chiusi.

Per l’uliveto venivano,
bronzo e sogno, i gitani.
le teste alzate
e gli occhi socchiusi.

Come canta il gufo,
ah, come canta sull’albero!
Nel cielo va luna
con un bimbo per mano.

Nella fucina piangono,
gridano, i gitani.
Il vento la veglia, veglia.
Il vento la sta vegliando.

 

 

A Conchita García Lorca
1924
da “Romancero gitano”
 
Traduzione di Carlo Bo
 
 
 
 
 

Chagall

 
 
 
 
Come sempre mi piacerebbe leggere
vostre impressioni, vostre sensazioni.
 
Tony Kospan



 





 
 
 

 

 

 

6 risposte a “ROMANZA DELLA LUNA – LUNA – POESIA POCO NOTA DI LORCA

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Con questa componimento Lorca esprime perfettamente la sua base Surrealista, troviamo numerose parole che si ripetono quasi a voler creare una ninna nanna che incanta il bambino e lo trascina via con la luna. La luna stessa viene rappresentata come una presenza negativa ma prosperosa. Il grido dei “gitani” trasuda di misticità andalusa. Tutto il testo è intriso di mistero , il bambino si fa un tutt’uno con la natura che lo circonda, riesce ad entrare in contatto con il suo subconscio.
    La poesia incarna perfettamente la poetica di Lorca, il quale descriveva il popolo Gitano come in grado di ricevere gli impulsi misteriosi che la terra inviava.

    "Mi piace"

  2. peccato che la traduzione peggiori troppo il testo. ne conosco una versione cantata incantevole.

    "Mi piace"

  3. Ha d’oro Garcia e il suo meraviglioso magico inno alla casta diva………..

    "Mi piace"

  4. Pingback: Argomenti d’esame classe III E | Hasta los examenes finales… :-)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: