Archivio per 17 Maggio 2011

SOSPESO – BRAMANTI – FELICE NOTTE IN MINIPOESIA…   7 comments

 
 
 
 
 
 
SOSPESO
Carlo Bramanti
 
 
Mi chiedo
perchè vuoi apparire
diversa …
E penso,
mi muovo….
così che
ogni tua amorevole bugia
sia un giglio
estraneo,
lontano,
sospeso
nel vento.
 
 
 
 
buonanotte.gif image by piriquita2009
 
 
 
da Tony Kospan
 
 
 
 
 

Pubblicato 17 Maggio 2011 da tonykospan21 in BUONANOTTE IN MINIPOESIA, Senza categoria

AUSCHWITZ – NOMADI – CANZONE POESIA   Leave a comment

 
AUSCHWITZ
– NOMADI –
CANZONE POESIA
 
 

 

 

DAVVERO UNA POESIA… QUESTA CANZONE…
CHE DEFINISCO…
UN BRANO D'ALTO VALORE MORALE
ED UN CONTRIBUTO ALLA MEMORIA…
 
 
 
 
 
AUSCHWITZ
 
– LA CANZONE DEL BAMBINO NEL VENTO –
 
Nomadi
 
 
Son morto con altri cento,
son morto ch'ero bambino:
passato per il camino,
e adesso sono nel vento.
Ad Auschwitz c'era la neve:
il fumo saliva lento
nel freddo giorno d'inverno
e adesso sono nel vento.
Ad Auschwitz tante persone,
ma un solo grande silenzio;
è strano: non riesco ancora
a sorridere qui nel vento.
Io chiedo come può l'uomo
uccidere un suo fratello,
eppure siamo a milioni
in polvere qui nel vento.
Ancora tuona il cannone,
ancora non è contento
di sangue la belva umana,
e ancora ci porta il vento.
Io chiedo quando sarà
che l'uomo potrà imparare
a vivere senza ammazzare,
e il vento si poserà.

 

(dall'album Ma che film la vita)

 

 

 

E', A MIO PARERE, BELLO ASCOLTARLA…
O RIASCOLTARLA…
ED INSIEME… PERO' RIANDARE CON LA MENTE
A TUTTO QUANTO ESSA RAPPRESENTA…
 
 
 
 

 
 
 
ORSO TONY…

Pubblicato 17 Maggio 2011 da tonykospan21 in CANZONI POESIE, Senza categoria

Taggato con

L’UOMO E LA DONNA – HUGO – POESIA SUBLIME   3 comments

 
 
Barres ...
 
 
 
L’UOMO E LA DONNA
POESIA SUBLIME
 
 
UN VERO E PROPRIO INNO ALL’AMORE QUESTA POESIA… 
PER ME DAVVERO SUBLIME…
DI VICTOR HUGO…
(CONSIDERATO IL PADRE DEL ROMANTICISMO FRANCESE)
 
 
 
Victor-Marie Hugo
 (Besançon, 26 febbraio 1802 – Parigi, 22 maggio 1885)
 
 
 
L’UOMO E LA DONNA VISTI NELLA LORO
DIVERSITA’ MA INSIEME COMPLEMENTARITA’.
 
 
 
EGLI CI PARLA
DELL’ASSOLUTA UGUAGLIANZA TRA I SESSI…,
COSA IMPENSABILE A QUEL TEMPO…,
PUR CON LE NATURALI DIFFERENZE…
 
 
 
John Singer Sargent
 
 
 
A MIO PARERE LA POESIA CI IMMERGE
IN UN’ATMOSFERA DOLCE FANTASTICA E SOGNANTE…
ANCOR DI  PIU’,  FORSE, SE LA LEGGIAMO
ASCOLTANDO QUESTA DOLCISSIMA MUSICA…  
 
 
 

Nota 
 

 
 
L’UOMO E LA DONNA
Victor Hugo  
 
 
L’uomo è la più elevata delle creature.
La donna è il più sublime degli ideali.
Dio fece per l’uomo un trono, per la donna un altare.
Il trono esalta, l’altare santifica.
 L’uomo è il cervello. La donna il cuore.
Il cervello fabbrica luce, il cuore produce amore.
La luce feconda, l’amore resuscita.
L’uomo è forte per la ragione.
La donna è invincibile per le lacrime.
La ragione convince, le lacrime commuovono.
L’uomo è capace di tutti gli eroismi.
La donna di tutti i martìri.
L’eroismo nobilita, il martirio sublima.
L’uomo ha la supremazia.
La donna la preferenza.
La supremazia significa forza;
la preferenza rappresenta il diritto.
L’uomo è un genio. La donna un angelo.
Il genio è incommensurabile;
l’angelo indefinibile.
L’aspirazione dell’uomo è la gloria suprema.
L’aspirazione della donna è la virtù estrema.
La gloria rende tutto grande; la virtù rende tutto divino.
 L’uomo è un codice. La donna un vangelo.
Il codice corregge, il vangelo perfeziona.
L’uomo pensa. La donna sogna.
Pensare è avere il cranio di una larva;
sognare è avere sulla fronte un’aureola.
L’uomo è un oceano. La donna un lago.
L’oceano ha la perla che adorna;
il lago la poesia che abbaglia.
L’uomo è l’aquila che vola.
La donna è l’usignolo che canta.
Volare è dominare lo spazio;
cantare è conquistare l’Anima.
L’uomo è un tempio. La donna il sacrario.
Dinanzi al tempio ci scopriamo;
davanti al sacrario ci inginocchiamo.
Infine:
l’uomo si trova dove termina la terra,
la donna dove comincia il cielo.
 
 
 
 
 

 

 

 

Barres & déco diverses

 

CIAO DA TONY KOSPAN

 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar 

IL TUO SALOTTO DI FB

 
 
 

Pubblicato 17 Maggio 2011 da tonykospan21 in POESIE SUBLIMI, Senza categoria

2 DANZATORI BRAVISSIMI – LEI 84 ANNI E LUI 25!!!   3 comments

 

 

 

 

UN VIDEO INUSUALE… CHE CONSIGLIO…

2 DANZATORI… BRAVISSIMI…

 

 

 

LEI HA 84 ANNI E LUI 25!!!

 

 

 

 

CIAO DA TONY KOSPAN…

 

 

Pubblicato 17 Maggio 2011 da tonykospan21 in MUSICA NEL MONDO..., Senza categoria

L’AMENA STORIA DEL CULTO DI SAN PASQUALE BAYLON PROTETTORE DELLE DONNE   3 comments

 

 
 
 
 

L’AMENA STORIA DEL CULTO DI 
SAN PASQUALE BAYLON
PROTETTORE DELLE DONNE
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Il santo del 17 maggio è San Pasquale Baylon
Protettore delle donne (e non solo).

Chi era e come mai è definito protettore delle donne? 

 
 
 
 
 
Visualizza immagine di origine
 
 
 
 
 

LA STORIA DEL SANTO

 

Pasquale Baylon fu un umile fraticello spagnolo del 1500 che, fin da giovanissimo pastorello, sentì forte la vocazione religiosa.

Di lui si ricorda oltre alla grande umiltà un pericolisissimo viaggio attraverso la Francia calvinista e la sua difesa dell’Eucaristia. 
 
Fu dichiarato Santo nel 1690 da Papa Alessandro VIII.

 
 
 
 
 
 
 
 

L’ORIGINE DELLA
“PROTEZIONE DELLE DONNE”
 

 
Oltre ad essere considerato il Santo 
a cui le donne nubili possono rivolgersi per trovare marito
è anche il Santo della “protezione” delle donne.

La storia è davvero simpaticissima…
e nasce soprattutto dalla tradizone popolare partenopea.

Tradizione narra che il fraticello consigliasse in confessione, 
alle donne che si lamentavano… dei mariti,
di dar a loro un uovo sbattuto con zucchero e vino
e per questo è considerato da molti 
anche l’inventore dello zabaione.

 
 
 
 
 
 
 

Il suo culto, come accennavo su,
 ebbe molta diffusione a Napoli ed in provincia
per poi diffondersi in varie parti d’Italia 
ma soprattutto in meridione.
 
Le donne cantavano… e pregavano… il santo così…
«San Pasquale Baylonne protettore delle donne,
fammi trovare marito, bianco, rosso e colorito,
come te, tale e quale, o glorioso san Pasquale!».
 
 
 
 
 
 
 
 
Una storia ancor più colorita sempre nell’ambito del mito del frate
protettore delle donne riguarda una statua che si trovava
in una chiesa di Torre Annunziata che raffigurava il santo
come un marinaio con tutta l’attrezzatura di pesca
e con in mano un pesce che…. sembrava… ehm ehm.
 
 
Nel solco di questa tradizione, giunta fino ai giorni nostri,
c’è stato un film del genere boccaccesco del 1976 con Lando Buzzanca
che ricorda queste curiosità ed in cui c’è tra l’altro una simpatica processione
con le donne che lo implorano cantando una divertente canzoncina.



 
 
 
 
 

CIAO DA TONY KOSPAN
 
 
 
 

angiol 126

LA TUA PAGINA DI SOGNO








 
 

IN PENA PER UN CIELO INFRANTO – P. ELUARD – FELICE MARTEDI’ IN POESIA E…   4 comments

 
 
 
 
 
 
 
 
L’amore è la poesia dei sensi.
(Honorè De Balzac)
 
 
 
 
 
IN PENA PER UN CIELO INFRANTO
Paul Eluard
 
In pena per un cielo infranto
per la pioggia che ci bagnerà
vado pensando alla gioia grande
che se vorremo ci prenderà.
Tra dovere ed inquietudine
esita questa vita rude.
(è una molto grande pena
confessarlo, ora)
Qui ogni cosa odora d’erba.
Su tutto il cielo, in cielo,
il volo delle rondini
ci distrae, ci fa pensare…
Io penso una speranza quieta.
 
 
 
 
 
 
 
 
 

da Orso Tony
 
 
 
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: