Archivio per 1 marzo 2011

MARGHERITINA – N- CASOLA – FELICE NOTTE IN MINIPOESIA   Leave a comment

 
 
 
 
 
MARGHERITINA
Nino Casola
 
 
Raccolgo in un prato
Una triste, solitaria margheritina,
Sincera,
Come quella che tanti anni fa
Mi disse:
“Non m’ama!”
 
 
 
da Tony Kospan…
 
 
 
POESIE?
NEL GRUPPO DI FACEBOOK…
 
 
UN MODO DIVERSO DI VIVERLE
TONY KOSPAN

Pubblicato 1 marzo 2011 da tonykospan21 in BUONANOTTE IN MINIPOESIA, Senza categoria

STOP VIOLENZA SULLE DONNE! E BASTA CON LE SCUSE! BELL’ARTICOLO DI LELLA COSTA   25 comments

 
 
 
 
 
 
 
 
 
STOP VIOLENZA SULLE DONNE!
E BASTA CON LE SCUSE!

 
 
 
 
 
 
 
 
 
Un bellissimo originale articolo di Lella Costa in difesa
della libertà e dignità della donna… che sfata
con splendida amara ironia… i ridicoli luoghi comuni assolutori…
 
 
 
 
 

Sembrano cose scontate
ma ahimé ancor oggi sotto la vernice perbenista
della nostra Società si nasconde di tutto… e di più…
perfino donne che sono contro le donne.
 
Penso proprio che sull’argomento tutti noi
potremmo e dovremmo dire la nostra…
 
 
 

 

 

 
 
 
 
SMETTETELA!  E PER SEMPRE!
 

La prima volta che per la strada, tornando da scuola, un tale ti si è avvicinato e ha cominciato a dirti cose, e tu non le capivi nemmeno, ma hai intuito lo schifo prima ancora del pericolo, e sei scappata via, e la notte non riuscivi a dormire, ma neanche a dirlo.

Come se un po’, almeno un po’, te la fossi andata a cercare.
 
 

 
 
 
La manomorta sull’autobus, e se provi a reagire intorno c’è solo scherno, e donne più grandi che stringono le labbra contrariate – da che mondo e mondo – son cose che succedono, non sei nè la prima nè l’ultima, fai finta di niente che è meglio, e poi a vestirti in quella maniera un pò, almeno un pò, te la sei andata a cercare.
 
(Quale maniera, di che cosa state parlando, avevo i jeans, faceva freddo, non si vedeva niente.)
 
 
 
 
 
 

Le facce delle madri degli imputati nei processi per stupro.

Ti aspetteresti che maledicessero i figli, che li disconoscessero, bibliche, inesorabili, che stringessero tra le braccia la vittima, e la consolassero, e le chiedessero scusa e avessero cura di lei.

E invece la guardano con odio e disprezzo lei, la rovina dei loro bravissimi ragazzi, lei che ci stava, altroché se ci stava, lei che li ha provocati, lei che se l’è andata a cercare.
 
 
 
 
 
Le donne, le bambine violentate dai padri, dai mariti, dai fratelli, dagli amici di famiglia, che preferiscono tacere, subire, sperare che la smettano da soli, perché mai, mai potrebbero sopportare che si sapesse, che se ne parlasse.

Troppa vergogna. Le vittime che si vergognano al posto dei loro carnefici. 

 

 
Niente da dire, è il crimine perfetto. Complimenti.

E poi, si fa presto a dire violenza, a dire stupro, ma insomma si sa che a volte si trascende, ma il desiderio acceca, travolge e poi che diamine, alle donne piace…
è sempre stato così.
 
Vis grata puellae, no?
 
No.
Che siate stramaledetti, no.
 
 
 
 
Non provate a spacciare per complicità il sopruso, per gioco la brutalità.


E soprattutto smettetela di tirare in ballo l’istinto, la provocazione, il desiderio irrefrenabile.
Balle. Non c’è desiderio in uno stupro, mai.

Non c’è nemmeno sguardo.
Una donna vale l’altra,
con buona pace dei moralisti e dei prefetti.
Non c’entra l’abbigliamento, l’ora, il posto,
l’incoscienza, neppure l’età – andate a chiederlo a chi lavora nei centri di soccorso – alle donne stuprate.

 
 

 
 
Andate a leggere i resoconti di donne più che adulte, più che modeste, a volte precocemente piegate da una vita di torti e miseria.
Andate a dirlo a loro, che se la sono andata a cercare.

Andate a dirlo alla ragazza omosessuale che è stata violentata perché “imparasse la lezione”, che si è trattato di attrazione fatale e incontrollabile.

Andate a dirlo alle donne vittime di quelli che chiamiamo stupri etnici, e neanche ci rendiamo conto dell’abominio, dell’orrore assoluto che evochiamo.

 

 
E poi smettetela, per sempre. 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 Lella Costa
(E polis Milano)

 

 

 
Ciao da Tony Kospan
 
 

PSICHE E SOGNO
 Il tuo salotto culturale di fb
Accomodati… è casa tua…

 

 

Pubblicato 1 marzo 2011 da tonykospan21 in RIFLESSIONI AFORISMI FILOSOFIE

MOZART E CARAVAGGIO – CLASSICA ED ARTE   2 comments

.




Riposo durante la fuga in Egitto (Partic,)


E’ nota la predilezione del Caravaggio per la musica.

Essa è infatti presente in diverse sue opere
ed alla sua morte furono trovati diversi strumenti musicali nella sua casa.



Il cesto di frutta



La libera associazione tra Classica ed Arte
stavolta ha dunque come protagonisti
due grandissimi nel loro campo
Mozart e Caravaggio





Caravaggio – Amor omnia vincit



Accosterò dunque le opere di questi 2 grandissimi artisti
ed in particolare
il Concerto del Caravaggio

ed
il Divertimento di Mozart




Caravaggio




Mozart


Il Caravaggio, mostra spesso, nei suoi mitici dipinti,
come accennavo su,
una particolare predilezione per i temi musicali.



Caravaggio – Il suonatore di liuto



Dunque stavolta il gioco dei collegamenti
artistici e musicali… appare del tutto… “naturale”.



Riposo durante la fuga in Egitto – Giuseppe e l’angelo che suona




A mio avviso questa liaison artistico-musicale
è un vero godimento per i nostri sensi

ed un vero balsamo per lo spirito.


 

 Mozart – Divertimento 
Caravaggio – Il concerto




Buona visione e buon ascolto…



Orso Tony




Gif Animate Frecce (117)

.

.


Amor Omnia Vincit (Partic. con strumenti musicali)
.

.

..

Pubblicato 1 marzo 2011 da tonykospan21 in ARTE MUSICA E..., Senza categoria

ARTE – NOVITA’ SU “NOTTAMBULI” CAPOLAVORO DI HOPPER   1 comment

 
 

NOVITA' SU
“NIGHTHAWKS  – NOTTAMBULI”
FAMOSO DIPINTO DI HOPPER
 
 
Edward Hopper
(Nyack, 22 luglio 1882 – New York, 15 maggio 1967)
è stato un pittore statunitense famoso
soprattutto per la sua capacità
di ritrarre la solitudine
nella vita americana contemporanea.
 

 
 
 IL FAMOSO LOCALE DIPINTO DA HOPPER
NON E’ MAI ESISTITO!
Tony Kospan
 
 
 

“NIGHTHAWKS – NOTTAMBULI”

 
 
 
Il locale dipinto in questa famosa opera è un luogo-mito dell’arte ma… non è mai esisitito!
 
 
Il locale… una tavola calda aperta 24 ore al giornoall’incrocio tra 2 strade… di cui parlava lo stesso artista…  affermando che era stato la fonte della sua ispirazione… e che si pensava esistesse sulla Greenwich Avenue, in realtà… non è mai esisitito!
 
 
 
 
 

particolare

 
 
 
 
Un blogger super conoscitore della vita della “Grande Mela” (così è definita New York) non ha trovato, dopo aver effettuato approfondite ricerche su immagini e mappe dell’epoca,  alcuna traccia di quel locale.
 
 
 
 
 
 E. Hopper
 
 
 
 
 
La mitica opera di Edward Hopper definito… “Pittore del silenzio”, a mio parere, ha però una valenza simbolica ed artistica tale… che la sua bellezza non ne resta affatto inficiata!
 
 
Infatti non la cruda realtà di un locale ma l’atmosfera di solitudine in una grandissima città… ed in un particolare periodo… per l’esattezza gli anni 40… è quel che ha colpito ed ispirato l’autore… facendocela vivere con la sua arte… come appare evidente in tanti suoi dipinti.
 
Ne presento altri 2 per aiutarci a comprendere ancor meglio la sua visione di un mondo sempre più moderno… ma che proprio per questo diventa quasi rarefatto…  e moltiplicatore di solitudine ed incomunicabilità…
 
 
 
 
 
 
Automat
 
 
 
 
 
 
 
Compartment C Car 293
 
 

 
Tony Kospan 
 
Fonte notizia New York Times
 
 
 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar  
 
 LA TUA PAGINA DI FACEBOOK
D’ARTE  POESIA MUSICA CINEMA RIFLESSIONI ETC.
 
psiche6.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
 

Pubblicato 1 marzo 2011 da tonykospan21 in ARTE, Senza categoria

IL VALORE DELLA POESIA – PARLIAMONE   Leave a comment

 

 

 

 

IL VALORE DELLA POESIA

– PARLIAMONE –

 

 

 

 

Questo brano… di Edgarda Ferri che consiglio di leggere è un ottimo contributo alla comprensione dell’importanza della poesia nella nostra vita…

E’ scritto in modo chiaro e diretto… senza fronzoli… anzi con qualche durezza… ma poi per certi versi… è sublime… e profondo.

 

 

 

 

QUANTA EMOZIONE NELLE PAROLE DEI POETI

Edgarda Ferri

 

 

 

 

I versi di Neruda, Ungaretti, Montale ci fanno stare  bene, allargano la mente, dicono che non si è mai soli. E insegnano il senso della vita

“lo non vengo a risolvere nulla. lo sono venuto qui per cantare e per sentirti cantare con me”. Questo è il poeta Ricardo Neftali Reyes Basoalto, nato nel 1904 a Temuco nel Cile, che a 16 anni scrisse i suoi primi versi col nome di Pablo Neruda. “lo non vengo a risolvere nulla”.

Questo voleva dire Neruda, il poeta.

 

 

 

 

 Sapendo di mentire perché, fin da principio, sapeva che non sarebbe stato “esattamente” così. La poesia non risolve nulla, non ti sfama se hai fame, non ti arricchisce se sei povero, non ti riveste se sei nudo, non ti restituisce la persona che hai perduto, voleva dire il poeta.

Eppure. Se non conosci la poesia, fai più fatica a sopportare tutto questo. Sei più solo, più disperato.
Allora. Allora, la poesia fa bene al cuore, allarga la mente, ti aiuta a capire che non sei solo: che tu sia felice, o infelice, che tu abbia accanto la persona amata, o che tu l’abbia perduta, c’è stato almeno un poeta che, prima di te, ha calpestato questo stesso sentiero: e l’ha raccontato.

Come. La meraviglia della poesia sta anche in questo. Come Neruda, certamente non Ungaretti. E come Ungaretti, non certo Baudelaire, Saffo, Dickinson, Montale, Hikmet, Leopardi.

I poeti sono uomini. Uomini e donne che hanno vissuto in maniere diverse, in tempi diversi.

L’appassionata americana volontariamente reclusa Emily Dickinson. Il cocainomane, raffinatissimo francese Charles Baudelaire. L’ironico, spregiudicato inglese Oscar Wilde. L’amaro ligure Eugenio Montale, che davanti a una rosa cui avevano dato il suo nome commentò: “Proprio a me, che se la tocco, appassisce”. E il capriccioso, bislacco marchigiano Giacomo Leopardi, che si innamorava di donne impossibili, non si lavava, ed è morto per una mostruosa scorpacciata di gelato.

Gente come noi. Con le nostre stesse miserie e passioni. Ma con la grazia della poesia. Questa indicibile, incommensurabile grazia che ci trasmettono mentre li leggiamo, li ascoltiamo, li ricordiamo.

Soltanto i poeti conoscono, infatti, il segreto del senso della vita. Soltanto la poesia sa scandire il dolore, la gioia, l’amore, la bellezza come se tutto fosse meraviglia. Ecco. Se anche noi conoscessimo questo ritmo, vivremmo più consapevolmente; e in ogni caso, conoscendo fino in fondo l’incomparabile prodigio dell’esistenza.

 

 

 

 

Quello che colgo e che condivido in pieno in questo articolo è che la poesia… alla faccia dei suoi detrattori… 2 cose certamente dona ai chi la frequenta.

La prima èil dolce ” sentirsi in compagnia” con gli autori e la seconda è la capacità di darci in poche parole una visione del senso della vita.

Cosa ne pensate?

Tony Kospan

 

 

 

 

Animacin14.gif picture by aire_6Animacin14.gif picture by aire_6Animacin14.gif picture by aire_6Animacin14.gif picture by aire_6

 

Se ami leggerle, sciverle o parlarne
raggiungici nel gruppo di facebook… 
 
sampcd334ba72532392a.jpg picture by orsosognante

OLTRE IL GIARDINO – C. BRAMANTI – FELICE MARTEDI’ IN POESIA E NON SOLO…   2 comments

 

 
 

 
 
 
 
Il mistero dell’amore
è più grande di quello della morte 
O. Wilde
 
 
  
 
 

 

 

 

OLTRE IL GIARDINO

Carlo Bramanti

 

Ho ritrovato
il libretto di istruzioni
per l'uso della vita
tra le nuvole più soffici
del mio cassetto …
mille pensieri
e un numero crescente di fate,
oltre il giardino.

Ero nato
su un letto di emozioni
con quel dono
d'infinita pace in mano
ma non so come
e per colpa di chi l'avevo perso …
 
In ogni pagina dorata
nulla di diverso,
le stesse , identiche parole:
“Non allentar mai la corda,
non c'è nulla che pesa e vale 
 ricorda …
la vita è uno stato mentale “.

 

 

 

 

 
 
 

da Tony Kospan

 

 

   
IL SALOTTO CULTURALE DI FCB?
 
samp5873205a0f06c928.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
 
 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: