Archivio per 14 luglio 2010

EROS E POESIA…. IL TEMA DI QUESTA DOMENICA…   Leave a comment

 

 
 
 
 
L’EROS IN POESIA
a cura di Tony Kospan
 
 

Care amiche ed amici amanti come me della poesia
eccoci anche stavolta,
dopo una "vacanza" di 2 settimane,
 con questo tradizionale appuntamento…
 
 
  
 
Torniamo… come sempre una volta ogni stagione…
(e quale stagione ad esso è più vicina se non questa?)
ad un tema che spero non disturbi nessuno…
ma che è legato… legatissimo all’amore…
direi anzi che è l’altro aspetto della stessa medaglia…
l’EROS…
(che per gli antichi era proprio il dio dell’amore…)
 
 

 
Certo non l’EROS spinto…
ma quello elegante… fine… poetico…
che tuttavia ha comunque una sua grande forza espressiva…
 
Come sempre mi piacerebbe leggere sul tema le poesie….
vostre o di altri autori che amate…
 
 
 

                   

 
 
 
 
ASSIEME A TE
Perin
 
Non ho sentito
il tuo corpo,
non ho vissuto
le tue mani
che mi accarezzavano,
non ho sentito
la tua bocca sfiorarmi,
non ho sentito
di possedere
o essere posseduto.
Ho solo vissuto
un mare d’emozioni,
in un solo,
unico, lampo
che mai terminava.
 
    
 
  
DUE CORPI
Octavio Paz

Due corpi, uno di fronte all’altro,
sono a volte due onde
e la notte è oceano.

Due corpi, uno di fronte all’altro,
sono a volte due pietre
e la notte deserto.

Due corpi, uno di fronte all’altro,
sono a volte radici
nella notte intrecciate.

Due corpi, uno di fronte all’altro,
sono a volte coltelli
e la notte lampo.

 

 
AMORES
Ovidio

Era l’ora di mezzo di un giorno torrido,
mi distesi sul letto per riposare.
La finestra era mezza chiusa e mezza aperta,
passava una luce come quella di un bosco
o quella del crepuscolo quando tramonta il sole,
o prima del giorno quando la notte svola.
La luce adatta a accogliere pudiche fanciulle,
dove il pudore, timido, si occulta.
Ecco, arriva Corinna, la tunica velata già slacciata,
la chioma spartita sul bianco collo,
come si dice entrasse nei letti Semiramide,
e la non meno bella Laide che da tanti fu amata.
Poi le strappai la tunica, docile alle mie dita,
ma lei lottava cercando di coprirsi.
Ma lottando come chi non cerca di vincere
fu presto vinta senza soffrirne troppo.
Quando mi apparve agli occhi nuda del tutto
vidi il suo corpo, del tutto perfettto.
Che spalle, che braccia vidi e toccai!
E le mammelle, fatte per palparle!
Che ventre sotto il seno perfetto!
Che fianchi ampi e ben fatti, che cosce da ragazza!
Inutili i dettagli, tutto perfetto.
Quel corpo che strinsi nudo al mio corpo.
Chi non sa il resto? Alla fine spossati ci
sciogliemmo.
Averne, di questi pomeriggi!
 
 
DENTRO L’AMORE
Alfonso Gatto
 
Al segno che ti dà la stanza sciogli
sulla parete l’ombra dei capelli,
le braccia alzate, la flessuosa voglia
d’avermi, e già dal ridere mi volti
nella raffica buia, mi cancelli
per affiorare dal lamento vano.
Smarrita, nel cercarmi con la mano,
nel distinguermi il volto, grata, piena
d’aperto e poi ripresa dalla lena
della dolcezza, calma a poco a poco
come in un lungo brivido. Dal gioco
degli occhi che balbettano mi ridi
sul petto a colpi di piccoli gridi.
 

 
 

 
L’INFINITA
Pablo Neruda
 
Vedi queste mani? Han misurato
la terra, han separato
i minerali e i cereali,
han fatto la pace e la guerra,
hanno abbattuto le distanze
di tutti i mari, di tutti i fiumi,
e tuttavia
quando percorrono
te, piccola,
grano di frumento, allodola,
non riescono a comprenderti,
si stancano raggiungendo
le colombe gemelle
che riposano o volano sul tuo petto,
percorrono le distanze delle tue gambe,
si avvolgono alla luce della tua cintura.
Per me sei un tesoro più colmo
d’immensità che non il mare e i grappoli,
e sei bianca e azzurra e vasta come
la terra nella vendemmia.
In questo territorio,
dai tuoi piedi alla tua fonte,
camminando, camminando, camminando,
passerò la mia vita."
 
 
 

SE AMI LA POESIA… E LA GRANDE POESIA…
 IN TUTTE LE SUE FORME…
 VIENI ANCHE TU… NEL GRUPPO DI FACEBOOK

 
TROVERAI UN MODO DIVERSO DI VIVERLA… 
 ASPETTIAMO TE ED ANCHE… TUOI CONTRIBUTI…
 POESIE E… NON SOLO… 
  
CIAO DA TONY KOSPAN

 

IL BAMBINO DELLE CANTINE – LAMARQUE – MINI DELLA BUONANOTTE   Leave a comment

 
 
 
 
 
P.S. IL BAMBINO DELLE CANTINE
Vivian Lamarque

Avendo bevuto tanto vino
era un bambino ubriachino.
Allora barcollava?
No, ma dava baci a tutte le bambine,
dietro i barili, nelle cantine.
 
 

 

Photobucket
 
 

 

 

 
IL… SALOTTO DI SOGNO…
DI FACEBOOK…? 
E’
 
 UN SALOTTO

D’ARTE POESIA MUSICA BUONUMORE
RIFLESSIONI SCIENZE… ETC…

 
  
 
ACCOMODATI…
 
TONY KOSPAN
 
 
  
 

Pubblicato 14 luglio 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

NATALIA GINZBURG – RICORDIAMOLA OGGI…   Leave a comment

 
 
 
 
 
Oggi nasceva
Natalía Ginzburg,  alla nascita… Natalia Levi
(Palermo, 14 luglio 1916 – Roma, 7 ottobre 1991)

 

 

 
 
 
E’ stata una scrittrice italiana
di primo piano della letteratura italiana del Novecento.
 
 
 
 
 
 
 
 
Ricordiamola con questo video
che ce ne parla in modo ampio…
 
 
 
 

 
 
Tony Kospan
 
 

 

Pubblicato 14 luglio 2010 da tonykospan21 in Notizie e politica

14 LUGLIO FESTA DELLA LIBERTA’ IN FRANCIA… OMAGGIAMOLA ANCHE NOI…   Leave a comment

   
 
 
 
 
Jean-Pierre Houël – La presa della Bastiglia
 
 
 
 

 

Perché il 14 luglio?
 
 
Perché è il giorno della Presa della Bastiglia…
momento topico della Rivoluzione Francese
che cambiò il mondo…
e dunque si festeggia la Libertà… la vera Libertà…
senza se e senza ma.

 
 
 
 
Delacroix – La libertà guida il popolo
 
 
 
fogosestrelaCA46FLDK.gif picture 



by RaiodeLuarfogosestrelaCA46FLDK.gif picture 



by RaiodeLuarfogosestrelaCA46FLDK.gif picture 



by RaiodeLuar
 
 
 
La libertà non è un bene per pochi eletti…
ma per noi tutti ed in tutto il mondo…
anche se ahimé larga parte del pianeta
ancor oggi non sa nemmeno cosa sia…
 
 
 
 
 
 
 

Desidero dunque unirmi anch'io (spero insieme a voi)
 ai cugini d'Oltralpe nel far oggi festa
(almeno virtualmente) in nome della Libertà per tutti…
ed in tutte le Nazioni del mondo.



 
 
 
Lo farò…
 
 
 
– con il dipinto di cui sopra…
 
 
– con la più bella poesia di sempre (a mio parere)
scritta in onore della Libertà…
 
 
– e con un bel video
 
 
 
 
 
 
 
 

 
LIBERTA'
Paul Eluard

 
Sui miei quaderni di scolaro
 Sui miei banchi e sugli alberi
 Sulla sabbia e sulla neve
 Io scrivo il tuo nome
 Su tutte le pagine lette
Su tutte le pagine bianche
Pietra sangue carta cenere
Io scrivo il tuo nome
Sulle dorate immagini
Sulle armi dei guerrieri
Sulla corona dei re
Io scrivo il tuo nome
Sulla giungla e sul deserto
Sui nidi sulle ginestre
Sull'eco della mia infanzia
Io scrivo il tuo nome
Sui prodigi della notte
Sul pane bianco dei giorni
Sulle stagioni promesse
Io scrivo il tuo nome
Su tutti i miei squarci d'azzurro
Sullo stagno sole disfatto
Sul lago luna viva
Io scrivo il tuo nome
Sui campi sull'orizzonte
Sulle ali degli uccelli
Sul mulino delle ombre
Io scrivo il tuo nome
Su ogni soffio d'aurora
Sul mare sulle barche
Sulla montagna demente
Io scrivo il tuo nome
Sulla schiuma delle nuvole
Sui sudori dell'uragano
Sulla pioggia fitta e smorta
Io scrivo il tuo nome
Sulle forme scintillanti
Sulle campane dei colori
Sulla verità fisica
Io scrivo il tuo nome
 Sui sentieri ridestati
Sulle strade aperte
Sulle piazze dilaganti
Io scrivo il tuo nome
Sul lume che s'accende
Sul lume che si spegne
Sulle mie case raccolte
Io scrivo il tuo nome
Sul frutto spaccato in due
Dello specchio e della mia stanza
Sul mio letto conchiglia vuota
Io scrivo il tuo nome
Sul mio cane goloso e tenero
Sulle sue orecchie ritte
Sulla sua zampa maldestra
Io scrivo il tuo nome
Sul trampolino della mia porta
Sugli oggetti di famiglia
Sull'onda del fuoco benedetto
Io scrivo il tuo nome
Su ogni carne consentita
Sulla fronte dei miei amici
Su ogni mano che si tende
Io scrivo il tuo nome
 Sui vetri degli stupori
Sulle labbra intente
Al di sopra del silenzio
Io scrivo il tuo nome
Su ogni mio infranto rifugio
Su ogni mio crollato faro
 Sui muri della mia noia
Io scrivo il tuo nome
Sull'assenza che non desidera
 Sulla nuda solitudine
Sui sentieri della morte
Io scrivo il tuo nome
Sul rinnovato vigore
Sullo scomparso pericolo
Sulla speranza senza ricordo
Io scrivo il tuo nome
E per la forza di una parola
Io ricomincio la mia vita
Sono nato per conoscerti
Per nominarti
Libertà.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Infine ecco un bellissimo video, 
per immagini, testo e musica,
inneggiante proprio
alla grande poesia di Eluard ed alla libertà.
 
 
 
 

 
 
 
 
TONY KOSPAN
 
 
 
 

CULTURA CON LEGGEREZZA

SE TI PIACE…
I S C R I V I T I




 
 

Pubblicato 14 luglio 2010 da tonykospan21 in Notizie e politica

IO DI PIU’ NON POSSO DARTI – SALINAS – POESIA SUBLIME   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
IO DI PIU’ NON POSSO DARTI
PEDRO SALINAS – POESIA SUBLIME
 
 
 
Questa poesia del grandissimo poeta spagnolo
è senz’altro una poesia
che per il suo mesagggio di verità ed amore…
non posso non definire sublime.
 
 
 
 
Salinas
 
 
 
Il messaggio che ci giunge
in modo raffinato ed elegante,
secondo il consueto stile dell’autore,
è che l’amore… il vero amore…
unico gancio che ci unisce al Cielo 
rifiuta maschere e compromessi…
e richiede verità ed autenticità assolute…
 
 
 
 
 
 
 
 
Solo l’accettazione reciproca delle proprie libere personalità…
consente all’amore di librarsi in emozioni senza fine…
senza timori di… amare sorprese…
 
 
 

 
 
 
Ciò non toglie…però…come dice Salinas… che chi ama…
all’amata/o vorrebbe,
come nelle più facili dichiarazioni,
donare la Luna…
ma poi… non può e forse in verità non vuole
che donare se stessa/o.
 
 
 
 
Chagall
 
 
 
IO DI PIU’ NON POSSO DARTI
Pedro Salinas
 
Io di più non posso darti.
Non sono che quello che sono.

 

Ah, come vorrei essere
sabbia, sole, in estate!
Che tu ti distendessi
riposata a riposare.
Che andando via tu mi lasciassi
il tuo corpo, impronta tenera,
tiepida, indimenticabile.
E che con te se ne andasse
sopra di te, il mio bacio lento:
colore,
dalla nuca al tallone,
bruno.

Ah, come vorrei essere
vetro, tessuto, legno,
che conserva il suo colore
qui, il suo profumo qui,
ed è nato tremila chilometri lontano!
Essere
la materia che ti piace,
che tocchi tutti i giorni,
che vedi ormai senza guardare
intorno a te, le cose
– collana, profumi, seta antica –
di cui se senti la mancanza
domandi: «Ah, ma dov’è?»

Ah, e come vorrei essere
un’allegria fra tutte,
una sola,
l’allegria della tua allegria!
Un amore, un solo amore:
l’amore di cui tu ti innamorassi.

Ma
non sono che quello che sono.

 

 

Mondocuore.png image by VanillaCH

 

 

Come sempre mi piacerebbe leggere il vostro pensiero…
 

Tony Kospan

 

 

    
 
LA POESIA… LA GRANDE POESIA…
 IN TUTTE LE SUE FORME…
IN FACEBOOK
 
FANTMONDOPOESIA.jpg picture by orsotony21 
 
 
TONY KOSPAN
 

Pubblicato 14 luglio 2010 da tonykospan21 in POESIE SUBLIMI

CARTELLI ESILARANTI – II PARTE   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
CARTELLI VARI ESILARANTI
 
 II PARTE
 
 
 
 
 

 
Cartello in un negozio:
Vendo tutto per esaurimento.
 
Cartello in un ufficio anagrafe:
SI AVVERTE IL PUBBLICO CHE I GIORNI FISSATI PER LE MORTI SONO IL MARTEDI’ E IL GIOVEDI’
 
Cartello in un negozio:
Eliminazione totale bambini a sole 29.000 €.
 
Cartello in un negozio:
Per ogni taglio di capelli vi faremo una lavata di capo gratis
 
 
 
 
 
 
 Cartello in uno studio medico.
Il medico sta visitando. Parlare a bassa voce oppure in silenzio
 
Cartello in un circolo del tennis:
Si pregano i signori soci di non portarsi via le palle, perche’ alcuni membri si sono lamentati;
 
Cartello in un negozio di confezioni:
I FANNO GIACCHE ANCHE CON LA PELLE DEI CLIENTI Etichetta in un pneumatico di una carriola: ”Da non usarsi in autostrada”;  

 
Avvertenze su di un passeggino per bambini:
"ricordarsi di togliere il bambino prima di richiudere la carrozzella"
 
 
 
 
Su una scatola di dessert Tiramisu’ (stampato sulla parte inferiore della scatola):
NON GIRARE SOTTO-SOPRA;
 
Cartello in un hotel:
"Poiche’ le nostre posate non contengono vitamine si prega di non prenderle dopo i pasti".
 
Cartello in un negozio di riparazione di bici:
Si riparano bici anche se rotte.
 
Cartello in una chiesa:
"Questo e’ un luogo di preghiera. Siete pregati di pregare".
 
 
 
 
Cartello in un negozio di orologeria:
Cercasi commessa sveglia.
 
Cartello in un ospedale:
"Gli appuntamenti si prendono solo con l’infermiera"
 
 
 

 

 ALTRI CARTELLI DIVERTENTI…

IN QUESTO VIDEO…

 

 

CIAO DA TONY KOSPAN

 

Pubblicato 14 luglio 2010 da tonykospan21 in INTRATTENIM. UMORISMO

FELICE MERCOLEDI’ IN POESIA E MUSICA…   Leave a comment

 

 

      
 
 
  

 
  80x80  80x80  80x80  80x80 
 
 C’è una strada che va dagli occhi al cuore
senza passare per l’intelletto.
Gilbert Keith Cesterton
 
  80x80  80x80  80x80  80x80
 
Nota
  

 

VOGLIO TE
Tagore
 
Voglio te,solo te!
Lascia che il mio cuore
lo ripeta senza fine.
     
Tutti i desideri che mi distraggono
di giorno e di notte
in sostanza sono fasulli e vani.
   
Come la notte tiene nascosta nel buio
l’ansia di luce
così nel profondo del mio cuore
senza ch’io me ne renda conto
un grido risuona:
Voglio te,solo te!
 
Come la tempesta cerca la quiete
mentre ancora lotta contro la quiete
con tutte le sue forze
così io mi ribello e lotto
contro il tuo amore
ma grido che voglio te, solo te.
 
 

 
 
       
 
 
 
 
 
 
par Tony Kospan
 
 

    
 
SE AMI LA POESIA IN TUTTE LE SUE FORME…
 VIENI ANCHE TU… NEL GRUPPO DI FACEBOOK
 
FANTMONDOPOESIA.jpg picture by orsotony21 
 
TROVERAI UN MODO DIVERSO DI VIVERLA… 
 ASPETTIAMO TE ED ANCHE… TUOI CONTRIBUTI…
 POESIE E… NON SOLO… 
 
TONY KOSPAN
 

Pubblicato 14 luglio 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: