Archivio per 17 giugno 2010

IL CAFFE’ – COHEN – MINI DELLA BUONANOTTE   Leave a comment

 

 
IL CAFFE’
Leonard Cohen

La bellezza del mio tavolino.
Il ripiano di marmo incrinato.
Una ragazza dagli occhi marroni
dieci tavoli piu’ in là .
Vieni con me.
Voglio parlare.
 
 
 
 
 
 

   
SE AMI LA POESIA VIENI ANCHE TU…
NEL GRUPPO DI FACEBOOK  
FANTMONDOPOESIA.jpg picture by orsotony21  
TROVERAI UN MODO DIVERSO DI VIVERLA… 
ASPETTIAMO TE ED ANCHE… TUOI CONTRIBUTI…
POESIE E… NON SOLO…  
 Tony Kospan

 

Pubblicato 17 giugno 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

I SEGRETI DI FRUTTA E VERDURE PER AIUTARE IL NS METABOLISMO   Leave a comment

 

 

 
 
 
 
AIUTA IL TUO METABOLISMO
CON QUESTE DRITTE
 
 
 

 

 ECCO I SEGRETI E I POTERI SALUTARI
DI QUESTI ALIMENTI NATURALI
 

 

le Alghe

 

Favoriscono la trasmutazione di zuccheri e grassi in energia,
hanno un forte potere saziatorio.
 
 
 
 il Caffè 
 
 
Oltre a stimolare la digestione favorisce il consumo dei grassi
attraverso tutta una serie di proprietà toniche e leggermente eccitanti,
acuni studi confermano che il caffé può aumentare il metabolismo fino del 10%,
ovviamente non bisogna abusarne!
 
 
 
la Carota

Utilissima per molte cose, lo è anche per aumentare il metabolismo,
meglio se consumata cruda.
 
 
 
 
la Cicoria e il Radicchio
 

Stimolano la secrezione della bile e intervengono nella metabolizzazione dei grassi,
meglio se consumati crudi ma ok anche in infusi o brodi.
 
 
 
 
 la Fragola
 
E’ un cibo tonico che influenza positivamente reni e fegato,
ovviamente andrebbero consumate da sole, senza condimenti grassi o dolci.
 
 
 
 
 la Melanzana
 
Aumenta e regola l’attività del fegato.
Va consumata cotta dopo averla fatta spurgare cospargendola di sale.
 
 
 
 
 il Tarassaco
 
Ottima erba che stimola molte funzioni di eliminazione da parte dell’organismo.
Buono sia cotto che crudo per tutto il corpo, purtroppo tranne che per il palato.
 
 
 
 
 il TE’
 
Come il suo cugino, il caffè, ha una azione tonica e stimolante,
tra l’altro stimola la produzione dell’adrenalina,
ormone che favorisce la liberazione dei grassi dai tessuti adiposi.
 
 
 
 
 il Peperoncino

Spezia utilissima in cucina è indicato per aumentare il dispendio calorico
dell’organismo e quindi il suo consumo di calorie.

 
 
 
 
 il Rosmarino
 
 

 
Tra le erbe aromatiche è quella che agisce di più sul metabolismo,
inoltre svolge un’azione tonica ed energizzante utile anche in situazioni di tono indebolito.
 
 
 
 
 
 il Ravanello
 
 

Ottimo per il fegato, regola e velocizza il metabolismo
con ovvie ripercussioni sulla vitalità e il consumo di calorie.

 
 
 
 
 il Sedano
 
 
Alcuni naturopati lo prescrivono propriamente per la cura della obesità,
nella sua varietà di sedano di rapa, consumato prima dei pasti, può essere davvero utile.
 
 
 
 
la Senape
 
DSC00307a.jpg image by paolob44
 
Alcuni studi la ritengono in grado di aumentare il metabolismo fino al 25-30%
e per un tempo prolungato ad alcune ore dopo l’assunzione,
da provare sicuramente con attenzione al sapore un po’ forte.
 
 
 
 
 
 
 
dal web – impaginazione T.K.
 
BUON… METABOLISMO A… TUTTI
 
TONY KOSPAN
 
 
 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar 
 

 

IL… SALOTTO… DI FACEBOOK…
 
DOVE E’ POSSIBILE SCAMBIARSI PENSIERI ED EMOZIONI
D’ARTE POESIA MUSICA BUONUMORE RIFLESSIONI STORIA… ETC…
 TI ASPETTIAMO 
TONY KOSPAN

 
 
 

Pubblicato 17 giugno 2010 da tonykospan21 in SALUTE BENESSERE PSICOLOGIA GINNASTICA

CLASSICA ED ARTE – BEETHOVEN E RENOIR   Leave a comment

 
 
(Renoir – Ragazze al piano)
 
 
CLASSICA ED… ARTE…
 
 
 
 Beethoven… e… Renoir
 
 
 
 
La vivacità dei colori unita a quella delle note
 
 
 
Giovanetta spagnola suona la chitarra – Renoir
 
 
 
 
Dunque dopo aver ammmirato 2 dipinti
di Renoir dedicati alla musica… 
passiamo alla vivacità e… vitalità
dei colori… davvero eleganti… di Renoir
coniugate alla divine sinfonie di Beethoven
 
 
 
 Bal au Moulin de la Galette – Renoir
 
 
Buona visione e buon ascolto…
 
Tony Kospan…
 
 

Pubblicato 17 giugno 2010 da tonykospan21 in MUSICA E DANZA CLASSICA

LA LEGGENDA DELLA CREAZIONE DEI… GATTI…   Leave a comment

 

 
 
LA LEGGENDA DELLA CREAZIONE DEI… GATTI…
 
 
  
 
 
In un tenpo molto,molto lontano, un tempo così antico che anche le rocce più vecchie non ne conservano traccia, il Creatore di tutte le cose convocò presso di sé le diverse categorie di spiriti che aveva deciso di destinare alla Terra.
 
A ognuna chiese di formulare il più grande dei suoi desideri,al fine di procedere ad un’equa ripartizione delle specie.
Un buon miliardo di stelle nacquero e morirono mentre i diversi clan ponderavano con cura la delicata questione.
Infine ciascuno espresse la propria aspirazione dando libero sfogo ad ambizioni e sogni.
"Vogliamo l’onnipresenza e l’invisibilità" dissero i primi.
Nacquero così batteri,virus e microbi.
"Noi desideriamo la fortuna!"
E presero forma le ostriche perlifere.
"Noi vogliamo soggiogare il mondo".
Il Creatore allora generò i vermi e tutta la brulicante popolazione sotterranea alle quale le altre specie,inesorabilmente,avrebbero finito per il consegnare le proprie spoglie.
"Noi chiediamo soltanto la virtù della pazienza."
E vide la luce il ragno.
Taluni vollero l’eloquenza e furono trasformati in pappagalli.
Altri,l’alta finanza,e il Creatore,riempì gli oceani di pescecani.
Altri ancora avevano una fortissima inclinazione alla convivenza sociale,lo pregarono di accordare loro la perfetta uguaglianza.Furono pecore.
Certuni chiesero il talento di misurare con precisione  vaste distese e ampi territori.Il Creatore li fece cammelli le cui gobbe non sono altro che l’emblema del loro innato bernoccolo per le scienze esatte che permette loro di attraversare gli immensi deserti terrestri senza mai smarrirsi.
Altre richieste erano venate di poesia.
"Desideriamo diffondere la voce del vento ed imparare l’alfabeto dei fiori."
E le farfalle colorarono i cieli.
"Noi saremo gli eterni amanti della Luna,a lei soltanto intoneremo i nostri canti sconsolati."
Il Creatore generò i lupi.
Taluni spiriti originali e senza dubbio un po’ pazzi affermarono:
"Noi vogliamo essere ammirati da tutti."
Dio creò i pavoni.
Alcuni spiriti particolarmente rumorosi e inquieti si alzarono in piedi per pretendere con tono altezzoso un quoziente intellettuale eccezzionalmente brillante e superiore agli altri.
Malgrado l’arroganza di una simile richiesta,il Creatore si strofinò il suo unico immenso occhio e creò gli uomini.
Rimaneva,un po’ in disparte,un piccolo clan di spiriti,stranamente silenziosi che osservavano la scena con un certo divertimento.
"E voi,che cosa desiderate?Parlate senza timore."
La risposta giunse tra un mormorio soffuso.
"La saggezza,o nostro Signore."
Fu così che apparvero i… gatti.
 
 
 
 
 
 
Tratto da: Racconti che fanno le fusa di Julia Deuley,  impaginato dall”Orso.
 
                        
 
 
CIAO DA TONY KOSPAN
 
 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar 
 

 

IL… SALOTTO… DI FACEBOOK…
 
DOVE E’ POSSIBILE SCAMBIARSI PENSIERI ED EMOZIONI
D’ARTE POESIA MUSICA BUONUMORE RIFLESSIONI STORIA… ETC…
 TI ASPETTIAMO 
TONY KOSPAN

Pubblicato 17 giugno 2010 da tonykospan21 in FAVOLE LEGGENDE RACCONTI DI SAGGEZZA

IL DENARO – DA L’ELOGIO DELLA PAZZIA DI ERASMO DA ROTTERDAM   Leave a comment

 
 
 
 
 
 

 

 
 
 
Ecco un brano… che al di là delle ovvie differenze di tempi…
è a mio parere attualissimo…
 
 
 
 
 
Lo strapotere del denaro… la religione del denaro…
l’ossequio dei saggi (pseudo) o dei religiosi (pseudo)
pronti a perdonare tutto in cambio di… denaro…
c’era già allora…
 
C’è qualcosa che oggi è diverso?
O forse oggi è anche peggio?
 
Ma ora leggiamolo…
 
 
 
 
IL DENARO
da L’elogio della pazzia
 di Erasmo da Rotterdam
 
 
 
C’è chi si prodiga con ogni cura per gli affari degli altri mentre trascura i propri,
e chi, preso nel giuoco dei debiti, prossimo a fallire, si crede ricco del denaro altrui;
un altro pone all’apice della sua felicità  morire povero pur di arricchire l’erede.
Questi per un guadagno modesto, e per giunta incerto, corre tutti i mari,
affidando la vita, che il denaro non ricompra, alle onde e ai venti;
quello preferisce cercare di arricchirsi in guerra
piuttosto che starsene al sicuro in casa sua.

Ci sono di quelli che credono si possa arrivare alla ricchezza

senza la minima fatica andando a caccia di vecchi senza eredi;
nè manca chi, in vista dello stesso risultato, opta per un legame con vecchiette danarose.

Gli uni e gli altri offrono agli Dei che stanno a guardare uno spettacolo

oltremodo divertente, quando si fanno abbindolare proprio
da coloro che vogliono intrappolare.

La razza più stolta e abietta è quella dei mercanti che,

pur trattando la più sordida delle faccende e nei modi più sordidi,
pur mentendo, spergiurando, rubando, frodando a tutto spiano,
si credono da più degli altri perché hanno le dita inanellate d’oro.

Nè mancano di adularli certi fraticelli che li ammirano

e li chiamano apertamente venerabili, senza dubbio perché una piccola
parte degli illeciti profitti vada a loro.

Altrove puoi vedere dei Pitagorici, a tal segno convinti della comunanza dei beni,

che, se trovano qualcosa d’incustodito, tranquillamente se ne appropriano
come l’avessero ricevuto in eredità.

C’è chi, ricco solo di speranze, sogna la felicità, e già  questo sogno, per lui, è la felicità.

Taluni si compiacciono di essere creduti ricchi, mentre a casa loro muoiono di fame.

Uno si affretta a dilapidare tutto quello che possiede; un altro accumula

con mezzi leciti e illeciti.

Questo si fa portare candidato perché ambisce a pubbliche cariche,

quello è contento di starsene accanto al fuoco.

E sono tanti quelli che intentano interminabili cause e che,

portatori di opposti interessi, fanno a gara per arricchire il giudice
che accorda rinvii, e l’avvocato che è in combutta con la parte avversa.

Uno ha la mania di rinnovare il mondo, un altro propende per il grandioso.

C’è chi, senza nessuna ragione d’affari, lascia a casa moglie e figli

e se ne va a Gerusalemme, a Roma, a San Giacomo di Compostella."
 
 
 
 
Certo… è inutile negarlo… il denaro serve… a vivere…
 
Senza… sarebbe impossibile….
ma tra questo ed il diventarne schiavi…
ce ne passa… eccome… a mio parere…
 
 
 
E’ lui che deve servire a noi e non noi a lui… 
 
Tony Kospan
 
 
 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar 
 

 

IL… SALOTTO… DI FACEBOOK…
 
 
DOVE E’ POSSIBILE SCAMBIARSI PENSIERI ED EMOZIONI
D’ARTE POESIA MUSICA BUONUMORE RIFLESSIONI STORIA… ETC…
 TI ASPETTIAMO
TONY KOSPAN
 

                                                                                                                                               

                                                                                                                                                                                                                                      

                                                                                                                                                                                                                                               

Pubblicato 17 giugno 2010 da tonykospan21 in RIFLESSIONI AFORISMI FILOSOFIE

FELICE GIOVEDI’ IN POESIA E MUSICA…   Leave a comment

 
 
 

 
 

 

  

 
 

E’ inutile parlare dell’amore,
perchè l’amore ha una propria voce e parla da sé.
P. Coelho

 
 
 
 
I TUOI OCCHI BRILLAVNO ANCORA PER ME
Ralph Waldo Emerson
 
I tuoi occhi brillavano ancora per me,
     anche se vagavo solitario per terra e mare;
come quella lontana stella che vedo,
     ma che non vede me.

Stamattina sono salito sulla collina nebbiosa,
     ed ho percorso tutti i pascoli,
come brillava la tua forma lungo la mia strada
     fra la rugiada dagli occhi profondi!

Quando l’uccello rosso spiegò le scure ali,
     e mostrò il suo fianco acceso:
quando il bocciolo maturò in una rosa,
     in entrambi io lessi il tuo nome.

 

 

     

 

 

 

 
VISITA IN FACEBOOK LA NUOVA PAGINA DI… SOGNO…
 
  
 POESIA ARTE MISTERI MUSICA DI OGNI TIPO E TEMPO…
BUONUMORE RIFLESSIONI RACCONTI ETC. …
TI ASPETTIAMO… 
E SE TI PIACE… PARTECIPA ANCHE TU… 
 
ORSO TONY
 

 

                                                                                                                                                                                                                      

                                                                                                                                                                                                                                 

                                                                                                                                                                                                                                         

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        

Pubblicato 17 giugno 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: