Archivio per 10 giugno 2010

FATE E FOLLETTI.. PER WILLIAM BUTLER YEATS   Leave a comment

 

 

 
FATE E FOLLETTI
William Butler Yeats
 
 
 
 

 

 

La parola irlandese per fata è sheehogue (sidheog), diminutivo di “shee” in banshee.
Le fate sono deenee shee (daoine sidhe), che vuol dire popolo fatato.
Chi sono? “Angeli caduti in peccato, non buoni abbastanza per essere salvati, né cattivi al punto da essere dannati”, dice la tradizione popolare.
 
 
 
 
 
 

“Gli dei della terra”, dice il libro di Armagh. “Gli dei dell'Irlanda pagana”, dicono gli studiosi delle antiche tradizioni irlandesi, “i Tuatha De Danann, che, non più venerati e alimentati con offerte, sono andati rimpicciolendosi nell'immaginazione popolare e sono ora alti solo poche spanne”. […]
 
 
 

 

 

D'altra parte esistono molti aspetti che inducono a ritenerli angeli caduti.
Ne sono dimostrazione la natura di questi esseri, la loro estrosità, il loro modo di essere buoni con i buoni e cattivi con i cattivi, i loro mille tratti incantevoli uniti alla mancanza di senso di responsabilità – all'instabilità di carattere.
Creature così suscettibili che bisogna assolutamente evitare di parlarne spesso,e che non possono essere nominate altro che come i “signori”, o daoine maithe, che significa “buon popolo”, e tuttavia così facili da compiacere, che faranno ogni cosa per tenere lontano da voi la sfortuna se solo lasciate per loro un po' di latte sul davanzale della finestra durante la notte.
 
 
 
Nota
 
 

Tutto sommato, la credenza popolare dice quanto di essi è possibile sapere quando racconta come caddero in peccato e tuttavia non furono dannati, poiché il male compiuto era del tutto privo di malizia. [….]
Forse queste creatura del capriccio sono anime umane ala prova.
Non pensate che i folletti siano sempre piccoli.
Ogni cosa è mutevole il loro, anche la grandezza.
Sembra che assumano ogni dimensione o forma desiderata.
Le loro principali occupazioni sono far festa, lottare, fare all'amore e suonare la musica più bella.
 
 
 

 

 

C'è solamente una persona industriosa in mezzo a loro, il leprecano, il calzolaio fatato. Forse i folletti consumano le scarpe a forza di ballare. […]Quando sono allegri, cantano.
Molte sventurate fanciulle li hanno sentiti e, per amore di quel canto, si sono consumate di dolore e sono morte.

 

 

 
 
 
Molte delle vecchie melodie irlandesi sono semplicemente le loro musiche, afferrate da orecchie indiscrete.[…] Carolan, l'ultimo dei bardi irlandesi, dormì su una fortezza e per sempre, da allora, le melodie incantate si ripeterono nella sua mente e fecero di lui quel grande uomo che fu. Muoiono forse?
 
 
 

 
 
 
 
Blake vide il funerale di un folletto;
ma in Irlanda diciamo che sono immortali.
 
 
 

 
 
 
da “Fiabe Irlandesi” di William Butler Yeats
Impaginazione T.K.
CIAO DA TONY KOSPAN
 
 

 

IN FACEBOOK LA TUA PAGINA DI SOGNO
psiche6.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
 

PASSIONE IMPROVVISA – SAFFO – MINI DELLA BUONANOTTE   Leave a comment

 
 
 
 
 
PASSIONE IMPROVVISA
Saffo
 
 
E Amore sconvolse
il mio cuore
come il vento sui monti
aggredisce le querce.

 
 
 
 
 
 
Sep27
 
 
AMI LA POESIA?
VIENI NEL GRUPPO DI FACEBOOK
 
 
ILFANTMONDO.jpg picture by orsosognante
 
 UN MODO DIVERSO DI VIVERLA 
TONY KOSPAN 
 

Pubblicato 10 giugno 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

CIELO D’AMORE – KABIR – POESIA SUBLIME   3 comments

 
 
 
 
 
CIELO D'AMORE
 
– KABIR –
 
POESIA SUBLIME
 
 
 
 
 
 
 
Questa poesia di Kabir poeta indiano del 15° secolo
è un vero e proprio inno
teso ad una vera fusione dell'Uomo con l'Infinito.
 
 
 
 
 
 
 
 
La tensione dello sguardo dell'anima,
secondo la prospettiva di Kabir
si riflette nel cielo d'amore.
La chiave per trovare la scintilla divina che è in noi,
senza farsi fuorviare dalle ombre della sera
e senza arrendersi alla banale realtà…,
è
andare verso l'altro
e
gustare attraverso il cuore
i suoni ed i profumi della natura…
 
 
 
 
 
 
 
CIELO D'AMORE
Kabir
 
Cadono le ombre della sera
lunghe, serrate,
di buio avvolgono il corpo e la mente.
Tu apri la finestra che dà a ponente
perditi nel cielo d’amore.
Bevi il miele stillato dai petali
del loto che hai in cuore.
Lascia che ti penetrino
le onde del mare, le onde
di splendore.
Ascolta, un suono di conchiglie, di campanelli
si leva dalle acque.
Kabir dice:
«Fratelli,
è Dio in questo vaso, in questo mio corpo».
 
 
 
 
 
 
 
E voi cosa ne pensate?
 
Tony Kospan
 
 
 
 
 
 
  80x80  80x80  80x80  80x80
 
ILFANTMONDO.jpg picture by orsosognante
 
 

Pubblicato 10 giugno 2010 da tonykospan21 in POESIE SUBLIMI

OCCHI STANCHI E ARROSSATI PER TROPPO PC? ECCO I RIMEDI YOGA   Leave a comment

 

 
 
 
TROPPO AL PC?
OCCHI STANCHI E ARROSSATI?
 

ECCO DEGLI ESERCIZI YOGA PER GLI OCCHI…
CHE POSSONO ESERE D’AIUTO…
 
 
 

     

 

 

Eseguiti regolarmente, migliorano progressivamente la vista e eliminano la sensazione di stanchezza e danni provocati dall’uso prolungato del computer. 

 

 

1) In piedi, appoggiati ad una parete a 3-5mt. da quella di fronte; Seguire con il solo movimento degli occhi a testa ferma la diagonale che congiunge l’angolo in alto a destra della parete di fronte a voi con l’angolo in basso a sinistra della parete alla quale siete appoggiati poi fare il percorso inverso. (ripetere 3 volte)

Nello stesso modo, seguite la diagonale che congiunge l’angolo in basso a destra della parete di fronte a voi con l’angolo in basso a destra della parete alla quale siete appoggiati poi fare il percorso inverso. (ripetere 3 volte)

 

 

ATTENZIONE tutti i movimenti dovranno essere ripetuti lentamente immaginate che i vostri occhi camminano letteralmente sulle diagonali, cercate di evitare salti di velocità o da un punto all’altro.

Alla fine chiudete gli occhi e fate qualche respiro profondo e diaframmatico, lasciate la vostra attenzione sui vostri occhi.

 

 

2) Seguite con il solo movimento degli occhi (testa ferma) una linea orizzontale, parallela al pavimento, che dalla parete di fronte si sposta sulla parete di sinistra, ritorna sulla parete di fronte e prosegue sulla parete di destra, per ritornsre al centro, sulla parete di fronte. (ripetere 3 volte)

Alla fine chiudete gli occhi e fate qualche respiro profondo e diaframmatico, lasciate la vostra attenzione sui vostri occhi.

 

 

3) Roteare lentamente gli occhi intorno alla propria orbita, una volta in senso poi in senso inverso, fate attenzione a fare movimenti lenti e consapevoli.

Alla fine chiudete gli occhi e fate qualche respiro profondo e diaframmatico, lasciate la vostra attenzione sui vostri occhi.

Poi prendendo tutto il tempo che volete, apritevi all’esterno.

 

 

Himalayan yoga institute , swami Rama , Veda Bharati , meditazione , raja yoga

 

CIAO DA TONY KOSPAN A bocca aperta

 

Pubblicato 10 giugno 2010 da tonykospan21 in SALUTE BENESSERE PSICOLOGIA GINNASTICA

FELICE GIOVEDI’ IN POESIA E MUSICA…   Leave a comment

 
 

  

 

 

fl_p_dir_AAA.giffl_p_dir_AAA.giffl_p_dir_AAA.gif   fl_p_dir_AAA.giffl_p_dir_AAA.gif

Come in un sogno, l’amore viene con passi silenziosi.
Rabindranath Tagore 

    lirioamarillo01lirioamarillo01lirioamarillo01lirioamarillo01lirioamarillo01lirioamarillo01lirioamarillo01lirioamarillo01lirioamarillo01lirioamarillo01     

 

 

 

HO FAME DELLA TUA BOCCA
Pablo Neruda
 
Ho fame della tua bocca, della tua voce, del tuoi capelli
e vado per le strade senza nutrirmi, silenzioso,
non mi sostiene il pane, l’alba mi sconvolge,
cerco il suono liquido dei tuoi piedi nel giorno.
 
 Sono affamato del tuo riso che scorre,
delle tue mani color di furioso granaio,
ho fame della pallida pietra delle tue unghie,
voglio mangiare la tua pelle come mandorla intatta.
 
Voglio mangiare il fulmine bruciato nella tua bellezza,
il naso sovrano dell’aitante volto,
voglio mangiare l’ombra fugace delle tue ciglia
e affamato vado e vengo annusando il crepuscolo,
cercandoti, cercando il tuo cuore caldo
come un puma nella solitudine di Quitratùe
.

 

 

   

 
da Orso Tony
 

       
AMI LA POESIA?
VIENI NEL GRUPPO DI FACEBOOK
 
 
ILFANTMONDO.jpg picture by orsosognante
 
 UN MODO DIVERSO DI VIVERLA 
TONY KOSPAN 
 

Pubblicato 10 giugno 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: