Archivio per 19 Maggio 2010

SOSPESO – BRAMANTI – MINI DELLA NOTTE…   Leave a comment

 
 
 
 
SOSPESO
Carlo Bramanti
Mi chiedo 
perchè vuoi apparire 
diversa … 
E penso,
mi muovo….  
così che 
ogni tua amorevole bugia 
sia un giglio   
estraneo,
lontano,
sospeso 
nel vento.
 
 
 
buonanotte.gif image by piriquita2009

Pubblicato 19 Maggio 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

UNA SIMPATICA STORIELLA   Leave a comment

 

 

UNA SIMPATICA STORIELLA

 

 

Un giorno, un uomo non vedente stava seduto sui gradini di un edificio con un cappello ai suoi piedi ed un cartello recante la scritta: "Sono cieco, aiutatemi per favore".


Un pubblicitario che passeggiava lì vicino si fermò e notò che aveva solo pochi centesimi nel suo cappello.

Si chinò e versò altre monete, poi, senza chiedere il permesso dell’uomo, prese il cartello, lo girò e scrisse un’altra frase.

Quello stesso pomeriggio il pubblicitario tornò dal non vedente e notò che il suo cappello era pieno di monete e banconote.
Il non vedente riconobbe il passo dell’uomo: chiese se non fosse stato lui ad aver riscritto il suo cartello e cosa avesse scritto.

Il pubblicitario rispose "Niente che non fosse vero, ho solo riscritto il tuo in maniera diversa", sorrise e andò via.

 Il non vedente non seppe mai che ora sul suo cartello
c’era  scritto: "Oggi è primavera…ed io non la posso vedere".
 

 

 

Cambia la tua strategia quando le cose non vanno bene e vedrai che sarà per il meglio.
Abbi fede: ogni cambiamento può esser il meglio per la nostra vita.
 
Ciao da Tony Kospan
 

dal web… impaginaz. T.K.

 

Vivere il web… come in un club… un salotto tra amici?
Parliamo d’arte poesia, musica, riflessioni, buonumore, test… etc… 
Vieni… sarai protagonista nel nostro gruppo di Amici di penna  
in "GABITO GRUPOS"
 
sampc3a187dad82b18dc.jpg Psiche e Sogno picture by orsosognante  
 
PROBLEMI AD ISCRIVERTI? 
T.K.
 
 
 

Pubblicato 19 Maggio 2010 da tonykospan21 in FAVOLE LEGGENDE RACCONTI DI SAGGEZZA

TROVATO L’ALBERO PIU’ ANTICO DEL MONDO   Leave a comment

 
 
L’ALBERO PIU’ ANTICO DEL MONDO
Trovato in Svezia
 
 
abete.jpg

 
E’ un abete rosso e ha la veneranda età di 8.000 anni.
 
Ne ha viste passare tante l’albero scandinavo, compresa l’ultima glaciazione della terra,
avvenuta all’incirca mentre lui nasceva.
 
 
 
 
 
 
 

Scoperto da un gruppo di botanici dell’Università di Umea, in Svezia, questo esemplare unico al mondo è considerato un “miracolato”, dato che è sopravvissuto alla deforestazione selvaggia che avviene costantemente negli ultimi decenni in quelle terre. Sarà perchè la sua posizione è alquanto scomoda da raggiungere (si trova tra le rocce su di una montagna), oppure per pura casualità, fatto sta che l’analisi delle sue radici più vecchie con il carbonio 14 hanno dimostrato che questa conifera sempreverde è sopravvissuta per 8 millenni, e gode di ottima salute.
 

Una scoperta casuale polverizza il precedente record di longevità tra le piante: poco dopo la fine dell’ultima glaciazione, circa 8 millenni fa, al confine tra Norvegia e Svezia attecchivano i semi una conifera di pecci che oggi si è salvata per puro caso dalla politica di taglio sostenibile degli alberi di quelle zone.

Leif Kullman, botanico all’università Umea ha inviato una parte della radice più antiche ad un laboratorio di Miami con l’intento di capire come questi organismi viventi potessero sopravvivere alle rigide condizioni meteo della zona. In America hanno fatto diversi esami, fra cui anche quelloal carbonio 14 che serve anche per risalire all’età dei fossili. Il sorprendente dato ne fa quindi l’organismo vivente più antico al mondo.

Polverizzato il record di Matusalemme un pino Bristlecone di appena 5 millenni che vive sulle White mountains nei pressi di Las Vegas e del cipresso iraniano da 4000 anni e del cipresso cileno da 3600 anni. Altri alberi da 2-3000 anni sono sparsi un po’ in tutto il mondo. In Italia, ne abbiamo circa 150 censiti dal Corpo Forestale dello Stato.

Il record italiano 챔 detenuto dalla regione Sardegna, col suo Olea europaea oleaster (in pratica un olivo selvatico) di San Baltolu di Luras, in provincia di Sassari. Giusto per rendere l’idea ha un diametro di 11 metri ed è alto 15, contato per anelli d’accrescimento. Il nostro primato è sotto osservazione, perché si sta tentando la clonazione, visto che è sicuramente l’esemplare più resistente a insetti, malattie e cambiamenti climatici.

La situazione delle piante monumentali italiane ovviamente non è come quelle europea: per vanto venivano spostati dal luogo dove hanno vissuto per millenni, causandone spesso la dipartita. Solo nelle Marche, nell’Alto Adige e nell’Emilia Romagna gli albri monumentali venivano protetti fino a pochi anni fa. Nel 2008 il Ministro delle politiche agricole e forestali, Paolo De Castro ha però ottenuto l’approvazione dalla Commissione ambiente del Senato, della norma secondo la quale “Gli alberi monumentali saranno protetti dal Codice dei Beni Ambientali e Paesaggistici”. Un atto dovuto agli alberi che per millenni sono stato custodito dalla natura, oggi la legge li tutela dall’uomo.

 

 
 
Da vari siti web – impaginazione T.K.
 
 

Vivere il web… come in un club… un salotto tra amici?
Parliamo d’arte poesia, musica, riflessioni, buonumore, test… etc… 
Vieni… sarai protagonista nel nostro gruppo di Amici di penna  
in "GABITO GRUPOS"
 
sampc3a187dad82b18dc.jpg Psiche e Sogno picture by orsosognante  
 
PROBLEMI AD ISCRIVERTI? 
T.K.

 

TUTTI VOGLIONO VIVERE FELICI – SENECA – PASSO MODERNISSIMO   1 comment

 
 
 
 
UN MODERNISSIMO PASSO DI SENECA…
CHE CI PARLA DELLA NOSTRA FELICITA’
MA CHE CI MOSTRA ANCHE
COME CERTI MECCANISMI DELLA NOSTRA SOCIETA’
CHE CI MERAVIGLIANO E CI FANNO INCAVOLARE…
ERANO GIA’ NOTI OLTRE 2000 ANNI FA…

 

 
TUTTI VOGLIONO VIVERE FELICI 
dal "De vita beata" di Lucio Anneo Seneca 
 
 

 

Tutti vogliono vivere felici, caro Gallione, fratello mio, ma non vedono con chiarezza che cosa renda la vita felice!
Non è facile conseguire una vita felice, perché, quanto più la perseguiamo, tanto più ce ne allontaniamo, se abbiamo sbagliato strada; quando la via scelta corre in direzione contraria, proprio la velocità diventa motivo di distanza maggiore.
Bisogna pertanto domandarci in primo luogo che cosa sia ciò che desideriamo; poi dobbiamo guardarci intorno e considerare per quale via sia possibile volgerci il più velocemente possibile verso quella meta, potendo capire, durante il cammino, purché sia quello giusto, quanto se ne compie ogni giorno e quanto ci siamo avvicinati a ciò verso cui il desiderio naturale ci spinge.
Ma fino a quando vaghiamo qua e là, non seguendo una guida, ma il brontolio e il clamore discorde di chi ci chiama verso opposte direzioni, la vita sarà consumata nel traviamento e sarà breve anche se giorno e notte ci affatichiamo per conseguire il retto pensiero.
Si stabilisca dunque dove tendere e attraverso quale percorso, non senza qualche esperto che già abbia esplorato i luoghi verso cui procediamo, dato che in questo caso le condizioni non sono le stesse dei normali viaggi: in quelli un tracciato viario, una volta che sia stato ben individuato, e gli abitanti, cui si possono fare delle domande, non permettono di sbagliare strada; qui invece le vie più battute e maggiormente frequentate ingannano.
Quindi il nostro primo dovere è quello di non seguire, come fanno gli animali, il gregge di coloro che ci precedono, dirigendoci non dove bisogna andare, ma dove si va.
Nulla davvero ci fa cadere in mali maggiori quanto il seguire le opinioni comuni, considerando ottimo ciò su cui tutti sono d’accordo per cui, dal momento che abbiamo molti modelli, non viviamo neppure secondo ragione, ma a imitazione degli altri.
Di qui l’ammucchiata, il cumulo enorme degli uni che rovinano sugli altri.
La strage di tante persone, che può capitare quando la  folla si accalca e si spinge (nessuno cade senza tirarsi anche un altro addosso, e i primi sono motivo di morte per quelli che seguono), è cosa che vedi accadere nella vita di ognuno: nessuno sbaglia solo per sé, ma a causa e motivo degli errori degli altri.
E’ dannoso attaccarci a chi ci precede e, dato che ciascuno preferisce credere piuttosto che giudicare, non arriviamo mai a farci un giusto giudizio della vita, limitandoci a credere; così l’errore, passando di mano in mano, ci travolge e ci fa precipitare. Andiamo in rovina per gli esempi altrui; ci potremo salvare se ci separeremo dalla folla.
La realtà è che la folla si erge contro la ragione, difendendo il male che le è proprio.
Così capita quello che succede nei comizi, per cui gli stessi elettori, quando il mutevole favore popolare ha fatto un giro su se stesso, si meravigliano di aver eletto certi politici.
Sono le stesse cose che approviamo e che rimproveriamo: questa è l’inevitabile conseguenza di ogni giudizio in cui ci si regola secondo la volontà  della maggioranza…
 
 

 

CIAO DA TONY KOSPAN

 
stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar
 
 
E’ NATO IN FACEBOOK UN… SALOTTINO… CULTURALE… 
 
 
 
DOVE E’ POSSIBILE SCAMBIARSI PENSIERI ED EMOZIONI
D’ARTE POESIA MUSICA BUONUMORE RIFLESSIONI STORIA… ETC…
IN MODO SEMPLICE ED IN AMICIZIA…
 
ACOMODATI E PARTECIPA ANCHE TU…
TI ASPETTIAMO…      
               
  
 
TONY KOSPAN 
 
 

Pubblicato 19 Maggio 2010 da tonykospan21 in RIFLESSIONI AFORISMI FILOSOFIE

FELICE MERCOLEDI’ IN POESIA E MUSICA…   1 comment

 
 

 
 
 img85/5089/chaletmaki2rf.gif
    
 
 
 
 

   
La grande tragedia della vita non è che gli uomini muoiano,
ma che cessino di amare. 
William Somerset Maugham
 
 

 

 

 
IL CAMMINO VERSO L’INFINITO…
(Nicholas Bawtree)
Non avere paura del mio silenzio 
Non ti voglio mai rinchiudere 
In una gabbia di parole
Ma incontrarti ogni volta come per caso
E fare un po’ di strada insieme
Per condividere un sorso di vita
Con chi ha la borraccia più piena
E magari sederci sotto un albero
Ai bordi di quella che chiamano realtà
Sul nostro cammino verso l’Infinito.
 
 
  
  
      
 
 
 
DA ORSO TONY
 
 
 
 
 
 
 
AMI LA POESIA?
SCRIVERLA… LEGGERLA… PARLARNE?
VIENI NEL GRUPPO DI FACEBOOK
 
ILFANTMONDO.jpg picture by orsosognante
 
 
TONY KOSPAN
 
 

Pubblicato 19 Maggio 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: