Archivio per 14 Maggio 2010

LA SIGNORA – LAMARQUE – MINI DELLA BUONANOTTE   Leave a comment

LA SIGNORA IN FRETTA
Vivian Lamarque

Il persempre era ormai cortissimo diventato.
Quanti Natali erano rimasti?
Una manciata.
Allora bisognava non sprecare nemmeno un minuto?
Sì, bisognava spicciarsi,
per questo lei, in fretta,
lo adorava.

 

Pubblicato 14 Maggio 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

IL MITICO INTERVALLO RAI DEGLI ANNI CHE FURONO…   Leave a comment

 
 
IL MITICO INTERVALLO RAI  
DEGLI ANNI CHE FURONO...
 
 
 
 
 
CIAO DA TONY KOSPAN
 
 

Pubblicato 14 Maggio 2010 da tonykospan21 in MITI TRADIZIONI LEGGENDE

ESTATE – ATTESA E SOGNO – POESIE E NON SOLO   1 comment

 

 

 

L’ATTESA ED IL SOGNO DELL’ESTATE
IN… POESIA E NON SOLO
a cura di Tony Kospan
 
 
Davvero altalenante questa primavera… in cui finora 
si sono alternate giornate calde e fredde… soleggiate e piovose… etc…
 
Certo ogni volta che sembra finalmente avanzare il bel tempo… ecco che…
dietrofront… torna il maltempo… e questi giorni ne sono la conferma…
 
 
Dunque, visto che anche l’inverno non è stato per nulla dolce,
è evidente in tutti noi l’attesa dell’estate
vista come sogno e promessa di calore… riposo…  vitalità…
e capacità di rigenerare corpo e spirito…
 
 L’Estate è infatti la stagione meta… traguardo… delle nostre speranze…
dei nostri sogni… del nostro bisogno di staccare la spina…
dopo un anno di impegni… 
 
 
E’ però anche la stagione della libertà e della leggerezza nel vestire…
che ci porta anche ad una maggiore libertà… ed apertura…
dello spirito… dell’animo… e… non solo…
 Spiaggia, mare, sole, buona cucina, un amore di vacanza a Riccione
Anche l’Estate e la sua attesa… è stata cantata da sempre
dai poeti e dagli artisti in genere.
 
Come sempre sarebbe bello leggere poesie
che, sul tema, parlano al vostro cuore…
 
Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic
 
Nota

 
 
SENSAZIONE
– Arthur Rimbaud –
 
Le sere blu d’estate, andrò per i sentieri
graffiato dagli steli, sfiorando l’erba nuova:
ne sentirò freschezza, assorto nel mistero.
Farò che sulla testa scoperta il vento piova.
Io non avrò pensieri, tacendo nel profondo:
ma l’infinito amore l’anima mia avrà colmato,
e me ne andrò lontano, lontano e vagabondo,
guardando la Natura, come un innamorato.
 
Nota

 
ESTIVA
 – Vincenzo Cardarelli –
 
Distesa estate ,
stagione dei densi climi
dei grandi mattini,
dell’albe senza rumore-
ci si risveglia come in un acquario-
dei giorni identici,astrali,
stagione la meno dolente
d’oscuramenti e di crisi,
felicità degli spazi,
nessuna promessa terrena
può dare pace al mio cuore
quanto la certezza di sole
che dal tuo cielo trabocca;
stagione estrema,che cadi,
prostrata in riposi enormi;
dai oro ai più vasti sogni,
stagione che porti la luce
a distendere il tempo
di là dai confini del giorno,
e sembri mettere a volte
nell’ordine che procede
qualche cadenza dell’indugio eterno.
 
Nota
 
SOGNO D’ESTATE
– Alfonso Gatto –
 
Trapeli un po’ di verde
il limone, il sifone,
il piccolo portone
della pensione,
trapeli il blu,
anche tu
vestita col tuo nudo rosa,
ogni cosa amorosa.
Amore è amore
liscio alla sua foce.
Un’ alpe zuccherina,
l’amore è brina.
Che sogno averti vicina
notturna, fresca, sottovoce.
 
Nota

 
FAMMI UN RITRATTO DEL SOLE
– Emily Dickinson –
 
Fammi un ritratto del sole
Così che io possa appenderlo in camera mia
E possa fingere di scaldarmi
Mentre gli altri lo chiamano " Giorno"!
Disegnami un pettirosso su un ramo
Così che io possa ascoltarlo  mentre dormo
E quando cesserà il campo nei campi
Anch’io deporrò la mia illusione.
Dimmi se e’ vero che fa caldo a mezzogiorno
Se sono i ranuncoli quelli che volano
O le farfalle quelle che fioriscono.
Poi, manda via il gelo dai prati
E scaccia la ruggine dagli alberi
Dammi l’illusione che ruggine e gelo
Non debbano più tornare!
 
Nota
 
 
DOVREI PARAGONARTI AD UN GIORNO D’ESTATE?
– William  Shakespeare-
 
Dovrei paragonarti ad un giorno d’estate?
Tu sei ben più raggiante e mite:
venti furiosi scuotono le tenere gemme di maggio
e il corso dell’estate ha vita troppo breve:
talvolta troppo cocente splende l’occhio del cielo
e spesso il suo volto d’oro si rabbuia
e ogni bello talvolta da beltà si stacca,
spoglio dal caso o dal mutevol corso di natura.
Ma la tua eterna estate non dovrà sfiorire
nè perdere possesso del bello che tu hai;
nè morte vantarsi che vaghi nella sua ombra,
perchè al tempo contrasterai la tua eternità:
finchè ci sarà un respiro od occhi per vedere
questi versi avranno luce e ti daranno vita.
 
 
Felice attesa dell’Estate a tutti… da…
Orso Tony
 

 
 Photobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image Hosting 
 
 

SE AMI LEGGERLE, SCRIVERLE O PARLARNE … 
APPROFONDENDONE I TEMI…
RAGGIUNGICI NEL GRUPPO DI FACEBOOK… 
 
 
FANTMONDOPOESIA.jpg picture by orsotony21 
 

 

                                                                                                                                                                                                                                             

CESARE POLACCO UN MITO DEL… “MITICO” CAROSELLO…   Leave a comment

 

 
 
P E R S O N A G G I      M I T I C I
 
 
  

CESARE POLACCO

 (Venezia, 14 maggio 1900Roma, 2 marzo 1986)

 
 
 
Questo attore… grande protagonista del mitico Carosello…
nasceva in questo giorno… 110 anni fa…
 
E’ conosciuto da noi che abbiamo vissuto quella stagione…
ma molto meno dai giovani d’oggi…
 
 
 
 
 
All’epoca era davvero un personaggio mitico…
 
Per tutti ecco questo video che ci riporta
per un attimo a quei tempi…
 
 
 

 

CIAO A TUTTI

DA TONY KOSPAN…

 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar 

 

E’ NATO IN FACEBOOK UN… SALOTTINO… CULTURALE…
 
PSICHE E SOGNO
 
 
 
DOVE E’ POSSIBILE SCAMBIARSI PENSIERI ED EMOZIONI
D’ARTE POESIA MUSICA BUONUMORE RIFLESSIONI STORIA… ETC…
IN MODO SEMPLICE ED IN AMICIZIA…
 
ACOMODATI E PARTECIPA ANCHE TU…
TI ASPETTIAMO…
 
     
 
 
TONY KOSPAN
 
 
 
 

Pubblicato 14 Maggio 2010 da tonykospan21 in MITI TRADIZIONI LEGGENDE

FELICE WEEK END IN POESIA E MUSICA   Leave a comment

 
   

 
immagine
 
Ciò che si fa per amore
è sempre al di là del bene e del male
Friedrich Nietzsche

 

 
 
I TUOI OCCHI BRILLAVANO
ANCORA PER ME 
Ralph Waldo Emerson
 
I tuoi occhi brillavano ancora per me,
     anche se vagavo solitario per terra e mare;
come quella lontana stella che vedo,
     ma che non vede me.

Stamattina sono salito sulla collina nebbiosa,
     ed ho percorso tutti i pascoli,
come brillava la tua forma lungo la mia strada
     fra la rugiada dagli occhi profondi!

Quando l’uccello rosso spiegò le scure ali,
     e mostrò il suo fianco acceso:
quando il bocciolo maturò in una rosa,
     in entrambi io lessi il tuo nome.

 

  

 

            

 da Tony Kospan

              
 
SE AMI LEGGER, SCRIVER O PARLAR… DI

VIENI NEL GRUPPO DI FACEBOOK… 
 
 
 
 
TONY KOSPAN

 

Pubblicato 14 Maggio 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

IL TANGO DELLE CAPINERE – MUSICA ED ATMOSFERA DI UN TEMPO…   6 comments

  
ATMOSFERE E NOTE… DI UN TEMPO…
a cura di Tony Kospan
 
 
 
Odalische – Matisse 1928
 
 
IL TANGO DELLE CAPINERE
 
 
 

 Ora è il turno di…
quest’altra famosissima… classicissima…
storica… (1928).
 
 
 
 
 
E’ una canzone che…  per le parole ed il significato 
è certamente spintarella  per l’epoca…A bocca aperta
 
 
 
 
La canzone fu composta da Cesare Andrea Bixio 
mentre il testo è di Cherubini.
Fu Parigi a decretare il succcesso di questo tango
che presto si estese in vari Paesi.
 
 
 
Il primo Tarzan – Johnny Weissmuller
 
 

 Siamo nel 1928… e le immagini che vedete… d’arte e non…
fanno riferimento all’atmosfera di quell’anno
 
 
 
Giacomo Balla – Autocaffè
 
 
 
 
 
 

Il testo…
 
IL TANGO DELLE CAPINERE

C. A. Bixio – Cherubini
 
Laggiù nell’Arizona
terra di sogni e di chimere
se una chitarra suona
cantano mille capinere
hanno la chioma bruna
hanno la febbre in cuor
chi va cercar fortuna
li troverà L’amor.
 
A mezzanotte va
la ronda del piacere
e nell’oscurità
ognuno vuol godere
son baci di passion

L’amor non sa tacere
e questa è la canzon
di mille capinere.

 

Il bandolero stanco
scende la sierra misteriosa
sul suo cavallo bianco
spicca la vampa di una rosa
quel fior di primavera
vuol dire fedeltà
e alla sua capinera
egli lo porterà.
 
A mezzanotte va
la ronda del piacere
e chi ritornerà
lasciando le miniere
forse riporterà
dell’oro in un forziere,
ma il cuore lascerà
fra mille capinere! 
 
 
 
 
 
Eccola dunque in una versione video… classica…
cantata da Luciano Virgili…
 
 
 
 
 
 
 
Barre-bleue
 

 
 
Rose Rolando – Man Ray

 
 
Chi poi desidera ascoltarla in una versione video…
più moderna… cantata da Gigliola Cinquetti…
 
 
 
   
 
 
CIAO DA TONY KOSPAN
 
 

 

Un diverso modo di vivere il web?
Trovarsi come in un club… un salotto tra amici?
Parliamo d’arte poesia, musica, riflessioni, buonumore, test… etc… 
Vieni… sarai protagonista e sarai tra amici
nel nostro gruppo di
Amici di penna  
in GABITO GROUPS
 
sampc3a187dad82b18dc.jpg Psiche e Sogno picture by orsosognante  
 
PROBLEMI AD ISCRIVERTI?
 
T.K.

 

 
 

Pubblicato 14 Maggio 2010 da tonykospan21 in CANZONI DI UN TEMPO...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: