IL MITO DI PERSEO – STORIA SIGNIFICATO E VIDEO   2 comments

 

 

 

 

 
 
IL MITO DI PERSEO
E DEL PEGASO ALATO

 

 (MUSICA NEW AGE)

 

 

 

IL MITO

 

 

Perseo affronta e decapita Medusa, una delle Gorgoni, (mostri marini il cui nome proviene dal greco gorgós=spaventoso) guardandola riflessa nello specchio donatogli da Atena per non rimanere pietrificato dal suo sguardo.

Le Gòrgoni erano tre: due erano immortali, Steno ed Euriale: la terza, invece, Medusa non aveva questo dono; e quest'ultima Pèrseo doveva affrontare e uccidere.

Esse erano dotate di sorprendente bellezza.

 

 

 

Minerva, per vendetta, aveva mutata la chioma di Medusa in un orribile groviglio di serpi, dando agli occhi di lei il potere di render di pietra quelli ch'essa guardasse.

Perseo viene avvertito del pericolo, ma è aiutato dallo scudo donatogli dalla déa che permette di osservare medusa senza rifletterne l’immagine e da una falce adamantina donatogli da Hermes (Mercurio) per decapitare Medusa.

 

 

 

Dal collo decapitato di Medusa esce il cavallo alato Pegaso che ella aveva concepito con Posidone, ma che a causa del suo odio non era capace di darlo alla luce. Il nome Pegaso viene dalla parola greca pegai, che significa “sorgenti” o “acque”.

 

 

 

 

 

Pegaso, il cavallo alato aiutò Pegaso a liberare Andromeda da un mostro marino,  fu determinante anche nell'impresa di Bellerefonte contro la Chimera.

Alla fine delle sue vicende, Pegaso si trasforma nell'omonima costellazione.

 

 

Pegaso

 

 

Mentre nel mito greco la figura del cavallo alato è espressa attraverso Pegaso, nella cultura orientale, la stessa figura si ritrova nell'immagine dell'ippogrifo. 

Benvenuto Cellini ha lasciato un ritratto della Gorgona nel famoso bronzo del Pèrseo che si ammira a Firenze, nella Loggia dei Lanzi.

Dante Alighieri nel IX canto dell’inferno (51-57) si esprime così: ” Volgiti indietro, e tien lo viso chiuso: che se il Gorgon si mostra, e tu il vedessi, nulla sarebbe del tornar mai suso”. 

 

 

 

 

 

 

 

IL SIGNIFICATO

 

 

Il messaggio che ci trasmette il mito è che, per non soccombere rispetto all'energia pietrificante, che coagula (che è quella sessuale) e alle paure inconsce, non bisogna lottare direttamente (Perseo non deve incrociare lo sguardo di Medusa) ma serve la riflessione (il riflesso dello specchio), la conoscenza della natura superiore ed inferiore (Jung direbbe l'ombra) e così possono essere superate le prove al fine di liberare infine sé stesso come il Pegaso alato.

I miti anche oggi sono presenti dappertutto nella vita quotidiana, si pensi ad esempio che il Pegaso alato è lo stemma della Regione Toscana:

“Pegaso è il protagonista – insieme a Perseo e Bellerofonte – di uno dei miti più amati e longevi della civiltà occidentale.

 Insieme agli altri due personaggi rappresenta l'eroe che costruisce la pace, combatte il caos e il male e propone valori positivi”.

Si potrebbero fare tanti altri esempi del genere.

 

 

 

 

 

IL VIDEO

  

 

 

 

 

CIAO DA TONY KOSPAN

 

DAL WEB – IMPAGINAZIONE T.K.

 

 stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar
 LA TUA PAGINA DI SOGNO IN FACEBOOK
 POESIA ARTE MUSICA RICORDI RIFLESSIONI ETC.
psiche6.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
 
TONY KOSPAN

Pubblicato 18 aprile 2010 da tonykospan21 in MITI TRADIZIONI LEGGENDE

2 risposte a “IL MITO DI PERSEO – STORIA SIGNIFICATO E VIDEO

Iscriviti ai commenti con RSS .

  1. Di SimonideFRAMMENTO DELL’ODE INTITOLATA «PERSEO»Mentre in dedalea navicella il ventofremea soffiando, e l’agitata poppagià sommergean le insuperabil’onde,aspergendo di lacrime le gotel’afflitta madre circondò Perseocon mano amica ed a lui disse: «O figlio,quanto soffr’io! Tu dolce sonno godi,e il latteo petto posi in trista culla,da chiodi intesta e tra le stelle errante0d’oscura notte. Tu su l’irta e foltachioma non curi lo scorrente fluttoné del vento il romor, giacendo involtoin clamide purpurea il viso bello.Ah, se l’affanno mio ti desse affanno,cortese tenderesti a’ miei lamentil’orecchie. Dormi, io te n’esorto, o figlio,e dorma il mar, dorma l’angoscia immensa.E tu deludi i rei consigli, o padreGiove, e se i detti miei son troppo audaci,prego, in grazia del figlio, a me perdona».

    "Mi piace"

  2. bellino

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: