Archivio per 15 aprile 2010

STORIA D’AMORE – CELENTANO   Leave a comment

Storia d’Amore
 
Tu non sai
cosa ho fatto quel giorno
quando io la incontrai
in spiaggia ho fatto il pagliaccio
per mettermi in mostra agli occhi di lei
che scherzava con tutti i ragazzi
all’infuori di me.
Perché, perché, perché, perché,
io le piacevo.
Lei mi amava, mi odiava,
mi amava, mi odiava,
era contro di me,
io non ero ancora il suo ragazzo
e già soffriva per me
e per farmi ingelosire
quella notte lungo il mare
è venuta con te.
Ora tu vieni a chiedere a me
tua moglie dov’è.
Dovevi immaginarti
che un giorno o l’altro
sarebbe andata via da te.
L’hai sposata sapendo che lei,
sapendo che lei
moriva per me
coi tuoi soldi
hai comprato il suo corpo
non certo il suo cuor.
Lei mi amava, mi odiava,
mi amava, mi odiava,
era contro di me, io non ero
ancora il suo ragazzo
e già soffriva per me
e per farmi ingelosire
quella notte lungo il mare
è venuta con te.
Un giorno io vidi lei
entrar nella mia stanza
mi guardava,
silenziosa,
aspettava un sì da me.
Dal letto io mi alzai
e tutta la guardai
sembrava un angelo.
Mi stringeva sul suo corpo,
mi donava la sua bocca,
mi diceva sono tua
ma di pietra io restai.
Io la amavo, la odiavo,
la amavo, la odiavo,
ero contro di lei,
se non ero stato il suo ragazzo
era colpa di lei.
E uno schiaffo all’improvviso
le mollai sul suo bel viso
rimandandola da te.
A letto ritornai
piangendo la sognai
sembrava un angelo.
Mi stringeva sul suo corpo
mi donava la sua bocca
mi diceva sono tua
e nel sogno la baciai.

 

Adriano Celentano (dall’album "Le Robe che ha Detto" 1969)

 
 
 

Pubblicato 15 aprile 2010 da tonykospan21 in CANZONI DELL'ESTATE

IN QUELL’ISTANTE – NERUDA – MINI DELLA BUONANOTTE   2 comments

 
 
 

 
 
 
IN QUELL’ISTANTE
Pablo Neruda
In quell’istante
ebbero termine i libri,
l’amicizia,
i tesori senza sosta accumulati,
la casa trasparente
che tu e io costruimmo:
tutto cessò d’esistere,
tranne i tuoi occhi.

 

 

 

Pubblicato 15 aprile 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

IL CIRANO (NON CYRANO) DI GUCCINI… GRANDE CANZONE DI RABBIA E D’AMORE…   Leave a comment

 
 
 
IL CIRANO DI GUCCINI
 
 

 
 
 
 
 
CIRANO
(NON CYRANO PER SCELTA LINGUISTICA DI GUCCINI)
 
 E’ UNA CANZONE DI “RABBIA”… DI PROTESTA….
MA ANCHE D’AMORE…
E CHE FINISCE MEGLIO DELLA STORIA DEL CYRANO VERO…
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Per comprendere il testo della canzone occorre precisare chi sia Cirano.
“Cirano” è la forma grafica che Guccini adotta per “Cyrano”, ovvero Cyrano de Bergerac (1619-1655), scrittore e moralista del Seicento, reso celebre dalla commedia dedicatagli nel 1897 da Edmond Rostand, da cui Guccini ha derivato molti tratti (e molti versi) per il suo personaggio.
Effettivamente, in gioventù, Cyrano fu cadetto di Guascogna e divenne famoso per il suo carattere stravagante e rissoso, che lo rese protagonista di molti duelli.
Lasciata la carriera delle armi, si dedicò alla letteratura e alla meditazione, divenendo allievo assiduo del filosofo Gassendi, presso il quale conobbe Molière e altri intellettuali. Non perse tuttavia il suo spirito aggressivo e si fece molti nemici, soprattutto fra i potenti, che egli avversò sempre.
 
 
 

 

 
Cyrano/Guccini/Cirano è in definitiva “colui che non piega la testa davanti al potere […] anche se sa che da sempre il potere schiaccia le rivolte di popolo e individuali.
Ma tutto ciò non importa, perché la cosa veramente importante è il fatto di essere coerenti, di lottare con la forza dell’intelligenza e del sapere contro la stupidità e l’ignoranza, il poter dire alla fine: non ho sofferto invano. […]
Cirano è la rivolta contro il potere, ma Cirano è anche la sua solitudine esistenziale, la sua bruttezza, il suo naso deforme, è anche cioè la storia d’amore impossibile per i dogmi e i canoni estetici e ideologici ieri e oggi imperanti”
[P. Jachia, cit., pp. 177-178].
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
QUESTO E' IL TESTO 
PER CHI VUOL LEGGERLO CON CALMA
 
 
CIRANO
 
 
“Venite pure avanti voi, con il naso corto
signori imbellettati, io più non vi sopporto
Infilerò la penna ben dentro al vostro orgoglio
perché con questa spada vi uccido quando voglio

Venite pure avanti, poeti sgangherati
inutili cantanti di giorni sciagurati
buffoni che campate di versi senza forza
avrete soldi e gloria, ma non avete scorza
Godetevi il successo, godete finchè dura
che il pubblico è ammaestrato e non vi fa paura
e andate chissà dove per non pagar le tasse
col ghigno e l’ignoranza dei primi della classe
Io sono solo un povero cadetto di Guascogna
però non la sopporto la gente che non sogna
gli orpelli, l’arrivismo, all’amo non abbocco
e al fin della licenza io non perdono e tocco
io non perdono, non perdono e tocco

Facciamola finita, venite tutti avanti
nuovi protagonisti, politici rampanti
venite portaborse, ruffiani, mezzecalze
feroci conduttori di trasmissione false
Che avete spesso fatto del qualunquismo un’arte
coraggio liberisti, buttate giù le carte
tanto ci sarà sempre chi pagherà le spese
in questo benedetto, assurdo belpaese
Non me ne frega niente se anche io sono sbagliato
spiacere è il mio piacere, io amo essere odiato
coi furbi e prepotenti da sempre mi balocco
e al fin della licenza io non perdono e tocco
io non perdono, non perdono e tocco

Ma quando sono solo, con questo naso al piede
e almeno di mezz’ora da sempre mi precede
si spegne la mia rabbia, ricordo con dolore
che a me è quasi proibito il sogno di un amore
Non so quante ne ho amate, non so quante ne ho avute
per colpa o per destino, le donne le ho perdute
e quando sento il peso d’essere sempre solo
mi chiudo in casa e scrivo, e scrivendo mi consolo
Ma dentro di me sento che il grande amore esiste
amo senza peccato, amo ma sono triste
perché Rossana è bella, siamo così diversi
a parlarle non riesco, le scriverò dei versi
e parlerò coi versi

Venite gente vuota, facciamola finita
voi preti che vendete a tutti un’altra vita
se c’è come voi dite un Dio nell’infinito
guardatevi nel cuore, l’avete già tradito
E voi materialisti col vostro chiodo fisso
che Dio è morto e l’uomo è solo in questo abisso
le verità cercate per terra da maiali
tenetevi le ghiande, lasciatemi le ali
Tornate a casa nani, levatevi davanti
per la mia rabbia enorme mi servono giganti
ai dogmi e pregiudizi da sempre non abbocco
e al fin della licenza io non perdono e tocco
io non perdono, non perdono e tocco

Io tocco i miei nemici col naso e con la spada
ma in questa vita, oggi, non trovo più la strada
non voglio rassegnarmi ad essere cattivo
tu sola puoi salvarmi, tu sola e te lo scrivo
Deve esserci lo sento, in terra, in cielo un posto
dove non soffriremo e tutto sarà giusto
non ridere, ti prego, di queste mie parole
io sono solo un’ombra e tu Rossana il sole
Ma tu lo so non ridi, dolcissima signora
Ed io non mi nascondo sotto la tua dimora
perchè oramai lo sento, non ho sofferto invano
se mi ami come sono, per sempre tuo
per sempre tuo, per sempre tuo Cyrano”

 
 
 

 

 

 

MA ORA ASCOLTIAMOLA…

 

 Nota

 

 

CIAO DA TONY KOSPAN
 
 
 
stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar
 
 
IL TUO SALOTTO CULTURALE…E NON SOLO ?
 

 
samp5873205a0f06c928.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante

 
TONY KOSPAN
 
 
 
 

Pubblicato 15 aprile 2010 da tonykospan21 in MUSICA ITALIANA

NESSUN UOMO E’ UN’ISOLA – JOHN DONNE – POESIA SUBLIME   Leave a comment

  
  
  
NESSUN UOMO E’ UN’ISOLA
JOHN DONNE – POESIA SUBLIME
  
  
 
 
 
 
 
Ecco una fantastica poesia sull’Amicizia…
che ritengo sublime…
 
E’ la prima delle due di John Donne che
hanno lo stesso titolo…
 
A mio parere è una poesia profondissima…
anche se stupisce molti come… 
John Donne (1572-1631), poeta e religioso inglese,
mentre riusciva a raggiungere vette di altissima spiritualità…
 cedeva molto facilmente poi ad umanissime
e carnalissime tentazioni…
 
 
 
 
 
Inoltre i versi maniìfestano una modernità di pensiero
davvero piacevolmente sorprendente…
 
Ma ora leggiamola ed immergiamoci in essa…
 
Se ci va… facciamolo ascoltando questa musica new age
 
 
Nota
 
 
 
 
 
NESSUN UOMO E’ UN’ISOLA
   John Donne 
 
Nessun uomo è un’isola;
Nessun uomo sta solo.
Ogni uomo è una gioia per me;
Il dolore di ogni uomo è il mio dolore.
 
Abbiamo bisogno l’uno dell’altro,
perciò io difenderò
ogni uomo come mio fratello;
ogni uomo come mio amico.
 
 
 
 
  
Ciao
 
da Tony Kospan 
 
 
 

Se ami leggerle, scriverle o parlarne
approfondendone le varie tematiche…
raggiungici nel gruppo di facebook… 

 
FMP.jpg picture by orsosognante 
 

Pubblicato 15 aprile 2010 da tonykospan21 in POESIE SUBLIMI

PSICHE E SOGNO ORA ANCHE IN FB !   Leave a comment

 
 
 
Cari amici virtuali e reali del
Mondo di Orsosognante…
vi comunico che è nata, in Facebook,  una pagina…
(che è come un gruppo…)
avente come oggetto gli stessi argomenti… del blog…
ma una più ampia e libera partecipazione…
ed una visione diversa di tutti i post più recenti…
 
 
Animazione6b.gif PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
 
 
Infatti nasce come punto di aggregazione e di riferimento
 per gli amici di questo blog…
oltre che per gli amici dei  gruppi Psiche e Sogno (Gabito)
Liberi di Sognare (Msn e Multiply).
 
In pratica è come una… sorella diversa…
ma spero sempre piacevole ed affascinante. A bocca aperta
 
70x8270x8270x8270x8270x8270x8270x82
 
La velocità di scambi soprattutto di immagini e video
ma anche messaggi etc…
rendono a mio avviso gradevole
 la visita e perché no… la partecipazione… anche lì…
 
 
 
PSICHEESOGNO1.gif
 
 
Psiche di Fcb è appena nata ma ha già oltre 200 fan
(così si chiamano i frequentatori delle "pagine" di Fcb).
 
Mi farebbe piacere se anche voi vi associaste…
o quantomeno la visitaste…
 
 
 
 
Un affettuoso abbraccio a tutti…
 
Orso Tony

GLI ACQUERELLI DI MARCEL REYNAERT   Leave a comment

 

GLI ACQUERELLI DI MARCEL REYNAERT

 

 

Una bellissima PPS… con fantastici acquerelli di…
Marcel Reynaert…  corredati da una bella musica
e da frasi sull’invecchiamento…
 
(quest’ultime appaiono come considerazioni
che variano però dall’ovvio al molto interessante).

 

 

 

Direi proprio che di tratta di una PPS
carinissima e che valga la pena… vederla… goderla…

 

 
Ciao da Tony Kospan
 

Pubblicato 15 aprile 2010 da tonykospan21 in PAESAGGI EDIFICI VIAGGI

CIAO RAIMONDO…   Leave a comment

 

 

 

Che ti sia lieve la terra… Raimondo…

Ci hai accompagnato per molti anni della nostra vita…
con il tuo fine ed elegante umorismo…
 
 
Grazie di tutto…
 

Orso Tony

Pubblicato 15 aprile 2010 da tonykospan21 in Notizie e politica

FELICE GIOVEDI’ IN POESIA E MUSICA…   Leave a comment

 
 
 
 
 
    PROFUMODIROSA.gif picture by AURYBLU    PROFUMODIROSA.gif picture by AURYBLU     PROFUMODIROSA.gif picture by AURYBLU      PROFUMODIROSA.gif picture by AURYBLU         
 
 
 
 
 
 
 
Uno spettacolo per gli dei è la vita di due innamorati.
– Wolfgang Goethe –
 
 
 
 
.  
 

 

LA SPERANZA E’ UN ESSERE PIUMATO  
-Emily  Dickinson
 
La speranza è un essere piumato
che si posa sull’anima,
canta melodie senza parole e non finisce mai.
La brezza ne diffonde l’armonia,
e solo una tempesta violentissima
potrebbe sconcertare l’uccellino
che ha consolato tanti.
L’ho ascoltato nella terra più fredda
e sui più strani mari.
Eppure neanche nella necessità
ha chiesto mai una briciola – a me.
 
  
a tutti
da Orso Tony
 
stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar
 
E’ NATA LA PAGINA… NONCHE’ SALOTTO CULTURALE… 
 
   
DOVE DISCORRERE E SCAMBIARSI PENSIERI ED EMOZIONI
D’ARTE POESIA MUSICA BUONUMORE RIFLESSIONI… ETC… 
 
 
TI ASPETTIAMO… 
 
TONY KOSPAN
 
 

 

                                                                                                                                                                                                                                                     

Pubblicato 15 aprile 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: