Archivio per 5 aprile 2010

LA LUNA – LORCA – MINI DELLA NOTTE…   Leave a comment

 
 
 
 
 
LA LUNA
F.G. Lorca

Quando spunta la luna
tacciono le campane
e i sentieri sembrano
impenetrabili.
Quando spunta la luna
il mare copre la terra
e il cuore diventa
isola nell’infinito…
 
 

 Image and video hosting by TinyPic

Pubblicato 5 aprile 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

STORIA DEL PESCE D’APRILE… VIGNETTE ED ALCUNE BURLE FAMOSE   Leave a comment

 
 
 
 
 
 PESCE D’APRILE
STORIA VIGNETTE E BURLE FAMOSE
 
 
 

image

 
 
 
 
E’ il primo aprile ripercorriamo la storia del
Pesce d'aprile
e ricordiamo alcuni scherzi famosi
insieme ad alcune vignette…
 
 

 

 

 

 

 

LA STORIA

 

Alcuni ne fanno risalire l’origine al XVI secolo, e precisamente al 1582 quando, con la riforma del Calendario ad opera di Gregorio XIII, il Capodanno – che prima si festeggiava in Primavera e precisamente nel periodo che andava dal 25 marzo al 1 aprile – venne di botto spostato al 1 gennaio. Ma essendo un periodo in cui non c’erano radio, giornali e tv a diffondere e ricordare variazioni e nuove regole, molti o ignoravano del tutto la cosa, o se la dimenticavano: così i burloni si divertivano a invitare questi distratti malcapitati a inesistenti banchetti, feste e cerimonie di festeggiamento.
 
 
 
 

 

 


Più probabile secondo me è che l’origine del Pesce di aprile si ricolleghi al fatto che proprio in questa data, in tutta Europa, veniva aperta ufficialmente la pesca, nel senso che venivano tolti quei divieti governativi che impedivano durante il resto dell’anno di pescare determinate qualità (ad esempio i bianchetti). Era quindi un momento felice per i pescatori, che veniva festeggiato con particolari lazzi e sfottò rivolti ai colleghi che tornavano con le reti vuote.
 
 
 

 

 


Linguisticamente, tutto si risolve nel fatto che come il pesce “abbocca” stupidamente all’amo, così gli uomini “abboccano” stoltamente a false notizie.

 

 

 

 

 

In Italia l’uso di fare scherzi il 1 di aprile è relativamente recente; ne troviamo i primi brevi cenni intorno al 1840 nei diari e documenti marittimi dei commercianti navali genovesi, che a loro volta riportavano documenti francesi.

 

 

 

 

Per tradizione, il Pesce di aprile è sempre stato legato alla stampa, alla radio, alla televisione, a internet, gli strumenti più adatti a diffondere una notiza. Persino la terribile beffa che Orson Welles fece agli americani da una stazione radio il 30 ottobre del 1938, era stata progettata per il 1 aprile di quell’anno, ma saltò per cause tecniche.

 

 

 

 

SCHERZI FAMOSI ED ALTRE VIGNETTE

 

Uno degli scherzi più antichi e riusciti fu fatto ai fiorentini nel 1878; la “Gazzetta d’Italia” pubblicò la notizia dell’improvvisa morte avvenuta in città di un mahrajà indiano e annunciava che, secondo la tradizione induista, questo sarebbe stato cremato il 1 di aprile su un’alta pira costruita appositamente nel parco delle Cascine. Ovviamente una grande folla si riunì nel luogo stabilito, e rimase in attesa per ore sino a quando dai cespugli sbucarono torme di giovanotti vestiti da pescatori che si misero a girare per la folla gridando “Pesci d’Arno fritti!”.

 

 

 

 

 

 

Altri scherzi rimasti famosi:
1957. La BBC fece un reportage riguardante la grandiosa e abbondantissima raccolta degli spaghetti coltivati nella campagna Svizzera. Molti spettatori telefonarono per sapere come si potesse fare per ordinarne qualche kg.

 

 

 

 

 

1961. Il quotidiano “La Notte” di Milano annunciò un’ordinanza del Comune che imponeva le luci segnaletiche e di posizione per i cavalli circolanti per le strade della città o dei paesi limitrofi. Molti cittadini portarono il loro animale dall’elettrauto per dotarlo di fari.

 

 

 

 

1993. Nelle strade di Milano e Torino comparirono manifesti che annunciavano una nuova “tassa di circolazione” imposta dai Comuni da pagare in base al peso corporeo dei cittadini.

 

 

 

 

2001. Il portale sportal.it annunciò che il Senatore Umberto Bossi era il nuovo presidente dell’Avellino Calcio; il colore della maglietta verde padania lo aveva convinto.

 

IL VIDEO

 

Ed ora altri famosi pesci d'aprile in questo video:

 

 

 

 

 

 

a tutti da Tony Kospan

 

 

PSICHE E SOGNO
 Il tuo salotto di sogno in facebook

 
 

Pubblicato 5 aprile 2010 da tonykospan21 in INTRATTENIM. UMORISMO

Taggato con

LIBRI – H. HESSE – POESIA SUBLIME   Leave a comment

 

LIBRI – H. HESSE – POESIA SUBLIME

 

  

 
Le poesie di Hesse son tutte belle e… l’autore…
assolutamente geniale e profondo… 
nonché riconosciuto da tutti come tale, 
ci dona spesso poesie che ci inducono alla riflessione…
come questa…
 
 
 
L’importanza della cultura… dei libri…
non è nell’accumulare conoscenze… nozioni…
bensì nella loro capacità d’aiutarci a ricercare in noi stessi
la nostra luce… il nostro universo… la nostra saggezza…
le nostre verità… 

 

 

LIBRI
Hermann Hesse
 

Tutti i libri del mondo
non ti danno la felicità,
però in segreto
 ti rinviano a te stesso.

 Lì c’è tutto ciò di cui hai bisogno,
 sole stelle luna.
 Perché la luce che cercavi
 vive dentro di te.

 La saggezza che hai cercato
 a lungo in biblioteca
 ora brilla in ogni foglio,
 perché adesso è tua.

da La felicità, versi e pensieri

 


 

Penso che possiate condividere questa mia opinione… 

 

 

 

Ciao da Orso Tony

Pubblicato 5 aprile 2010 da tonykospan21 in POESIE SUBLIMI

CI SALVERA’ LA POESIA? HISSA HILAL POETESSA SAUDITA HA SORPRESO IL MONDO!   Leave a comment

 SARA’ LA POESIA A SALVARE  IL MONDO?
Tony Kospan
 
Hissa Hilal, poetessa Saudita è al momento al primo posto
al concorso di poesia islamica
con versi che condannano il fanatismo religioso.
 
Ha però già subito dure minacce da parte degli integralisti.
 
 
hissahilalpoet-blogSpan.jpg picture by orsosognante
 
 

 
 
 

LA CRONACA
 
Emirati:  Hissa Hilal,  43 anni di Riad (Arabia saudita) nonché madre di 4 figlie, tutta coperta dal velo integrale che le lascia scoperti solo gli occhi…, è sul palcoscenico di Abu Dhabi nella seguitissima trasmissione televisiva "Il poeta milionario".
 
Il mondo può vederlo solo attraverso quel piccolo spiraglio… ma ciò non le ha impedito di dire con coraggio quello che sente e vede… con i versi… che seguono…
 
 

HISSA_47534593_008998757-1.jpg picture by orsosognante

 
 
Legge la sua poesia densa di concetti "rivoluzionari" per quelle latitudini e, incredibile a dirsi, ha suscitato entusiastici consensi soprattutto da parte delle donne in sala… ma anche dalla giuria che le assegnato il primo posto provvisorio in vista della finale del 7 aprile p.v..
 
Purtroppo insieme alla fama le sono giunte gravissime minacce di morte da parte dei fondamentalisti.
 
 

 

hissas-CLERICS-large.jpg picture by orsosognante
 

 
In effetti lei lamenta, nelle interviste rilasciate, che addirittura molti uomini in quei paesi non stringono la mano ad una donna e che si sta arrivando a pensare che forse è meglio non dirle nemmeno un "ciao".
 
Il successo è stato notevolisimo nel campo arabo sia in internet che tra la popolazione civile
riconoscendo la verità dell’allarme da lei lanciato con le sue parole e la sua poesia…
 
Inutile infine affermare che la notizia ha fatto il giro del mondo.
 
 
hissahilalsaudi_poet_.jpg picture by orsosognante
 
 
 
 
LA POESIA DI HISSA HILAL
 
Ho visto il male negli occhi delle fatwe
in un tempo in cui ciò che è ammesso
viene confuso e distorto
per poterlo vietare
Quando svelo la verità,
un mostro emerge dal suo nascondiglio
crudele nel pensiero e nelle azioni,
 rabbioso e cieco,
 indossa una veste e una cintura di morte
Parla da un podio ufficiale,
e terrorizza la gente.
Chiunque cerca la pace
diventa sua preda. 
 

 
 
 
Qui potete vedere il video della trasmissione
 
IL VIDEO
 

       
 
 

 
 
LA DOMANDA
 
La domanda… realisticamente e consapevolmente… ammantata ahimé solo di speranza…, è…
"in questo mondo volutamente cieco…, in questo mondo che vorrebbe chiudersi sempre più nel buio della ragione… ci salverà la poesia?"
 
 
 
 
Forse è solo un’utopia… ma in questa cappa di grigiore… e di ipocrisia… che sommerge e soffoca il mondo… tutto il mondo…  anche il nostro occidentale… a mio parere, l’unica vera luce… benché fioca…, appare quella della poesia!
 
 
 
Tony Kospan
 
 Photobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image HostingPhotobucket - Video and Image Hosting 
 
SE AMI LEGGERLE, SCRIVERLE
O… PARLARNE… APPROFONDENDONE I VARI TEMI… 
VIENI NEL GRUPPO DI FACEBOOK…   
 
 
FANTMONDOPOESIA.jpg picture by orsotony21 
 

 

BUON LUNEDI’ DI PASQUETTA CON LA SUA STORIA CIVILE E RELIGIOSA   3 comments

.

.

 

Tutti conosciamo ed amiamo

la tradizione della Pasquetta…

ma ne conosciamo il significato e l’origine?

 


 


 

STORIA DELLA PASQUETTA

 

 

Giotto

 

 

Il lunedì dell’Angelo
(detto anche lunedì di Pasqua, lunedì in Albis oppure Pasquetta)
è il giorno dopo la Pasqua.

Prende il nome dal fatto che in questo giorno si ricorda l’incontro dell’angelo con le donne giunte al sepolcro.

Popolarmente si usa di più il termine Pasquetta.
 
 
 

 

 

 
STORIA RELIGIOSA
 
 


Il Vangelo racconta che Maria di Magdala, Maria madre di Giacomo e Giuseppe, e Salome andarono al sepolcro, dove Gesù era stato sepolto, con degli olii aromatici per imbalsamare il corpo di Gesù.

Vi trovarono il grande masso che chiudeva l’accesso alla tomba spostato; le tre donne erano smarrite e preoccupate e cercavano di capire cosa fosse successo, quando apparve loro un angelo che disse:

“Non abbiate paura, voi! So che cercate Gesù il crocifisso.

Non è qui! è risorto come aveva detto; venite a vedere il luogo dove era deposto” (Mt 28,5-6).

E aggiunse: “Ora andate ad annunciare questa notizia agli Apostoli”, e si precipitarono a raccontare l’accaduto agli altri.




 


 


 

 
 
STORIA CIVILE
 

 
Il lunedì di Pasqua è un giorno festivo, introdotto dallo Stato italiano nel dopoguerra, ed  è stato creato per allungare la festa della Pasqua, così come è avvenuto per il 26 dicembre, indomani del Natale.
 

 
.
 

 

 

 

LA TRADIZIONE DEL PIC NIC PASQUALE
 


Il lunedì dell’Angelo, in Italia, è un giorno di festa che generalmente si trascorre insieme a parenti o amici con una tradizionale gita o scampagnata, pic-nic sull’erba e attività all’aperto.






Una interpretazione di questa tradizione potrebbe essere che si voglia ricordare i discepoli diretti ad Emmaus.


Infatti, lo stesso giorno della Resurrezione, Gesù appare a due discepoli in cammino verso Emmaus a pochi chilometri da Gerusalemme: per ricordare quel viaggio dei due discepoli si trascorrerebbe, dunque, il giorno di Pasquetta facendo una passeggiata o una scampagnata “fuori le mura” o “fuori porta”. 




 



Testo dal web – Impaginaz. t.k.



 

 


Spero che il tempo possa esser clemente in tutta la penisola
in modo che ci sia una bella Pasquetta…


 
 
 
 
a tutti…
 
da Tony Kospan
 



         

IL SALOTTO CULTURALE DI FB
Foto animata

.

.




 
 


 

Pubblicato 5 aprile 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: