Archivio per 31 gennaio 2010

FELICE NOTTE IN MINIPOESIA   Leave a comment

 
 
 
 
 
 
L’AMORE
Leo Buscaglia
 
 
L’Amore è come uno specchio,
quando ami qualcuno
tu diventi il suo specchio
e lui il tuo…
E specchiandoti
nel reciproco Amore
vedi l’infinito…
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
bonnenuit.gif bonne nuit image by chezdada

 

 

da Tony Kospan

 

 

 

 

PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I
 
 

Pubblicato 31 gennaio 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

L’IMPORTANZA DEL SAPER ASCOLTARE – 3 MINI STORIE PER RIFLETTERE   2 comments

 

 

 

 

 

L’IMPORTANZA DELL’ASCOLTO
 
3 MINI STORIE PER RIFLETTERE
 
 
 

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

I

 

 
            Molti anni fa, in Cina, vivevano due amici. Uno era molto bravo a suonare l’arpa. L’altro era dotatissimo nella rara arte di saper ascoltare. Quando il primo suonava o cantava di una montagna, il secondo diceva: “Vedo la montagna come se l’avessimo davanti”. Quando il primo suonava a proposito di un ruscello, colui che ascoltava prorompeva: “Sento scorrere l’acqua fra le pietre”. Ma un brutto giorno, quello che ascoltava si ammalò e morì. Il primo amico tagliò le corde della sua arpa e non suonò mai più. Esistiamo veramente se qualcuno ci ascolta.
Il dono più grande che possiamo fare ad una persona é di ascoltarla “veramente”.
 
 
 
 

 

 

II

 

 
            Una ragazza molto sensibile parlò con un insegnante di un suo problema molto sentito. L’insegnante le suggerì di parlarne con i genitori. La ragazza ci provò, ma, anche di fronte alla sua angoscia e confusione, i suoi avevano minimizzato e avevano cambiato discorso, assicurandole che “stava esagerando”, che “avrebbe superato il problema”, ecc. Rifiutarono la discussione come se, ignorandolo, il problema potesse risolversi da sé. Quando la ragazza tentò il suicidio i genitori reagirono: “Perché non ci hai detto che avevi dei problemi?” le chiesero.
“E voi, perché non avete ascoltato quando ve lo dicevo?”.
 
 
 
 

 

 

III

 

Una bambina ha scritto:
“Alla sera, quando sono a letto, mi volto verso il muro e mi parlo,
perché io… mi ascolto“…
 
 
 
 

 

 

 
 
Cosa ne pensate?
 
Ciao da Tony Kospan
 
 
 

LA TUA PAGINA DI SOGNO IN FCB?
 
psiche6.jpg PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
 
 

Pubblicato 31 gennaio 2010 da tonykospan21 in RIFLESSIONI AFORISMI FILOSOFIE

REGINELLA – CLASSICISSIMA DI UN TEMPO…   1 comment

 
Sep27Sep27
 
ATMOSFERE E NOTE… D’UN TEMPO…
a cura di Tony Kospan
 
 

 

 
R E G I N E L L A
(1917)

 
Reginella è una delle canzoni classiche napoletane
più famose di tutti i tempi.
 
Libero Bovio
 
Fu scritta nel 1917 dal notissimo paroliere-poeta Libero Bovio e musicata da Gaetano Lama a tempo di valzer.
È un brano dolce e malinconico che ci parla della fine di un amore con toni così accorati che lasciano immaginare non del tutto spente nè la passione nè le emozioni che quell’amore ha destato.
 
 
Lei ha preferito lasciare la semplicità di quando mangiava pane e ciliege per divenire una raffinata sciantosa che parla in francese e che veste abiti scollati ed eleganti. L’avvilimento di lui è tale che neanche il cardellino trova la forza di volare via e di cercarsi una nuova padrona, pur con la gabbia ormai aperta.
 
 
 
Il ritornello 
«Perché, ora che non ci amiamo più, tu distrattamente pensi a me, distrattamente parli di me, distrattamente chiami me?»rivela che il fuoco dell’amore seppur ormai semispento sotto la cenere cova ancora in entrambi…
Quel "distrattamente" a mio parere… quasi come un lapsus freudiano… rivela proprio questo… mentre però poi si stanno già prendendo strade ormai diverse… lontane…
 
 

Siamo nel 1917 e  la 1° guera mondiale vive ancora momenti molto critici
 pur se s’inizia ad intravedere la fine..
 

 
ma intanto nonostante tutto…
e soprattutto nonostante i tantissimi lutti…
la vita continua…
 
 
 
 
 
con i ritmi e le modalità d’allora
 
 
 
 

Ma ora veniamo a questa canzone che subito conquistò l’animo degli ascoltatori…
ascoltandola cantata da Robeto Murolo in questo video

 
 
ed ascoltandola
leggendo anche testo originale e traduzione
cantata da Massimo Ranieri
 
 
 
 
 

 
 
 

Barre-papillons
 
 
Ciao da Tony Kospan
 

Pubblicato 31 gennaio 2010 da tonykospan21 in CANZONI DI UN TEMPO...

FELICE DOMENICA IN POESIA E MUSICA…   1 comment

 

 
 
CADEAUX POUR VOUS ........... OUI VOUS .......
 
 
Ognuno vede quel che tu sembri,
pochi sentono quel che tu sei.
(N. Macchiavelli) 
 
 

 
TU MI SEMBRI COSI’ VICINA…

~ Baldo Bruno ~ 

Ad occhi chiusi i miei pensieri  assorti
ti sfiorano la pelle per rivivere le carezze
e in frammenti di silenzio le dita
cercano il tuo calore
…ti abbraccio in quel fiume che scorre
 nel tormento del mio respiro
ove soffiano i venti del cuore.
I tuoi baci placano il mio urlo di piacere
come pioggia di petali di rosa.
I miei pensieri pennellano il tuo sorriso,
m’invitano a raccogliere i rossi boccioli
per infiorar dei miei sogni l’ebbrezza.
Tu mi sembri così vicina,
m’inondi d’amor
come della notte la luna piena riempie il buio.
 
 
 
 
 

 
a tutti da Tony Kospan
 

                                                                          

                                                                                                                                                                                      

Pubblicato 31 gennaio 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: