Archivio per 27 gennaio 2010

E’ COSI’ BREVE – JIMENEZ – BUONANOTTE IN MINIPOESIA   2 comments

 

 
E’ COSI’ BREVE…
Juan Ramon Jimenez
 
È cosi breve il nostro cammino
nel sogno dell’amore!
Il mondo di una rosa!
Ma noi lo rendiamo
immenso con soste
di lunghi baci
sulle foglie aperte.
 
 

Pubblicato 27 gennaio 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

L’ASTROLOGIA DEI PELLEROSSA   1 comment

 
 
L’ASTROLOGIA DEI PELLEROSSA
 

Ma vi pare che noi uomini bianchi…
non si andava a curiosare anche in questo campo?
 
Però bisogna dire che essa non guarda per aria   ma nella natura
che ci circonda…
 
 

 
 
L’astrologia dei Pellerossa, infatti,

 a differenza di quella occidentale che trae spunto dal movimento dei pianeti, le stelle e il cielo,
prende come punto di partenza la terra, gli animali e le stagioni.

Studia insomma l’ambiente che è fonte continua di divenire e quindi di vita e di morte.
 
Comunque leggete il vostro segno e diteci cosa ne pensate…
 


 

OCA POLARE
22 dicembre-19 gennaio
Chi è nato sotto il segno dell’Oca polare, pur essendo una persona abitudinaria e precisa,
possiede una grande capacità di superare i confini e i limiti imposti, con grande abilità.
Apparentemente sicura e portata per lavori importanti, sente nello stesso tempo forte il bisogno di dare senso e dimora fissa al suo bisogno di intimità e pace.
Infatti è nella famiglia, in casa, che riesce brillantemente a miscelare razionalità e dolcezza.
Ha un carattere deciso, determinato ed è capace di portare sempre a termine i suoi progetti.
Ha una grande fiducia nelle sue qualità e capacità che spinge sempre al massimo per riuscire a realizzare anche l’impossibile.
In amore l’Oca Polare è un personaggio romantico, ma di un romanticismo fatto di sfumature e sensazioni, ma anche assai suscettibile nei confronti del partner.
LONTRA
20 gennaio- 18 febbraio
I nati sotto il segno della Lontra sono molto comunicativi, estroversi, un pò impulsivi e sempre esagerati…persino nel loro essere sinceri.
Dotati di buon carattere, sono quasi sempre ben disposti verso chi gli sta accanto.
Sono persone gradevoli e vivaci .
In amore dimostrano una certa incostanza dovuta al fatto che, sfoderando il proprio fascino, vogliono cogliere ogni occasione al volo.
Solitamente i nati sotto questo segno, prediligono i rapporti sentimentali poco complicati, all’insegna di un eros anche divertente, sereno ed allegro.
PUMA
19 febbraio- 20 marzo
Indipendenti e versatili i nati sotto questo segno sono persone fantastiche che amano attirare l’attenzione degli altri.
Amano ciò che è novità e hanno una intelligenza rapida nell’inquadrare le situazioni.
Possiedono un temperamento concreto ma si devono scegliere un’attività che li entusasmi veramente onde potersi applicare con partecipazione ed interesse.
In amore, il Puma è sostanzialmente fedele, ma non disdegna le avventure.
FALCO ROSSO
21 marzo- 19 aprile
Il Falco rosso è il simbolo delle grandi avventure e del coraggio. Il nato sotto questo segno non ama i compromessi e può apparire una persona scomoda. Questo non le impedisce di essere come è e di proseguire il suo "volo" verso le vette sempre più alte.
I nati sotto questo segno, non sono assolutamente attratti dalle persone troppo sognatrici o eccessivamente romantiche.
Puntano al sodo per cui il loro eros così pragmatico ha sollecitazioni positive unicamente con partners che poco concedono ai sentimentalismi.
CASTORO
20 aprile- 20 maggio
I nati sotto il segno del Castoro, sono persone sistematiche e pereseveranti, adatte a svolgere un lavoro un pò metodico.
Apparentemente flemmatici e molto riservati, hanno un modo tutto loro, molto intelligente, di approcciarsi alle situazioni, senza lasciar trasparire i pensieri più intimi.
La più alta qualità è la tenacia, che gli permette di prefissarsi una meta e poi raggiungerla, anche con cocciutaggine se occorre.
In amore, risultano romantici e sensibili, in grado di soddisfare anche i partner più esigenti.
ORSO
23 agosto- 22 settembre
Simbolo dell’equilibrio e della serenità, è un segno dotato di grande senso pratico, che lo rende in grado di capire come è meglio muoversi. L’Orso è portato ai lavori che richiedono grande costanza e molto impegno, ha forti intuizioni anche verso le persone che incontra.
Spesso riesce ad analizzarle, anche attraverso i loro gesti, e ad intuire il loro cammino di vita.
In amore ama le situazioni semplici, senza eccessivi coinvolgimenti: evita quindi i rapporti eccessivamente conflittuali, le persone troppo problematiche o le situazioni "nebbiose" poco chiare.
CORVO
23 settembre- 23 ottobre
Segno dell’ottimismo e dell’ebbrezza all’interno del nato sotto questo segno, convive un dualismo creato da due temperamenti opposti: uno estremamente sensibile e delicato, l’altro molto esuberante che lo induce ad avere scambi continui con l’ambiente che lo circonda.
Insomma a volte è aperto e spontaneo, a volte schivo ed ermetico.
In amore, dopo una fase iniziale di slancio, entra in una seconda fase dove tutto viene ben pesato, le emozioni sono poste sotto controllo e vissute molto interiormente, con discrezione.
SERPENTE
24 ottobre- 21 novembre
Segno di forte sensibilità identifica una persona dotata di fervida immaginazione, perseveranza e in grado di puntare sulle proprie attitudini per realizzare progetti anche estremamente complessi.
Nulla viene lasciato al caso, ogni mossa è sempre ben ragionata, per poter giungere all’obiettivo finale.
In amore è sensuale, passionale, anche affettuoso… insomma affascinante ed irresistibile.
Vive i suoi rapporti come una continua luna di miele.
CERVO
21 maggio- 20 giugno
Simbolo della curiosità e dell’intelligenza, il nato sotto il segno del Cervo è una persona molto dinamica, in perenne movimento, portato a vivere sempre nel presente in maniera attiva e con grande energia.
Ama il contatto con gli altri e gli scambi con le persone.
In amore, il Cervo è dotato di forte carica sessuale, pregio che unito all’esuberanza, fà del nato sotto questo segno, un partner molto attraente.
Il suo eros vivace e, anche, impulsivo, regala brio e senso ai suoi rapporti.
PICCHIO
21 giugno- 22 luglio
E’ il simbolo del cuore e dello scorrere della vita.
Il Picchio risulta essere un individuo estremamente sensibile ed emotivo, vulnerabile, contemplativo e amante del silenzio.
Il suo essere così, lo porta ad apparire talvolta un pò discontinuo nei rapporti sentimentali.
Alterna infatti momenti di indiferrenza e apatia a grandi slanci di partecipazione.
STORIONE
23 luglio- 22 agosto
Lo Storione, dominatore e re delle acque, incarna la forza delle emozioni.
Apparentemente estroverso, ha bisogno di continue sollecitazioni e si mette in risalto per la sua fervida curiosità e per la puntuale presenza in primo piano.
Adora le novità e… detesta tutto ciò che è routine.
In amore, tuttavia, tende all’immobilismo, rischiando così di non conoscere le molteplici sfacettature insite in un rapporto.
La donna Storione, generalmente, è dotata di grande bellezza, straordinario carisma e molto fascino.
ALCE
22 novembre- 21 dicembre
Chi è nato sotto il segno dell’Alce risulta una persona assai piacevole, dotata di grande coraggio, espansiva e molto dinamica.
Il nativo dell’Alce ha uno spirito intraprendente: adora fare lunghi viaggi, anche in solitaria, visitare luoghi comunque poco frequentati dal turismo di massa. Ama, infatti, scoprire usi e costumi locali possibilmenti insoliti e stravaganti.
In campo sentimentale vive storie d’amore molto intense, eccitanti e travolgenti anche se, spesso, purtroppo brevi.
 

dal web
 
 

Riveliamo il nostro segno e diciamo, se ci va,
se ci ritroviamo…
 
Ciao dall’Orso
 

Pubblicato 27 gennaio 2010 da tonykospan21 in PELLEROSSA NATIVI E ALTRE CULTURE

LA FAVOLA DEL SOGNO E DELLA REALTA’   Leave a comment

       

 

LA FAVOLA DEL SOGNO E DELLA REALTA’   

 

 

clik su… solo musica ma disogno… mentre leggi se ti va…

 
 

 

         112x98   112x98   112x98   112x98   112x98   112x98    

 

 

   Un giorno, il sogno e la realtà si incontrarono per via…. si guardarono a lungo e poi esclamarono insieme:
"Non ci assomigliamo per niente, com’e’ allora che l’uomo ci confonde così facilmente?".   Due che facevano lo stesso cammino si intromisero nel discorso:
"la colpa, o il merito, è nostro!".  
"Chi siete?" domandarono il sogno e la realta’.
"Siamo il dolore e il piacere. Avete mai visto un uomo che concepisca un sogno fatto di dolore, oppure uno che miri a una realta’ priva di qualche piacere?".
"Mai" assentirono il sogno e la realta’.  
"Ed io", intervenne a questo punto una voce squillante, "non sono forse la molla che sostiene ogni sogno?"…
Tutti si chiesero chi parlasse cosi’… "sono la speranza" rispose la voce.  
A questo punto si udi’ un’altra voce, robusta e pastosa:
"Ma senza di me, che sono il coraggio, mai nessun uomo riuscirebbe a trasformare un sogno… in realtà"…  
 "A meno che non intervenga io", interloqui’ un’altra voce ancora, "trasformando il sogno e modificando la realtà"…  il sogno, la realtà, il dolore, il piacere, la speranza e il coraggio riconobbero subito quella parlata in falsetto: era l’illusione…  
"Che stolti" mormorò fra sé qualcuno che non volle intervenire alla diatriba… "non sanno che, per merito mio, il sogno è la realtà e la realtà è il sogno".  
Non pronunciò forte queste parole perche’, pur essendo  la verità, nessuno le avrebbe creduto…  
 

 

    

 

dal web – impaginazione Tony Kospan  

CIAO DALL’ORSO… OVVIAMENTE… SOGNANTE  

 
 

Pubblicato 27 gennaio 2010 da tonykospan21 in FAVOLE LEGGENDE RACCONTI DI SAGGEZZA

FELICE MERCOLEDI’ IN POESIA E MUSICA,,,   3 comments

 

 

 

Il saggio non dice tutto quello che pensa,
ma pensa tutto quello che dice.
(Aristotele)
 
Image hébergée gratuitement chez www.imagehotel.net
 
 
CANZONE D’AMORE
~ Hermann Hesse ~
 
Per dire cos’hai fatto
di me, non ho parole.
cerco solo la notte
fuggo davanti al sole.
La notte mi par d’oro
più di ogni sole al mondo,
sogno allora una bella
donna dal capo biondo.
Sogno le dolci cose,
che il tuo sguardo annunciava,
remoto paradiso
di canti risuonava.
Guarda a lungo la notte
e una nube veloce
per dire cos’ hai fatto
di me, non ho la voce.

 

 
 
...rosa......rosa......rosa......rosa......rosa... 
 
 
da Tony Kospan
 

                                                                                                                                                                                                       

Pubblicato 27 gennaio 2010 da tonykospan21 in SALUTI VARI

SHOAH – POESIE E NON SOLO… PER NON DIMENTICARE… MAI…   1 comment

 

 

 

 

Qualcuno ci dice…

 – Ma c'è ancora bisogno di ricordare la Shoah?

Tanto ormai è notissima ed è passato tanto tempo!


In una società come la nostra, così pervasa da

ignoranza,  inciviltà, razzismo, bassi istinti e violenza,

serve eccome…

ma non solo come ricordo

bensì anche e soprattutto per tener alta la guardia

al fine di evitar la rinascita di pseudo-culture vili e violente

che vedono negli ebrei e nei diversi di ogni genere

la colpa di tutto… soprattutto in questi momenti di crisi.

.

.

 

 
 
 
 
SHOAH
 
 PENSIERI.. POESIE.. IMMAGINI.. MUSICHE..
E NON SOLO…
PER NON DIMENTICARE
 

 

 

 

 

Prima di dar un mio modesto contributo alla memoria
 di questa storica giornata desidero
esprimere qualche piccolo pensiero personale.
 
Quello che più mi rattrista ed indigna è che
quanto accaduto è stato un frutto diabolico
di quella che riteniamo, e giustamente,
la nostra grande civiltà europea…
 
 
 
 
 
 
 
 
Aggiungo poi che oggi,
da varie parti in Italia e nel mondo
 c'è il tentativo di crear un confuso calderone 
e così mischiando le carte
non riconoscere e/o sminuire l'immensa vergogna…
per tutto il genere umano…
di questo genocidio…
 
 
 
 
 
 
Ci sono poi anche i negazionisti…
che non solo offendono la memoria delle vittime…
ma anche la realtà… la storia e la nostra intelligenza.
 
 
 
 

 

 

 

Il mio contributo al ricordo si esplicherà in questo modo:
 
 
 
1 – mediante due bellissime poesie di cui la prima è quella notissima di Primo Levi, sopravvissuto agli orrori di Auschwitz, e l’altra,  davvero molto struggente, di Joyce Lussu ci parla della sorte dei bambini dei campi;
 
2 – il trailer de “LA VITA E’ BELLA” ;
 

3 – il noto dipinto di Munch… ” L'Urlo” che è forse l'opera d'arte massimamente rappresentativa dell'orrore umano… ma anche l'opera… Camera a gas di David Olèreinternato nel marzo del 1943 e assegnato al Sonderkommando di Birkenau, con il compito della rimozione dei corpi dalle camere a gas e alle operazioni di cremazione, sopravvissuto allo sterminio e poi divenuto pittore;
 
4 – Un pensiero dal diario di Anna Frank
 
5 – il video Schindler's List – Theme Itzhak Perlman con musica ed immagini dolorose ma tragicamente coinvolgenti…
 
6 – il tutto tra immagini che ritengo capaci di imprimersi nella nostra memoria…
 
 
 
 

 
 
 
2 poesie molto belle e significative

 
 
 
 
 
 
 

SE QUESTO E’ UN UOMO
Primo Levi
 

«Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi, alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi».
 

 

 

 

C’E’ UN PAIO DI SCARPETTE ROSSE
Joyce Lussu 
 
C’è un paio di scarpette rosse
numero ventiquattro
quasi nuove:
sulla suola interna si vede ancora
la marca di fabbrica
c’è un paio di scarpette rosse
in cima a un mucchio di scarpette infantili
a Buchenwald
più in là c’è un mucchio di riccioli biondi
di ciocche nere e castane
a Buchenwald
servivano a far coperte per soldati
non si sprecava nulla
e i bimbi li spogliavano e li radevano
prima di spingerli nelle camere a gas
c’è un paio di scarpette rosse per la domenica
a Buchenwald
erano di un bambino di tre anni e mezzo
chi sa di che colore erano gli occhi
bruciati nei forni
ma il suo pianto lo possiamo immaginare
si sa come piangono i bambini
anche i suoi piedini
li possiamo immaginare
scarpa numero ventiquattro
per l’eternità
perchè i piedini dei bambini morti
non crescono
c’è un paio di scarpette rosse
a Buchenwald
quasi nuove
perchè i piedini dei bambini morti
non consumano le suole.

 

 

 

 

Il trailer de… “La vita è bella”
 
 

 

 

 

 

 

2 opere d'arte dedicate all'orrore umano

 

 

 
Edvard Munch – L’urlo
 
 
 
 

David Olère – Camera a gas

 

 

 

 

Un breve pensiero di Anna Frank

 

 

Anna Frank

 

 

E' un gran miracolo che io non abbia rinunciato a tutte le mie speranze

perché esse sembrano assurde e inattuabili.

Le conservo ancora, nonostante tutto,

perché continuo a credere nell'intima bontà dell'uomo.


Anna Frank

 

 

 

Il video Schindler's List con Theme Itzhak Perlman

 

 

 
 
 
 
 
 
 

 
 
MAI PIU’ TANTO ORRORE
E TANTA DIABOLICA DISUMANITA'
 

 
 

 

Tony Kospan


 

PER LE NOVITA' DEL B LOG

SE TI PIACE
I S C R I V I T I
 
 

Pubblicato 27 gennaio 2010 da tonykospan21 in Notizie e politica

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: