Archivio per 24 gennaio 2010

AL DI LA’ TI CERCO – SALINAS – MINIPOESIA DELLA BUONANOTTE   2 comments

 
 
 
 
AL DI LA’ TI CERCO
Pedro Salinas
 
Al di là ti cerco
non nel tuo specchio
e nella tua scrittura
nella tua anima nemmeno
di là più oltre

 
 
 
 

Pubblicato 24 gennaio 2010 da tonykospan21 in Senza categoria

SCOPERTE SCIENTIFICHE – PER SORRIDERE –   3 comments

 

SCOPERTE SCIENTIFICHE – PER SORRIDERE –

 

Ecco le ultimissime scoperte scientifiche
che rivoluzioneranno il mondo: A bocca aperta

 

Se tu urlassi per 8 anni, 7 mesi e 6 giorni, produrresti abbastanza energia sonora per riscaldare una tazza di caffé. (Non mi sembra che ne valga la pena)
 
 
 

Se tu producessi costantemente flatulenze per 6 anni e 9 mesi, il gas risultante fornirebbe energia equivalente a quella di una bomba atomica. (Ma chi se ne frega Sorpresa)

 

 


– L’orgasmo di un maiale dura 30 minuti.
(Nella mia prossima vita voglio essere un maiale…
ma come hanno fatto a scoprirlo, e PERCHE’?)
 
 
 


– Per sbattere la tua testa contro un muro sono necessarie 150 calorie all’ora. (Chi è quiel Genio che ha avuto la brillante idea di misurarle)

 

 


– Umani e delfini sono le uniche specie che fanno sesso per piacere. (E’ per questo che sorridono sempre? E i maiali hanno orgasmi di mezz’ora? Non mi sembra giusto… Mah)

 

 


– Chi usa la mano destra vive, in media, nove anni più a lungo dei mancini. (Se sei ambidestro fai una media?)

 

 


– Una formica può sollevare 50 volte il suo peso, può trascinare 30 volte il suo peso e cade sempre alla sua destra se intossicata.
(Ma noi contribuenti pagano le tasse per sovvenzionare questo tipo di ricerche?) 

 

 


Gli orsi polari sono mancini.
(E come lo hanno capito? Hanno fatto fare la firma? E soprattutto chi se ne frega? )

 

 


– Un pesce gatto ha più di 27.000 papille gustative.
(Ma cosa ci sarà di così saporito sul fondo di uno stagno?)

 

 


– Una pulce può saltare una distanza pari a 350 volte la lunghezza del suo corpo. E’ come se un uomo potesse saltare da un capo all’altro di un campo di calcio. (Però)

 

 

– Uno scarafaggio decapitato sopravvive nove giorni prima di morire. (Oddio)

 

 

– Il maschio della mantide religiosa non può accoppiarsi finché la sua testa è attaccata al corpo. La femmina dà inizio all’accoppiamento decapitando il maschio. (Tesoro, sono a casa. Metti la testa sotto la ghigliottina che stasera ti desidero…..)

 

– Alcuni leoni si accoppiano più di 50 volte al giorno.
(Però anche i leoni… certo i maiali che record…)

 

 

– Le farfalle sentono i sapori con i piedi.
(no comment)

 

 

– L’occhio dello struzzo è più grande del suo cervello.
(Conosco persone così)

 

 

-Le stelle marine non hanno cervello.
(Conosco anche persone così)

 

Ciao da Tony Kospan

Pubblicato 24 gennaio 2010 da tonykospan21 in INTRATTENIM. UMORISMO

DAL SIDDHARTA DI HESSE… PER RIFLETTERE…   Leave a comment

Mensaje original) Enviado: 24/01/2010 21:59

 

DAL SIDDHARTA DI HESSE… PER RIFLETTERE… 

 

Barre-dentelle

Voglio proporvi alcuni stralci da uno dei più famosi libri di tutti i tempi,

il Siddharta di Hesse.

 

 

Il Siddharta dallo stesso Hesse difinito "Poema Indiano"  è un misto di narrazione e meditazione, elevazione e sensualità, e che lo rende tutt’ora affascinante

  Certo non sono dei facili aforismi ma dei concetti su cui bisogna riflettere un attimo…

Con "Siddharta" Herman Hesse ha messo il dito nella piaga… ha cioè dipinto l’incapacità  dell’essere umano di vedere al di là  delle proprie immediate contingenze e, pertanto, ha messo in luce alcuni aspetti molto veri della nostra realtà umana…

 

 

 

E tutto insieme, tutte le voci,
tutte le mete, tutti i desideri,
tutti i dolori, tutta la gioia, tutto il bene e il male,
tutto insieme era il mondo.
Tutto insieme era il fiume del divenire,
era la musica della vita.  

 

 
 

Nulla fu, nulla sarà: tutto è, tutto ha realtà e presenza

 

 
La maggior parte degli uomini sono come una foglia secca, che si libra nell’aria e scende ondeggiando al suolo.
Ma altri, pochi, sono come le stelle fisse, che vanno per un loro corso preciso, e non c’è vento che li tocchi,
hanno in se stessi la loro legge e il loro cammino.
 
 
 
 

La saggezza non può essere trasmessa.
La saggezza che un saggio tenta di trasmettere suona sempre simile alla follia.

 

 

Mai ho visto un uomo guardare, sorridere, sedere, camminare a quel modo, egli pensava, così veramente desidero anch’io saper guardare, sorridere, sedere e camminare, così libero, venerabile, modesto, aperto, infantile e misterioso.

 
 
 
Così veramente guarda e cammina soltanto l’uomo che è disceso nell’intimo di sé stesso. Bene, cercherò anch’io di discendere nell’intimo di me stesso.
 
 
 
 

Non era nient’altro che una disposizione dell’anima, una capacità, un’arte segreta di pensare in qualunque istante, nel bel mezzo della vita, il pensiero dell’unità, sentire l’unità e per così dire respirarla”.

 

 
 

Tutti sono sottomessi, tutti desiderano obbedire e pensare meno che si può: bambini sono gli uomini.

 

~ Hermann Hesse – Siddharta ~

 

 

 

Ciao da Tony Kospan


 

 

Pubblicato 24 gennaio 2010 da tonykospan21 in RIFLESSIONI AFORISMI FILOSOFIE