Archivio per 7 novembre 2009

I 10 COMANDAMENTI DEI ROMANI – PER SORRIDERE   1 comment

 

I 10 COMANDAMENTI DEI ROMANI 

– PER SORRIDERE –

 

1) Dormi più che poi ( chi dorme non pia pesce ma quanno se sveglia pia quello che hanno pescato l’artri)

2) Fermati spesso ( chi si ferma è perduto e, ad esempio è più difficile ritrovallo si quarcuno per caso o dovesse cercà)

3) Cambia spesso abitudini, sennò te cambiano loro; gioca d’anticipo (chi lascia la strada vecchia pe la nova, si è nova, ad esempio nun ce so buche)

4) Onora, rispetta madre, padre e, parenti, se e solo se ch’hai un credito cò loro

5) Lavora sempre un po’ meno della tua soglia minima de sopportazione; o ricordate de abbassà ciclicamente i livelli di detta soglia

 

6) Nun te incazzà coi deboli, nun te incazzà coi forti. NUN TE INCAZZA PROPRIO. Se proprio te devi incazzà fallo un giorno prima de le ferie, e ricorda, i deboli fanno finta, domani saranno forti, quindi menaie subito, nu li fa cresce.

7) L’erba der vicino è sempre sua, fumatela subito sennò quer fesso der vicino ‘a taia o ce mette le statue dei sette nani
8) Non tutti i mali vengono per nuocere, quindi tutte e vorte che hai fatto male a quarcuno, nun te sembra, ma gliai fatto bene, percio nun te sta ‘a preoccupà, che te frega.

9) Aiutati che tanto nun te aiuta nessuno, ricorda infatti che Dio è onnipresente, quinni se voleva te aiutava prima.

10) Nun scaià mai la prima pietra si nun sei sicuro da piallo BENE. Sennò e meio che te la conservi pe dopo.

DAL WEB – IMPAG. T.K. 

CIAO DA TONY KOSPAN

Pubblicato 7 novembre 2009 da tonykospan21 in INTRATTENIM. UMORISMO

L’ALBA IN POESIA… E NON SOLO….   8 comments

 

          

 L’ALBA IN POESIA…
by Tony Kospan
 
 
 

 

Se la Primavera è la prima stagione dell’anno…
se il lunedì è il primo giorno della settimana…
se l’infanzia-adolescenza-giovinezza è la prima parte della vita…
qual’è il momento iniziale e sognante che,
rinnovandosi sempre, ci apre al mondo ed alla vita ogni giorno? 

Bè avrete certamente capito che si parla dell’Alba…
(ma anche dell’aurora e del mattino)
quel momento affascinante in cui le ombre della notte
lentamente si diradano ed avanza un chiarore che illumina
pian piano esempre di più ogni cosa…

Essa è stata molto amata dai poeti… e dai pensatori… 

Si muore tutte le sere, si rinasce tutte le mattine…
è così… e tra le due cose c’è il mondo dei sogni…
(Anonimo)

Per la verità essendo un "gufo"… raramente riesco a vederla
… ma forse proprio per questo… chissà…
l’amo ancor di più… come un momento magico e misterioso.

Dunque il tema delle poesie di questa domenica.
è l’inizio del giorno…
dall’aurora… all’alba ed al mattino…
 
Come sempre… amerei leggere quelle che piacciono a voi…
 
         
 

LA POESIA CHE NON HO SCRITTO
Raymond Carver
 

Ecco la poesia che volevo scrivere
prima, ma non l’ho scritta
perche’ ti ho sentita muoverti.
Stavo ripensando
a quella prima mattina a Zrigo.
Quando ci siamo svegliati prima dell’alba.
Per un attimo disorientati. Ma poi siamo
usciti sul balcone che dominava
il fiume e la città vecchia.
E siamo rimasti lì senza parlare.
Nudi. A osservare il cielo schiarirsi.
Così felici ed emozionati. Come se
fossimo stati messi lì’
proprio in quel momento.

 
UN’ALBA
Alfonso Gatto

Com’è spoglia la luna, è quasi l’alba.
Si staccano i convogli, nella piazza
bruna di terra il verde dei giardini
trema d’autunno nei cancelli.
È l’ora fioca in cui s’incide al freddo
la tua città deserta, appena un trotto
remoto di cavallo, l’attacchino
sposta dolce la scala lungo i muri
in un fruscìo di carta. La tua stanza
leggera come il sonno sarà nuova
e in un parato da campagna al sole
roseo d’autunno s’aprirà. La fredda
banchina dei mercati odora d’erba.
La porta verde della chiesa è il mare

 
L’ALBA VERRA’
 M.L.King
"L’alba verra’:
delusione, dolore e
disperazione sono nati a mezzanotte,
ma la gioia viene col mattino.
Questa fede sospende le decisioni disperate
e porta una luce nuova nelle buie
stanze del pessimismo"
 

 
L’ALBA
Michael Santhers
 
La luna all’alba
stanca di dirigere il traffico dei sogni
e arroventata dai dolori
finiti esausti appollaiati sulle stelle
si cala in mare a raffreddarsi,
lascia una lama rossa,
tremula
sull’acqua increspata
fumosa ai vapori della tempra
sulla quale il sole sovrappone la sua spada
per il rito delle consegne
– la luce caccia il buio
e vampiri ritornano ai cervelli
i sogni più forti per ritentare domani
oltre al cuore hanno rabbia poesia e ideali –
Quelli più deboli sono rimasti
appesi stoccafisso al cielo
ormai visto coperchio della pentola terra
per uno stufato di anime
a nutrire carcasse nel viaggio a zonzo
– l’alba questo gong muto
fatto di contrasti
per avviare al giorno
i derelitti a vivere –
 

 
E’ L’ALBA
Nazim Hikmet
 
E’ l’alba… s’illumina il mondo
come l’acqua che lascia cadere sul fondo le sue impurità.
E sei tu all’improvviso…
…tu, mio amore, nel chiarore infinito di fronte a me.
Giorno d’inverno senza macchia, trasparente come vetro.
Addentare la polpa candida e sana d’un frutto.
Amarti, mia rosa, somiglia all’aspirare l’aria in un bosco di pini.
Chissà forse non ci ameremmo tanto
se le nostre anime non si vedessero da lontano,
non saremmo vicini, chi sa, se la sorte non c’avesse divisi.
E così, mio usignolo, tra te e me
c’è solo una differenza di grado:
tu hai le ali e non puoi volare
io ho le mani e non posso pensare.
Finito, dirà un giorno Madre Natura,
finito di ridere e piangere e sarà ancora la vita immensa
che non vede, non parla, non pensa.
 
 
Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2Flowers_tiny_PH.gif picture by Lilith_RJ2
 
 
SE TI VA… RAGGIUNGICI NEL GRUPPO DI AMICI VIRTUALI…
 
 

sampcf6e7adf77601f79.jpg picture by orsotony21

 

 

         
 

Ciao da Tony Kospan
 
 

FELICE SABATO IN POESIA E MUSICA   Leave a comment

 

      

  
 
 
 Nota

 

NEL NOSTRO AMORE, LA PENA E LA GIOIA
– Juan Ramon  Jimenez –

Nel nostro amore, la pena e la gioia
si accendono e si spengono,
come, a primavera,
la mattina e la sera.

Oh soave scontro dolce
dell’ombra e della luce,
della luce e dell’ombra
-nè luce del tutto,
nè ombra del tutto -,
belle loro due, come quelle due;
simulacro di lotte,
uguali nella disfatta e nel trionfo!

Amore; crepuscolo, aurora
di primavera!

 
 
bom-fim-de-semana-016-1.gif picture by flor_do_campo
 
da Orso Tony
 
 

                                                                                                                                                                                                       

Pubblicato 7 novembre 2009 da tonykospan21 in SALUTI VARI

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: