IL RAGAZZO E L’UCCELLINO   Leave a comment

 
PICCOLA STORIA DI SAGGEZZA
 
IL RAGAZZO E L’UCCELLINO
Bruno Ferrero
 
 
 
 
Un giorno d’estate, il nipotino di un famoso scienziato, si presentò al nonno.
Nella mano, che teneva nascosta dietro la schiena, il ragazzino stringeva un uccellino che aveva preso nella voliera del giardino.

 

Con gli occhi sprizzanti di maliziosa furbizia chiese al nonno: "Il canarino che ho nella mia mano è morto o vivo?".
"Morto", rispose il saggio.
Il ragazzo aprì la mano e ridendo lasciò scappare l’uccellino che prese immediatamente il volo.
"Hai sbagliato!" rise.
Se il nonno avesse risposto: "Vivo", il ragazzo avrebbe stretto il pugno e soffocato l’uccellino.
Il saggio guardò il nipotino e disse: "Vedi, la risposta era nella tua mano!".
La morte o la vita eterna sono nelle nostre mani. Anche le scelte più piccole e semplici che oggi farai determineranno il tuo destino eterno.
Una popolare preghiera ucraina dice: "Ai tiranni Dio mandi pidocchi, ai solitari cani, farfalle ai bambini, visoni alle donne, cinghiali agli uomini.
A noi tutti però un’aquila che con le sue ali ci porti fino a Lui".
 
 
 

Dal libro – Quaranta Storie nel Deserto –

Pubblicato 30 luglio 2009 da tonykospan21 in FAVOLE LEGGENDE RACCONTI DI SAGGEZZA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: