Agli amici del Blog ed a tutti i miei amici virtuali… sarò assente per qualche giorno   4 comments

 
 
 
Care amiche e cari amici… virtuali
scusate la mia assenza di questi giorni
e soprattutto quella dei prossimi giorni
dovuta ad un importante avvenimento familiare…
il matrimonio di mio figlio Giorgio…
 
 
 
 
 
 
Cercherò nelle pieghe del tempo
di far ogni tanto un salto qui… per esser con voi…
ma sarà quasi impossibile…
 
 
 
 
 
 
E', come potete immaginare, un periodo impegnativo per me,
ma spero che tutto andrà bene e di poter tornar presto
insieme a voi nel nostro mondo virtuale… dorato e… sognante.
 

Tony Kospan

 
 
 
 

Breve ricordo del simpatico Peter van Wood… cantante ed astrologo…   Leave a comment

Pubblicato 19 settembre 2014 da tonykospan21 in Senza categoria

Arte e segreti – La mitica Primavera del Botticelli ed i simboli nascosti   Leave a comment

 

 

 

Un mitico dipinto, molto chiaro, perfino semplice…

ma che tuttavia, secondo lo stile dell'epoca,

nasconde tanti simboli ed il mistero del suo significato…

 

“Osserviamolo attentamente e…  da… vicino”

 

 

 

 

L’ENIGMA DELLA PRIMAVERA DEL BOTTICELLI

a cura di Tony Kospan
 
 
STORIA DEL DIPINTO


Raramente un dipinto che ha un oggetto così chiaro…, come questo…, nasconde invece tanti segreti interpretativi…

Commissionata al pittore fiorentino intorno al 1478, “La Primavera” è il più celebre dipinto mitologico del Quattrocento, ed è anche una delle creazioni più belle e più misteriose del Rinascimento.

Ancor oggi, nonostante i tantissimi studi da parte dei più grandi esperti d'arte, ci sfuggono sia la genesi precisa che i suoi veri significati

Nel 1498, pochi anni dopo la sua realizzazione, adornava il letto del giovane Lorenzo di Piefrancesco de’ Medici, nipote del Magnifico.

Sessant’anni più tardi, avendola vista nella villa medicea di Castello, Giorgio Vasari ce ne parla in un passo del suo celebre “Le Vite” ed in pratica ci consegna il titolo dell'opera “… un’altra Venere, che le Grazie la fioriscono, dinotando la Primavera: le quali da lui (Botticelli) con grazia si veggono espresse”.

 

 

 

 

AMBIENTAZIONE E PERSONAGGI RAPPRESENTATI

 

 

Nell'opera sono rappresentati nove personaggi posti in un boschetto ombroso, che si presentano allineati su un prato tappezzato da decine di fiori di vario genere.

 

 

 

 

L'ambientazione ricorda gli arazzi fiamminghi, noti come “millefiori“, all’epoca molto diffusi nelle case aristocratiche fiorentine.

L’identità delle nove figure sembra però ormai definitivamente accertata.

 

 

Venere

 

 

Al centro della composizione c'è Venere (per altri potrebbe essere invece Giunone per la sua posa serena).

 

 

 

 

Accanto a lei le tre Grazie: Talia la prosperità, Eufrosine la gioia e Aglaia lo splendore

Sia la dea che le altre figure femminili appaiono chiaramente incinte.






Sulla destra c'è Zefiro, la ninfa Cloris che si trasforma in Flora dalla splendida veste bianca decorata di corolle.

 

 

Cupido

 

 

In alto poi c'è Cupido e sull'estrema sinistra Mercurio.

 

 

LETTURA DEL DIPINTO

 

Va fatta contrariamente al solito… da destra verso sinistra.

 

 

Zefiro Cloris e Flora (da dx verso sin)

 

 

 

Zefiro, vento primaverile agguanta la ninfa Cloris che poi si trasforma in Floradea della Primavera… e dei fiori… 

 

 

 

Flora

 

Flora, pur non essendo il personaggio centrale, spicca però per la sua bellezza… e dà anche il nome al dipinto.

Accanto a Flora… al centro dipinto… la dea Venere (o Giunone) con un atteggiamento sereno saluta con la mano le tre Grazie che danzano in cerchio un ballo dell'epoca coperte solo di veli trasparenti.

 

 

 

Mercurio

 

 

Dall’alto Cupido alato scocca uno strale infuocato, mentre Mercurio, assorto, volgendo le spalle agli altri personaggi, tocca (indica? disperde?) le nuvole col caduceo (bastone con due serpenti attorcigliati intorno a esso). 

 

I DUBBI

 

L'aver individuato tutti i soggetti presenti non ha tuttavia risolto la spiegazione del senso complessivo del dipinto ed infatti si è molto discusso sui seguenti punti:


- Qual è il vero significato dell'opera e cosa accomuna le nove figure?


- Perché la dea e le altre figure femminili sono tutte incinte?

 

 

 

 

 

 

ALCUNE TRA LE SPIEGAZIONI PIU' ACCREDITATE

 

Il primo che tentò di risolvere il problema fu lo studioso tedesco Aby Warburg che ipotizzò anche un titolo più preciso per il dipinto “Regno di Venere”. Questo perché appaiono riunite figure mitologiche che generalmente sono associate alla dea, la quale è anche la divinità della primavera.

L’inglese Charles Dempsey, invece, ritenne che il quadro fosse la raffigurazione non solo della stagione primaverile, ma anche dei tre mesi di cui essa è composta: il mese dei venti, marzo, sarebbe simboleggiato da Zefiro-Cloris-Flora; Venere, Cupido e le Grazie alluderebbero ad aprile, il mese dell’amore; mentre Mercurio rappresenterebbe maggio, dato che il nome di tale mese derivò anticamente da quello di Maia, madre di Mercurio.

Altri studiosi hanno cercato figure storiche nascoste sotto i panni mitologici e così sono stati fatti i nomi di dame fiorentine per Flora e le tre Grazie.

Altri ancora hanno ipotizzato spiegazioni di tipo filosofico.

Il critico d’arte tedesco Erwin Panofsky, per esempio, ricordando i diversi tipi di Amore e le relative Veneri del Neoplatonismo, ha contrapposto la Venere celeste raffigurata nella “Nascita di Venere” – altro capolavoro del Botticelli – alla Venere terrena de “La Primavera”.

Lo storico dell’arte austriaco Ernst Gombrich, invece, ha interpretato il quadro come la raffigurazione della Venus-Humanitas, figura che il filosofo Marsilio Ficino raccomandava come guida spirituale in una lettera al giovane Lorenzo di Pierfrancesco de’ Medici, probabile destinatario del quadro.

“La Primavera”, dunque, è la visualizzazione di un dogma filosofico?

E' la rappresentazione di un ideale paradiso umanistico, immerso nella natura e abitato da un’umanità eternamente giovane e bella?

E' la raffigurazione di un complesso messaggio simbolico?

Oppure rappresenta semplicemente – secondo un’opinione oggi poco seguita – una mascherata di giovani fiorentini in una festa dell’epoca?

Il mistero intorno a questo straordinario dipinto è ancora fitto.

 

 

UNA PERSONALE INTERPRETAZIONE

 

 

Botticelli

 

 

Riguardandolo ora di nuovo tutto insieme, a mio parere, il dipinto appare in modo evidente un inno al sorgere ed all'affermarsi della Primavera come la bella stagione che, rompendo le rigidità e le oscurità invernali e con il sorgere dei fiori e la rinascita della natura, prepara il trionfo dell'estate.

 

 

 

 

 

 

Nel rappresentar ciò il Botticelli utilizza i simboli della mitologia classica e, a conferma della mia interpretazione,   attraverso l'immagine delle donne incinte esalta la primavera quale momento di “gestazione della natura che darà presto tutti i suoi frutti… al sole dell'estate. 

 

 

TONY KOSPAN

 

FONTI: VARI SITI WEB

 

 

 

 

Image and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPicImage and video hosting by TinyPic

ILTUO SALOTTO DI SOGNO DI FB?

APRI LO SCRIGNO

 
 

Vieni, sempre vieni – Amore… dolore e passione in questa intensa poesia di Vicente Aleixandre… Premio Nobel   1 comment

 
 
 
 
Una suggestiva poesia carica di passionalità spagnola
 
 
 
 
 
 


 

 

 

 

 

VIENI SEMPRE, VIENI

Poesia sublime di Vicente Aleixandre
 
 
 

Questa poesia, pur lunghetta, la si legge tutta d’un fiato…

 

 


E’ una grande poesia d’amore


con sensibilità spagnola  ed accenti di dolore…


che parla un linguaggio universale e profondo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sembra che i pensieri d’amore… come i versi rotolino

 

forti e solidi quasi assoluti…

 

e la passione è così intrisa di suggestioni

 

di sangue e morte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se volessi paragonarla ad un’opera d’arte

 

mi apparirebbe più una scultura che un dipinto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’amore viene vissuto come immerso nell’intera natura

 

quasi in una visione panteistica…

 

(fiume stella luce astro corteccia pelle carne carbone pietra metallo labbra… etc)

 

 

 

Questo poi è uno degli elementi

 

più caratteristici di tutta la poetica di questo grande autore.

 

 

 

 

Vicente Aleixandre
Siviglia 26 4 1898 – Madrid 13 12 1984
 
 
 
 

Vicente Aleixandre,

 

poeta spagnolo affetto fin da giovane da grave malattia,

 

è stato premio Nobel per la Letteratura nel 1977.

 

 

 

 

dolore.jpg image by faraluna

 

 

 

 

 

 

VIENI SEMPRE, VIENI

 

 

Vicente Aleixandre

 

 

 

 

Non avvicinarti.

 

 

La tua fronte, la tua infuocata fronte, la tua accesa fronte,


 

le impronte di certi baci,


 

questo bagliore che anche di giorno si vede se t’avvicini,


 

questo bagliore contagioso che mi rimane in mano,


 

questo fiume luminoso dove immergo le braccia,


 

dove non oso quasi bere,


 

per timore poi d’una vita d’ura ornai d’astro brillante.


 

Non voglio che tu viva in me come vive la luce,


 

con questo isolamento di stella che si unisce alla sua luce,


 

cui l’amore è negato attraverso lo spazio


 

duro e azzurro che separa e non unisce,


 

dove ogni astro inaccessibile


 

è una solitudine che, gemebonda, trasmette la sua tristezza.


 

La solitudine scintilla nel mondo senza amore.


 

La vita è una vivida corteccia,


 

una rugosa pelle immobile


 

dove l’uomo non può trovare il suo riposo,


 

per quanto scagli i suoi sogni contro un astro spento.


 

Ma tu non avvicinarti.


 

La tua fronte sfavillante,


 

carbone acceso che mi strappa alla stessa coscienza,


 

duello sfolgorante in cui di colpo provo la tentazione di morire,


 

di bruciarmi le labbra con il tuo contatto indelebile,


 

di sentirmi la carne disfarsi contro il tuo diamante rovente.


 

Non avvicinarti,


 

perché il tuo bacio si prolunga come l’urto impossibile delle stelle,


 

come lo spazio che all’improvviso s’incendia,


 

etere propagante dove la distruzione dei mondi


 

è un unico cuore che totalmente s’infiamma.


 

Vieni, vieni, vieni


 

come il carbone consunto e oscuro che racchiude una morte;


 

vieni come la notte cieca che mi avvicina il suo volto;


 

vieni come le due labbra segnate dal rosso,


 

per quella lunga linea che fonde i metalli.


 

vieni, vieni, amore mio; vieni, ermetica fronte, rotondità quasi movente


 

che brilli come un’orbita che nelle mie braccia si estingue;


 

vieni come due occhi o due profonde solitudini,


 

come due imperiosi richiami da una profondità che non conosco.


 

Vieni, vieni, morte, amore: vieni subito, ti distruggerò;


 

vieni, che voglio ammazzare, o amare, o morire, o darti tutto;


 

vieni, che tu rotoli come pietra lieve,


 

confusa come una luna che chiede i miei raggi!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CIAO DA TONY KOSPAN

.

.

.

.

IL TUO GRUPPO DI FB
ARTE MUSICA POESIA
INSIEME

Il marito che… invidiava la moglie – Oltre la barzelletta   Leave a comment



OLTRE LA VIGNETTA




Foto

Signora… posso aiutarla?




OLTRE LA BARZELLETTA



 

 

 

L’UOMO CHE INVIDIAVA LA MOGLIE

 


 


Un uomo stufo e stanco di andare al lavoro ogni giorno mentre la moglie stava a casa, pregò il Signore:
- Mio Dio, io vado tutti i giorni al lavoro per 8 ore mentre mia moglie sta semplicemente a casa. Vorrei tanto sapere cosa si prova ad invertire i ruoli, perciò ti prego: permetti che il suo corpo si scambi con il mio.
Amen!

Dio, nella sua infinita saggezza, accettò la richiesta dell’uomo.

La mattina seguente l’uomo si svegliò come donna. Si alzò, preparò la colazione per la famiglia, svegliò I bambini, li vestì per la scuola, li fece mangiare e preparò il loro pranzo, li portò a scuola; tornò a casa ed avviò la lavatrice, andò in tintoria ed in banca per fare un deposito, si fermò alla posta per pagare dei conti correnti, passò dal negozio di alimentari e infine riportò a casa la spesa. A casa pulì la cassetta del gatto e diede da mangiare al cane. Era già l’una del pomeriggio, quindi si sbrigò a fare i letti ed a pulire i bagni ed i pavimenti. Poi corse a scuola a riprendere i figli e sulla strada di casa parlò con loro di quanto era successo a scuola. Preparò per loro una merenda e gli organizzò il pomeriggio, poi cominciò a stirare mentre cercava di guardare un programma che le piaceva alla televisione. Alle 18:30 cominciò a sbucciare le patate e a lavare l’insalata, a cuocere la carne ed a preparare il sugo per la pasta. Dopo cena, lavò i piatti, pulì la cucina, raccolse il bucato, fece il bagno ai bambini e li mise a letto.



.

.

Alle 21, esausto e senza aver finito i suoi impegni giornalieri, andò a letto dove, tentando di non lamentarsi, fece l’amore.

La mattina seguente l’uomo si svegliò, saltò giù dal letto e immediatamente rivolse una preghiera al Signore:
- Io Dio, non so proprio cosa pensassi. Era un grave errore l’invidia per mia moglie che può stare a casa tutto il giorno! Ti prego dal profondo del mio cuore, fa tornare tutto come prima!
- Dio, nella sua infinita saggezza, rispose: figlio mio, penso che tu abbia imparato la lezione, e sarò contento di riportare le cose come erano prima.

Dovrai solo aspettare nove mesi, però: ieri notte sei rimasto… incinta!


.



CIAO DA TONY KOSPAN

 




LA PAGINA DI SOGNO DI FB?


Buonanotte con una bellissima minipoesia… In quell’istante… di Pablo Neruda   Leave a comment

 

 

 

 

IN QUELL’ISTANTE

Pablo Neruda

 

 

In quell’istante

ebbero termine i libri,

l’amicizia,

i tesori senza sosta accumulati,

la casa trasparente

che tu e io costruimmo:

tutto cessò d’esistere,

tranne i tuoi occhi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

by Tony Kospan

 

 

 

PER LE NOVITA' DEL BLOG

SE IL BLOG TI PIACE
I S C R I V I T I
 
 
 

Pubblicato 19 settembre 2014 da tonykospan21 in BUONANOTTE IN MINIPOESIA

Taggato con ,

L’amore è (L’amore ed i 4 elementi) – Aforisma di Tony Kospan   Leave a comment







L'AMORE E' (L'AMORE ED I 4 ELEMENTI)
Tony Kospan

L'amore è…
acqua
- come continuo movimento del cuore
aria
- come sentimento impalpabile ma reale…
terra
- come generazione della vita…
fuoco
- come il bruciare della passione…






L'amica Luna ha voluto dedicar a questo
mio modesto aforisma questo video carino…




Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.906 follower