Armando Trovajoli – Biografia ed alcune musiche… di un eclettico genio musicale   Leave a comment



L'anno scorso ci ha lasciati, all'età di 95 anni,
uno dei più grandi compositori del secolo scorso,
nonché grande pianista e direttore d'orchestra.






E' l'autore di – Roma nun fa la stupida stasera -,
nonché che di tante altre belle canzoni
e soprattutto di oltre 300 colonne sonore.

In realtà è stato uno dei musicisti più eclettici del '900
spaziando, sempre con successo, in ogni campo musicale. 


Roma 2.9.1917 – Roma 1.3.2013




BREVE BIOGRAFIA



Diplomatosi al Conservatorio S. Cecilia
da giovane alternò il suo interesse tra jazz e musica leggera.

Un grande impulso alla sua carriera artistica fu certo
l'inizio della collaborazione con Garinei e Giovannini
nei loro  spettacoli musicali da cui nacque
la mitica “Roma nun fa' la stupida stasera” su ricordata.






Tra le più note colonne sonore di commedie musicali
e cinematografiche ricordiamo quelle di
Rugantino, Aggiungi un posto a tavola, Ciao Rudy,
Riso amaro, Un giorno in pretura , Il vedovo, La ciociara,
Ieri, oggi, domani, I mostri, Matrimonio all'italiana ,
Nell'anno del Signore, C'eravamo tanti amati, Profumo di donna etc.

Ha avuto 2 matrimoni e 2 figli.



Qui è con la prima moglie



E' nota la sua predilezione per Sofia Loren
per la quale scrisse
Che m'è mparato a ffà”.


Nel 2007 ha anche ricevuto il premio
David di Donatello alla carriera.




Qui con la seconda moglie



LA SUA MUSICA



Possiamo ammirar la sua grande arte musicale


prima ascoltando la sua più bella creazione…








e poi questa sua esecuzione (tra le sue ultime)


all'Auditorium di Roma con l'Orchestra di Santa Cecilia.









Tony Kospan





IN FACEBOOK
 LA TUA PAGINA DI SOGNO
PSICHEESOGNO1RID.gif PSICHE E SOGNO picture by orsosognante

Buon martedì pomer. in poesia.. In pena per un cielo infranto di Eluard – arte.. P. Carrier-Belleuse – canzone.. Parlami di te   1 comment

 

 

Pierre Carrier-Belleuse
 
 
 
Di là dalle idee,
di là da ciò che è giusto e ingiusto,
c’è un luogo.
Incontriamoci là..
Rumi
 
 
 

 
 
 
 
 
Nota

Pierre Carrier-Belleuse – Alla finestra

 

 

IN PENA PER UN CIELO INFRANTO

Paul Eluard

 

In pena per un cielo infranto

per la pioggia che ci bagnerà

vado pensando alla gioia grande

che se vorremo ci prenderà.

Tra dovere ed inquietudine
 
esita questa vita rude.

(è una pena molto grande confessarlo, ora)

Qui ogni cosa odora d’erba.

Su tutto il cielo, in cielo,
 
il volo delle rondini

ci distrae, ci fa pensare…

Io penso una speranza quieta.

 
 
 
 
Pierre Carrier-Belleuse – Signora seduta
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 

 
DA ORSO TONY
 
 
 
 
 
IL GRUPPO DI CHI AMA VIVER L'ARTE…
I N S I E M E
 
 
 
 

Bel precetto cinese sul vero valore del… denaro…   Leave a comment



 

 

Il denaro è utile…

ma è solo un mezzo… non un fine

nè una divinità da adorare..

 

 

 

 

Il giusto rapporto tra noi ed il denaro

è fondamentale per non perder di vista

i veri valori della vita…

 

 


 

 

 

Mi piace molto in tal senso…

 questo precetto cinese…

 

 

 

 

 

 

IL DENARO

Precetto cinese

 

 

 

 

 

 

Può comprare una casa ma non un focolare;

Può comprare un letto ma non il sonno;

Può comprare un orologio ma non il tempo;

Può comprare un libro ma non la conoscenza;

Può comprare una posizione ma non il rispetto;

Può pagare il dottore ma non la salute;

Può comprare l’anima ma non la vita;

Può comprare il sesso ma non l’amore.

 

 

 

 

 

 

 

Se non va idolatrato…

certo non va nemmeno demonizzato…

essendo l'unico mezzo che fin dall'antichità

ci siamo inventati per acquisire beni e servizi… 

e per vivere una vita dignitosa… (T. K.)

 

 

 

 

 

 

 

 

CIAO DA TONY KOSPAN

 

 

 

 

 

stars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuarstars.gif stars picture by RaiodeLuar 
LE NOVITA' DEL BLOG
SE TI PIACE
I S C R I V I T I


Buonanotte con l’originale minipoesia… Mi hai dato 2 incarichi… di Viktor šklovskij   2 comments

 
 
 
 
Marcello Casamirra – Il mimo innamorato
 
 
 
 
 
MI HAI DATO…
- Viktor šklovskij -
 
Mi hai dato due incarichi:
non telefonarti… non vederti….
C’è anche un terzo incarico:
non pensare a te…
Ma tu,questo…
non me l’hai affidato…
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
DA TONY KOSPAN
 
 
 
 
 
 
 
PER LE NOVITA'
SE IL BLOG TI PIACE
ISCRIVITI
 
 
 

La caduta di un grosso meteorite in Russia – L’incredibile video ed il suo ritrovamento   1 comment

 

 




Raramente è stato possibile documentare

e filmare la caduta di un meteorite

 

 

 

 

Ciò però è accaduto in Russia

e la cosa ha impressionato tutto il mondo…

 

 

 

 

 

 

ECCO IL VIDEO


CON LE INCREDIBILI IMMAGINI

 

 

 







RITROVAMENTO E RECUPERO...

Dopo lunghe ricerche il 16 ottobre 2013

è stato rintracciato e recuperato un grosso pezzo del meteorite
(circa 570 kg) che era finito nel lago Čebarkul’.
...







Il meteorite, che cadendo aveva fatto un enorme buco

nel lago ghiacciato lasciando un'evidente traccia
(ma la zona è disagevole ed il clima è durissimo)
all'atto del recupero si è spezzato in 3 grossi massi.

 

...

 

 

Ciao da Tony Kospan

 

 

 

 


PER LE NOVITA' DEL BLOG
SE TI PIACE…
ISCRIVITI

 

 

Il saggio e la verità – I vantaggi della diplomazia… in questa simpatica favoletta   Leave a comment

 

 

 

Questa favola ci insegna una cosa molto semplice…

 

“Sparare” la verità senza accortezza

può causare molti problemi e pochi benefici…

mentre dirla con diplomazia ci può donare vantaggi…

 

 

 

 

IL SAGGIO E LA VERITA'

 

 

(musica fantasy)

 

 

 

 

 Una volta, un imperatore sognò di aver perso tutti i denti.
 Si svegliò spaventato e fece chiamare un saggio  in grado di interpretare il suo sogno.
 – Signore, che disgrazia! – esclamò il saggio.
 Ciascuno dei denti caduti rappresenta la perdita di un famigliare caro a Vostra Maestà .
 – Ma che insolente! – gridò l'imperatore.
 Come si permette di dire tale fesseria?
 Chiamò le guardie ordinando loro di  frustarlo.
 
 
 
 

 
 

 
 Chiese in seguito che cercassero un'altro saggio.
 L'altro saggio arrivò e disse:
 – Signore, vi attende una grande felicità!
 Il sogno rivela che lei vivrà più a lungo  di tutti i suoi parenti.
 Il volto dell'imperatore si illuminò.
 Chiese che venissero consegnate  cento monete d'oro a quel saggio.
 Quando costui lasciò il palazzo,  un suddito domandò:
- Com'è possibile?  
 L'interpretazione data da lei fu la stessa  del suo collega.
Tuttavia lui prese  delle frustate mentre lei ebbe delle monete d'oro!!
 
 




 

 
 - Mio amico – rispose il saggio. Tutto dipende da come si vedono le cose
 Questa è la grande sfida dell'umanità .
 Da ciò deriva la felicità  o l'infelicità ,  la pace o la guerra.
 La verità  va sempre detta, non c'è alcun dubbio,  ma il modo come la si dice… 
 E' quello che fa la differenza.
 La verità  deve essere comparata ad una pietra  preziosa.
Se la rinfacciamo a qualcuno,  può ferire, provocando rivolta.
 Ma se l'avvolgiamo in una delicata confezione e la offriamo con tenerezza, 
sarà sicuramente accettata con più felicità .
 
 
 

 

 

 

CIAO DA TONY KOSPAN

 

 

IN FACEBOOK
 LA TUA PAGINA DI SOGNO
PSICHEESOGNO1RID.gif PSICHE E SOGNO picture by orsosognante
 
 

Eloisa ed Abelardo – Storia e lettere di un grande amore medievale.. vero e passionale.. divenuto leggenda   Leave a comment



Chissà quante volte abbiamo ascoltato questi nomi…

ed ogni volta ci viene in mente che sono i protagonisti di una storia d'amore

ma poi, se ci chiediamo dove come e quando questa storia si è verificata…

allora per molti di noi cala la nebbia di un… vago ricordo..


 
 
 
 
Eloisa ed Abelardo


ELOISA ED ABELARDO

I PERSONAGGI.. LA STORIA.. IL MITO.. E LE LETTERE
DI UNA DELLE PIU' BELLE E PASSIONALI STORIE D'AMORE
a cura di Tony Kospan


160x65160x65160x65160x65 

 

 


 
 
 
I PERSONAGGI
 
 
CHI SONO DUNQUE… ELOISA ED ABELARDO?
 

 
Chiariamo subito che si tratta di una storia autentica… anche se poi è divenuta… mitica
 
Siamo nell'XI secolo in Francia e lo scenario è quello di Parigi
(Sarà anche per questo che è anche una delle capitali dell'amore?)
 
 
 

Abelardo

 

 

Pietro Abelardo è un giovane chierico e brillante professore di teologia di origine bretone e quando nel 1116 conosce Eloisa ha 39 anni ed è molto famoso.

 

 


Edmund Blair Leighton – Eloisa (partic.)

 

 

Eloisa, nata nel 1099 è una ragazza vivace ed in gamba che eccelle non solo negli studi classici ma anche in quelli scientifici.

All'età di 17 anni lo zio Fulberto, viste le sue notevoli qualità, decide di farle frequentare dei corsi tenuti da Abelardo.

Abelardo si innamora subito e perdutamente…

Eloisa aveva tutto ciò che più seduce gli amanti” sono queste le parole scritte dallo stesso Abelardo che ottiene perfino d'esser ospitato da Fulberto (che ne è entusiasta data la sua fama di miglior insegnante di Parigi) per starle più vicino.

 

Eloisa ed Abelardo

 


 

Eloisa cede all'amore ed alla passione:

“Col pretesto delle lezioni ci abbandonammo completamente all'amore, lo studio delle lettere ci offriva quegli angoli segreti che la passione predilige.”

 
 

 
Angelica Kauffmann – L'addio tra Eloisa e Abelardo


 
 
LA STORIA ED IL MITO
 
 
La storia di questo amore è divenuta, nell'immaginario collettivo, mitica… come quelle di Tristano e Isotta, Giuletta e Romeo, Paolo e Francesca… ma come dicevo su… è del tutto storicamente vera…



La storia del grande professore parigino e della sua bellissima e coltissima allieva
vede uniti diversi aspetti, conflittuali tra loro, quali quelli religiosi… culturali… passionali e razionali.



La vicenda storica lunga, convulsa, complessa e piena di avvenimenti, quasi tutti documentati, però non ha ahimé un lieto fine…

 
Possiamo solo dire che ci fu il pentimento di Abelardo ma non quello di Eloisa… ” Il piacere che ho conosciuto è stato così forte che non posso odiarlo”. 

L'immensità della forza vitale e suprema dell'amore cheleggiamo nel Cantico dei Cantici“non basterebbe l’acqua degli oceani a spegnere” è quello che, con chiarezza ed  emozione, possiamo evincere anche da questa grande storia… di mille anni fa.
 
Un giorno, se riesco, mi piacerà raccontarla in tutti i suoi aspetti… alcuni dei quali davvero sconcertanti… come l'evirazione di Abelardo decisa ed attuata dalla famiglia di Eloisa…

 
 

Musica del XIII secolo

 
 

 

LE LETTERE
 
 
Le lettere d'amore di Eloisa… che qui possiamo leggere
in alcuni brevi estratti… ci consentono di cogliere
la profondità la grandezza e la totalità del loro amore.

Rappresentano anche uno spaccato sincero e senza tabù,
ed aggiungerei… moderno… ,sulla loro esplosiva passione…
cosa sorprendente se pensiamo che siamo in pieno Medio Evo.
 
 
 
 
 
 
 
DA ELOISA AD ABELARDO
 
 
 
Eloisa ed Abelardo
 
 
I
 
 

“In una parola, cerchiamo l’amore nell’amore”
 
 
 
 
 
 
 
II
 
 
 
“Solo tu hai il potere di rendermi triste o donarmi gioia e conforto.
Il mio amore ha raggiunto tali vette di follia
che rubò a se stesso ciò che più agognava…
Ad un tuo cenno, subito cambiai il mio abito e i miei pensieri,
per dimostrarti che sei tu l'unico padrone
del mio corpo e della mia volontà.”
 

 
 
 
 
 
 
III
 
 
“Tutti si precipitavano a vederti quando apparivi in pubblico
e le donne ti seguivano con gli occhi voltando indietro il capo
quando ti incrociavano per la via [...]
Quale regina, quale donna potente
non invidiava le mie gioie e il mio letto?
Avevi due cose in particolare che ti rendevano subito caro:
la grazia della tua poesia e il fascino delle tue canzoni,
talenti davvero rari per un filosofo quale tu eri [...]
Eri giovane, bello, intelligente “







IV


Col pretesto delle lezioni ci abbandonammo completamente all’amore,
lo studio delle lettere ci offriva quegli angoli segreti
che la passione predilige.
Aperti i libri, le parole
si affannavano
di più intorno ad argomenti d’amore che di studio,
erano più numerosi i baci che le frasi,
la mano correva più spesso al seno che ai libri.
E ciò che si rifletteva nei nostri occhi
era molto più spesso l’amore

che non la pagina scritta oggetto della lezione.
Per non suscitare sospetti
la percuotevo spinto però dall’amore, non dal furore,
dall’affetto non dall’ira,
e queste percosse erano più soavi di qualsiasi
balsamo.
Il nostro desiderio non trascurò nessun aspetto dell’amore,
ogni volta che la nostra passione poté inventare qualcosa di insolito,
subito lo provammo, e quanto più eravamo inesperti in questi piaceri
tanto più ardentemente ci dedicavamo ad essi e non ci stancavamo mai.

Quanto più eravamo inesperti di quei giochi d’amore,
tanto più insistevamo nel procurarci il piacere
e non arrivavamo mai a stancarcene.
 
 
 

Eloisa ed Abelardo



V



.
.
.

Ti ho amato di un amore sconfinato (…)

mi è sempre stato più dolce il nome di amica e, se non ti scandalizzi,

quello di amante o prostituta, il mio cuore non era con me, ma con te”.



FINE

 

Fonti vari siti web

da Tony Kospan





IL GRUPPO DI CHI AMA L'ARTE
(IN SENSO LATO)
Ripped Note

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.889 follower